fiume

fiume
fiume della vita

mercoledì 18 novembre 2020

Mercurio Urano E Il Restituito Ad Afrodite

 










Ho cantato il sole al l'alba, al suo centro, e al tramonto
e cantato ho la pioggia allegra ai marcia piedi calzati o scalzati
  o furiosamente in battuto al pieno della testa a formazione grandine.

E cantato ho il vento che mescola i colori  
  diventando un casino senza impronta di ceduto
 in melodie d'amore che tutti li contiene
per Dubbio ed in certezza sospesa qualche volta e a termine. 

 La vita ho cantato senza economia di fiato
quando impastato ha il fango alla terra
umida di muschio e di erba zingarella.

Pur tuttavia imprevedibile e rapido fu sempre quel sentire 
 su l'improvviso apparire del l'altro occhio Astuto di lucida coscienza
 che umile si affianca al Creatore e a Lui diritto conduce  senza indugio
in sonorità di univoco vibrato misterioso ed alquanto irresistibile.

E tutto,          tutto 
fu spasmodica tensione di contrari per un 
mistico imprinting di fulmineo folgorante battito
 rubando a Hermes quel l' Occhio spadaccino che 
trascendendo dal dolente appassionato ingenuo cuore
ne fece incendio di sacrale luminosi guizzi
per riconsegnarlo poi alla originaria fronte
 assentata sempre di freschezza cristallina
si che in congiunti visionati 
tutto Intero il mondo ebbe    a 
Svuotarsi sempre più del più del più e ancora del più uno
 nel l'orbita del rivoluzionario Urano spazza tutto e
 fuori da ogni Ego di materica presenza
fastidiosa e ingombrante per ogni viaggio in corso.
Agli occhi un volteggiare indistinto di piumaggio.
Alternate lucertole di spada sul cambio del posizionato tridimensionale altro .


Ebe

 




  Glenn Gould PlayStation Bach













1 commento: