fiume

fiume
fiume della vita

giovedì 20 settembre 2012

QUELLO CHE NON PERDONO IN ASSOLUTO-OVVERO DELL'IGNAVIA

La scelta "evolutiva" del Perfetto Impero delle macchine



Tante sono le cose che guardo, passo oltre, detestandole sempre un pò se non fosse...

La povertà di spirito se non fosse...

L'acquiescenza all'obbedienza senza contrapporvi la criticità se non fosse...

La non attenzione ai bisogni elementari dandogli il valore concreto e il rispetto.Quelli sono il vivere d'un quotidiano vero e reale,gli strumenti per creare la forza dell'uomo o la sua debolezza se non fosse...

L'uso esagerato delle parole.Il "troppo" serve solo per nascondere qualcosa agli altri ,mascherano la confusione del cuore se non fosse...

L'orgoglio umano che esalta la vanità anzichè la consapevolezza del brevis vitae se non fosse...

Il pessimismo come fondamento di vita,l'ottimismo pragmatico che allontana dalla realtà se non fosse...

Chi rinnega i propri sogni di partenza confinandoli in soffitta ripescandoli,a volte, per sorridervi sul semplicismo incosciente che muove giovinezza se non fosse...

L'obbligato e il liberamente scelto a strade inghiottite senza alterità o riconoscendone il cocente prezzo a restare farfalla che si brucia al sole ma non al fuoco fatuo del lampione se non fosse...

La crudeltà a presentarci al mondo come corazza dura quando si era conformati ad essere altro.Mica è un merito se non fosse...

Il pietismo che consola  in comunità di ostia benedetta mentre guarda di sbieco il vicino scandogli l'interno e la fossa se non fosse...

Chi soffoca la vita nella letteratura ma anche chi ne disconosce lo strumento e il buon uso se non fosse...

Chi semplifica e falsifica che poi è la stessa cosa se non fosse...

Chi non vola e scava senza commuoversi alle proprie origini,a un nascimento ch'era patria e suolo straniero, nemico a volte se non fosse...

Di tutto un pò mi sono sporcata che,alle paure vigliacche tutti si è condannati e alla sopravvivenza pure, ma c'è una cosa che non conoscerò mai,che non capisco e che mai perdonerò, l'ignavia come giustificazione dei propri limiti,giacchè questa è solo un'immensa fioritura di monnezza-grettezza,d'omuncoli parassiti di dantesca infernale memoria.E questo procura invece a me un dolore che si avvicina alla rabbia, che nel suo processo evolutivo si trasformerà in disgusto,in distanza attraverso il differenziale io non sono.

Questi pensieri mi sono venuti, a caldo, all'alba di un giorno qualsiasi,di quasi fine settembre, apparentemente freddo o perlomeno ancora incerto di formiche, che desidero condividere coi passanti affinchè prendano ciò vogliono e gradisca loro di farlo,si vergognino,se ne fosse il caso,come un poco mi vergogno anch'io anche se lontana anni luce da quel vizio "capitale" che porta il nome di ignavia.

Da dove e perchè son saltate fuori queste lucide considerazioni? Mah! Forse mai sapremo se non da quei lampi di intuizione che sparano verità da prendere al volo senza che ci ammazzino.Forse, se non fosse...

Mirka



"Te recuerdo Amanda"




Le foto non sono mie ma di un'artista di cui mi sfugge il nome

42 commenti:

  1. Carissima,
    hai ragione su tutti i punti, (campi,fronti).Cosa resta in noi di tutto quello che hai detto? La vergogna d'aver peccato su tutti i punti,campi,fronti,la speranza d'essere ancora capaci di modificarci un pò pur sostenuti dall'implacabile dovere del sospetto a non farlo nell'onestà di scavare a fondo e trovare la coerenza a mettere in pratica il cambiato.Ti abbraccio con tanto affetto.Av R.S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie AVVOCATONE,ti abbraccio anch'io,Mirka

      Elimina
  2. Siamo antropologicamente inclini a falsificare,semplificando quello che ci torna comodo resti alla superficie.Non si sfugge in ogni caso alla coscienza del Re è nudo.
    Grazie col cuor mentre abbasso la testa .G.M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben detto,caro G.non si sfugge al Re è nudo.No no non abbassare la testa ma abbracciamoci che,amici (che si stimano) lo siamo per davvero.Mirka

      Elimina
  3. Come non condividere quanto hai scritto? E' con te che abbiamo ricordato giorni addietro il disprezzo dantesco per figure indegne dello stesso Inferno...la SOCIETA' LIQUIDA focalizzata negli ultimi anni da Bauman e nella quale ci troviamo coattivamente a vivere, esalta peraltro questa sfuggevolezza delle persone che però, al fondo, attiene al vizio capitale su cui giustamente insisti.

    Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si,ANDREA,esalta per togliere dalla coscienza il fastidio del "dovere" di presenza umiliando,per azzererarla la fiera quanto "disperata vitalità,unico simbolo vero d'ogni differenza.Questa però è la dolce vendetta di chi ignavo non è,d'esser "un zan Giobbe immezzo ar monnezzaro".Ah ah aha!Mirka

      Elimina
  4. Meglio guardare il cielo e prendere un buon caffè, all'alba.Queste considerazioni lasciamole a tutti quelli che si vestono per attrarre e per distrarre da ciò che sono in realtà, anche se nessuno è esente dalla vigliaccheria costantemente in agguato, che spesso non ci fa prendere posizioni chiare e nette neppure nel dentro di noi. Un grande abbraccio. F.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente F.meglio un cielo ancora indistinto e al profumo d'un buon caffè atristi considerazioni scaturite dal fumi della terra,indifferente a buone semine o a gramigna divorante il grano.A "noi" farle (ogni tanto),gustarci nu buon cafè, caldo e profumato al germe della vita e...non ti curar de lor.Abbraccione,Mirka

      Elimina
  5. Conosco molto bene la tua adamantina lucidità mentre si esplora ed esplora con lo sguardo chi ha davanti a se.Per questo mi emozioni sempre.Ti voglio bene.Elsa Fonda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si.ELSA,in questo mi trovi diamante scavato,sporcato,più sfaccettato di prima.Un giorno reciteremo insieme le poesie di Tagore.Ti va?...Bacio,Mirka

      Elimina
  6. Cara Mirka,il tuo "se non fosse" è terribilmente vero. L'ignavia è ributtante: il non fare né bene né male, il pigro disimpegno con la più o meno celata speranza del perdono divino. Dante relega gli ignavi nell'anti inferno perché "alcuna gloria i rei avrebber d'elli>", i veri peccatori potrebbero gloriarsi almeno di essere stati grandi nel male. Ecco.
    Interessanti considerazioni. E adesso spero di oter postare il commento perché l'ultima volta che ci ho provato me l'ha rifiutato tre volte e alla fine ho desistito.

    RispondiElimina
  7. Lindifferenza,che rasenta l'ignavia,anzi lo è,delle classi dominanti per i bisogni in cui muore la gente,non toglie colpa,anzi la accresce,in chi pubblicamente predica ed esige il rispetto e la pratica dei precetti evangelici.Ben ne conosciamo l'ipocrisia-arrogante e padrona che "tutti" i tempi imperò e trafisse.
    Per il resto,grazie per la visita.sempre gradita e interessante.Mirka

    RispondiElimina
  8. Interessante e intensa questa consapevolezza di fragilità umane,calcata dalla coscienza di una diversità,forte solo nell'esserci,per sangue e per chiarezza di mente.Ti abbraccio.Sergio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si,SERGIO,questa è l'unica cosa che non esito a precisare insieme alla mia umanità consapevole di molte fragilità e di qualche forza.Ricambio l'abbraccio,Mirka

      Elimina
  9. Spesso la mente è confusa e si diventa vigliacchi.Ciononostante urge l'imperativo di vedere chiaro spolverando la testa d'ogni corpuscolo e fanali, diresti tu,per trovare in noi quel coraggio che prima è mancato e c'ha fatto vergognare d'un comportamento indegno verso chi sappiamo essere bisognoso di sostegno per continuare il suo cammino unito a tutti gli altri uomini che lavorano per il bene della collettività.Grazie per ogni stimolo a riflettere che lasci,anche se so che fisicamente mi mancherai.Ori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'accordo ORI,la mente spesso si confonde e,solo nele col tempo si chiarisce,la "voce" che tutti dovremmo avere,quella che,quasi istintivamente abbiamo nel distinguo fra il bene e il male,nell'ESSERCI come nel NON esserci,è sostanza nostra di una precisa e chiara identità con la quale prima o poi...devi confrontarti,fosse solo nell'ultimo terribile istante.Bacio,Mirka

      Elimina
  10. Parole sante,carissima,sante.Gli ignavi sono le figure senza nessun colore e incapaci di connettività dell'insieme.Cellule morte e nulla più.Ricordo le discussioni fatte proprio su questo tema che ci tenevano svegli sino all'alba.Noi siamo gli stessi d'allora, anche se il tempo ci dice che non è più così.Mi hai commosso.Come sempre.Ciao.N.Samale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cellule tarlate dal foruncolo indagatore d'una coscienza farisaica, NIC che abbraccio con gli occhi pesti dal sonno mancato am lucidissimi di joie de vivre.Mirka

      Elimina
  11. Amica,ti leggo sempre con molto interesse e ti ascolto.Ti guardo come se tu fossi qui.La tua amica Lilli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amica LILLI è sempre bello sapere della condivivisione di molte cose.La musica è sicuramente una di queste.Con affetto,Mirka

      Elimina
  12. Gli ignavi! Bella moltitudine di categoria! Impostori che cavalcano gli affari loro,sbuffando sui singhiozzi del mondo.Ottimo post! F.D'Avossa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Progresso integrativo FABRIZIO o se vuoi l'era dell'Impero delle macchine in fregola verso l'assoluto silenzio dove neppure l"ascesi democratica" ha più senso nel suo fugace apparire.Mirka

      Elimina
  13. credo l'incertezza e la paura siano origine di tutto ciò, non solo, anche l'ignoranza e l'opportunismo sicuramente
    questo mondo sta snaturando l'essenza umana, ci mette in competizione, ci rende merce. Il disagio esistenziale non può che aumentare, soprattutto nelle menti più sensibili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque sia restiamo sempre noi a volere la non svendita e padroni d'affermarlo anche in povertà ma con pane spartito guardandoci serenamente negli occhi mentre si allunga una mano a brindare dall'unico bicchiere ma...lo vogliamo?...No.Costa troppo in perdite di comodità.
      Mirka

      Elimina
  14. QUANTA sofferta interiorità in Dante!
    L’etica del darsi fino al martirio, insensatamente solidale con ciò che la vita dà, totalmente disponibile a prendersi cura del mondo......No, non è la parola del poeta che risuona, grande Ebe...Ti abbraccio.Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'etica MARIA è nel dare pienezza consapevole alla vita magari trasformandola in versi di poesia morale.Un bacio,Mirka

      Elimina
  15. Questo è il commento che dicevi di aspettare.
    Enzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa ENZO ma non ho capito.Ciao,Mirka

      Elimina
  16. Sicuramente è un equivoco nato da una mia dimenticanza: quello che volevo dirti sta tutto in un click sul mio nome. Se ti fa piacere,
    Lincenera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah! Avevo visto il tuo profilo di siculo doc e...solittario!!! Merci ENZO e...gloria in excelsis Deo.Mirka

      Elimina
  17. Forse,dei tanti vizi capitali,l'ignavia è quello che più ho in odio.E'liquidità pura per la paura d'assumersi l'impegno a rendersi visibili.Pavidi impermeabili al pensiero a lungo termine,terrorizzazi e,non esagero, per la responsabilità del sentirsi anelli di una stessa catena umana.Ambivalenti del vivere,insomma, con nessuna cura all'orizzonte neppure in avvio di sperimentazione.Purtroppo! Brutta genia,a dir poco! Bel post,Mirka, anche se dubito toccherà nel fondo chi lo leggerà.Paolo P.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti PAOLO non ci sono vie d'uscita per questa "genia" come giustamente tu l'hai RIbattezzata,nè cure all'orizzonte.Forse solo i loro liquidi tormenti.Ciao,Mirka

      Elimina
  18. Gli ignavi sono i camerieri che chiudono gli occhi sulle porcate dei loro padri-padroni-aguzzini,illudendosi che il "bene" verrà poi.Enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il "bene" è solo nei segni "concreti" quanto silenziosi,che si lascia in tracce da seguire e,che resistono come valore di vecchio da nutrire e non da buttare nel bidone della spazzatura insieme a tutte le varie e svariate porcate.Mirka

      Elimina
  19. Superficiali per paura,idioti per non dire folli, perchè fanno finta di vivere quando non esistono.
    Un post dal quale partire e ragionarci seriamente.Debora S.

    RispondiElimina
  20. Gli ignavi non conosceranno mai la bellezza intessuta di dolore, uscita in modo inimmaginabile quando si prova a correggere il capolavoro che siamo, danneggiato dai nostri stessi errori. No.Tu non appartieni certamente a queste larve che fagocitano palude.Klaus V.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. DEBORA e KLAUS si,gli ignavi non conosceranno mai la bellezza d'essere stati vivi malgradotuttoeciònonostante.Mirka

      Elimina
  21. Gli ignavi non si vedranno mai crescere moralmente,e questo è un girone d'inferno che non conosce felicità di nessun ritorno.Ciao.Ottimo post.Valentino

    RispondiElimina
  22. Dal momento che il "presente" è fatto di questi strateghi del dis-impegno ad essere e,incuranti di lasciare per il "futuro" neppure una scia di lumaca,che i "pochi", fuori da quel girone,provino almeno loro a dar significato a una forma in essere come principio da cui partire.Ciao,Mirka

    RispondiElimina
  23. Si possono educare gli ignavi? No.Ci si può provare,ma consapevoli degli scaesi risultati.Un post sollecitativo e lucido.M.Lussurgiu

    RispondiElimina
  24. L'educazione deve partire innanzi tutto da un cuore predisposto a riceverla. Non credo che,per gli ignavi la porta del cuore si sia mai socchiusa.Ma se anche questo fosse avvenuto,diffidenza e paura hanno pensato e agito a chiuderla subito.
    Scusami M. se rispondo con ritardo a questo tuo commento.Mi era sfuggito,e non per incuria. Mirka

    RispondiElimina
  25. Gli ignavi! Incapaci di sognare come di vivere in comunità. Gente inutile.Da buttare.E meno male che c'ha già pensato il nostro eterno grande poeta.Bravissima! Bacissimi.Carlotta e S.

    RispondiElimina