fiume

fiume
fiume della vita

mercoledì 27 aprile 2016

LAMPO SENZA IL FRAGORE DEL TUONO







Ho riposto nel cassetto  
ogni percepita  verità 

  le     raccoglierà 
il lampo dell'ultima ora 

  o come gelide braci danzeranno
 sulla bocca attonita dei passanti

qualcuno incredulo le raccoglierà
 o  si divertirà come fosse il gioco 

di una luce improvvisa (S)puntata
 su un inedito brivido un pò strano

 un calendoscopio puntato
al centro di un puntino acceso.    



Mirka


Nessun Dorma  (Turandot -G. Puccini)



domenica 24 aprile 2016

25 APRILE 2016 - RESISTENZA - ORA COME ALLORA




La pace fra gli oppressi   la guerra agli oppressor



 Su fratelli e su compagne    come sembra già preistoria quel tempo    Su venite in fitta schiera   quasi una parodia     Compagni avanti il gran partito    si contorcono le viscere e lamentano     su venite in fitta schiera    fuggiti gli eroi avanti il gregge     Alla mattina mi sono alzato    un sasso al vetro della finestra e il canto rimbomba su tutti i muri della casa  risuonano in ogni anfratto del mio corpo     Compagni fratelli Cervi cosa importa se si muore     Ecco oggi è questo il mio tempo e Dio solo sa come invece vorrei gridare  la Pace e Non La Guerra.     Eppure le  pagine fitte fitte dei quaderni di mia madre che ho sotto gli occhi m'inducono a rivivere quel tempo di adesioni ferme e volontarie, di cordoni segreti,  le irruzioni nelle case, le retate per le strade coi mostri neri in agguato,  i primi assembramenti spontanei di movimenti contro il nemico (i tedeschi ) che accomunavano tutti, dai comunisti ai cattolici (Giancarlo Puecher)  dagli sbandati usciti dal carcere o dal confino o dall'emigrazione agli operai, dai braccianti agli artigiani,  dai ragazzi della borghesia a cui la lotta, contro, appariva come la continuazione delle battaglie  risorgimentali  alle giovani donne.  Quelle giovani donne che, quasi con allegria sfuggivano ai guardiani del focolare. (Alcune di loro saranno vere e proprie eroine -Egle Gualdi- Vera e Libera Arduini  -Elvira la leggendaria mamma dei Pajetta  -Irma Bandiera sottoposta alle più terribili torture sino a cavarle gli occhi per poi trucidarla sulla strada, ma che, dura come l'acciaio accettò d'imolarsi alle brutalità senza rivelare il nome dei compagni).   Questo voglio ricordare oggi.   E sarà il mio sangue a farlo anche contro la mia stessa volontà. Perchè insieme a questo dovere di Memoria, sarà la  coscienza a tenere viva l'attenzione per non cadere in nessun tipo di sconforto. Perchè lottare per la Libertà e la Giustizia sono valori che non si possono cancellare per paure, per rassegnazione, o per delega, ma hanno l'obbligo di restare presenti come consapevolezza dell'indistruttibile cordone ombelicale che lega il tempo vecchio al tempo nuovo.  E quello nuovo è ora.  E forse è guerra sicuramente Resistenza.   Mirka






 Nota: La fotografia sopra è di Fernanda Menozzi mia zia, staffetta partigiana insieme alla sorella Bianca mia madre. Quella sotto, la festa della Liberazione tenuta a Novellara di R. E.

sabato 23 aprile 2016

TRA IL FOGLIAME NON VIDI










Un cinguettio nel fitto del fogliame
mi destò alla nascosta vita
La vita che liberamente amai e

 amo

Un sussulto preannunciato 
 dal rapido battere di ciglia
il certo passo verso quel fogliame

serrate le mani a modo di preghiera   
continuò a cantare l'uccellino              io
nel mio calvario che coltivava dubbi

lo vedrò non lo vedrò.

Non lo vidi  ma intera nella mente
 quel canto mi lasciò la foresta non copiata e
il Dio a guardia dei cannibali    galanti

  la prima farfalla  tra le dita 
 strette e ancor congiunte
 in semplice  preghiera muta

 le ridiede il volo.


Mirka


"Dolce sentire"  (Dal film Chiara e Francesco)



giovedì 21 aprile 2016

LA BICICLETTA COLOR MARANELLO





Su un muretto un poco diroccato
una bicicletta dal color Maranello
bussò alla porticina della mia mente

Nostalgia

di puledre gambe   rigate dal sole
il ruscello canterino in lontananza
la campanella  dell'Ave Maria
l'erba già alta col vento
 che   la   scompigliava
i sogni in testa come il pozzo 
della vecchia casa di mamma mia
un fioretto al Dio  perchè  ne esaudisse 
almeno                                            uno.

Felicità

fatta di sole  di vestina al vento
 e dell'impronta  appena  accennata

di quell'erba            scompigliata
come un abbraccio disordinato e stretto

una canzone trattenuta     l'attimo
giusto     per dare    vita all'eterno
il futuro nel presente  d'ogni pedalata.

Mirka




"La vie en rose"

martedì 19 aprile 2016

IL PRATO ROSSO

Questa fotografia è stata presa da Internet

Davanti a me c'era Chopin.  Magia del suono. Magia dell'immaginazione. Magia della cospirazione.  E davanti a me tutta la Rivoluzione del rosso. Dai fiori con le loro multiple testine colorate, alla natura così ricca di sussurri misteriosi, agli animali coi loro  linguaggi trasmittenti, agli uomini, tutti, nelle loro fronti riflettenti luce.   Mi sono detta   Se ogni cosa bella combaciasse sarebbe un eterno Inno di vittoria. Vittoria su ogni chiusura di gretto egoismo,  su ogni muro eretto senza un dinamico pensiero,  su ogni confine che ingloba su rumori lasciando fuori il silenzio che parla alla coscienza.  Solo un trono di prato con liberi papaveri,avremmo davanti.  Un labirinto di rosso e verde dove perdersi e ritrovarsi come anime antiche che non conoscono tempo se non quello della loro fioritura.  Mirka



"Revolutionary" ( Etude n.12 C minor Op 10- F. Chopin)



sabato 16 aprile 2016

PICCOLE MANI








Piccole mani che 
un giorno mi appariste
così ricche di aquiloni

Dove siee?

Navigate forse in ignote vibrazioni
 che solo io sento 
nella notte quando spenta si è 
 la lucciola che risveglia e veglia i
 sogni

Rimbalzano nella testa
cupi
come forzate risate
dentro
una casa abitata dai fantasmi

dove siete? 

l'eco risponde
 nella voluttà di quel cielo
ormai perso nel punto più alto 
del suo meriggio perfetto

voluttà di tenere visioni e...

più nulla.   


Mirka





"Per Elisa" (Bagatelle N.25 A min -L.van Beethoven)


martedì 12 aprile 2016

PROFONDITA'



   ...si era creata tra di loro un'intimità così profonda da esigere il più assoluto silenzio.   Paride allungò la mano.  Trovò pronta quella di lei. La strinse.  Sentì la stessa pressione, forte e sicura .Nel buio i loro sguardi s'incrociarono verso un'unica misteriosa direzione.  Si addormentarono felici di quel muto dialogo certi di ritrovare al mattino, e non importava Dove, i rispettivi familiari cinguettii..   Mirka   (estrapolato dai Racconti Il Desino Nel Nome)




Andante (Concerto n. 21 in C Major k 467 Mozart-  Elvira Madigan)








domenica 10 aprile 2016

LA CAMALEONTICA 500 BLU




C'era la neve   
 la neve bianca 

bianca come una Sposa

 vera  

 il sangue scorreva svelto

 nelle vene  

 il sogno dentro la realtà 
 di una piccola auto Blu che
 gli occhi vedevano

 rossa

  Poesia d'amore   

  fuori  il mondo e i giornali 

tutti

  unico libro

 noi  

 gareggiava la Felicità

libidinosa

 senza  freno 

Libera 

Unica regola 

autoguidata mentre

 Tremavano i vetri-

Mirka



'Blowin' in The Wind



venerdì 8 aprile 2016

L 'ODORE SOLIDO DEL MALE



Un pò di tempo fa, il cappellano delle Carceri di Rebibbia,certo padre Venanzio, una persona splendida nel suo esercizio di culto,umano,profondamente consapevole della missione scelta come tale e del quale mi onora l'amicizia, m'invitò a tenere un concerto di canto durante il rito della Messa . Si era in prossimità delle feste natalizie. Dapprima fui riluttante (non è facile portare gioia in quei posti di espiazione ) poi diedi il Si determinata a vivere  anche questa Esperienza impiegando quei talenti avuti in prestito ma soprattutto per sentire sulla pelle come poteva essere l'odore del male.     Non nascondo  i brividi  del silenzio che mi accompagnarono durante e per tutto il tragitto sino alla cappella del Carcere. Ho ancora nelle orecchie,anche a distanza di tempo,il lugubre stridore dei vari cancelli mentre si aprivano, il sottofondo cupo e inquietante delle varie atmosfere, il freddo malgrado il caldissimo cappotto di cachemire.   Ricordo che a un certo punto,di colpo,senza un motivo logistico che giustificasse quell'arresto, inspiegabilmente sentii che tutto il mio corpo si stava trasformando in ghiaccio. Istintivamente e anche questo in modo inspiegabile volsi la testa alla mia sinistra. La guardia che mi accompagnava seguendo la direzione del mio sguardo mi sussurrò, senza fermarsi e guardando in  avanti  quella è la parte dei più gravi.  Lì ci sta Riina.      Solo il Canto ebbe il potere di sciogliere il ghiaccio con cui aveva preso forma il mio corpo insieme al caldo delle mie lacrime unite alle milionesime gocce di tante umanità sofferenti.    Ma, solo adesso, a distanza da quella fortissima Esperienza so cosa significa per me l'odore del Male che sento sempre sulla pelle prima ancora di farne consapevole esperienza. Freddo di Caverna. Ghiaccio che si forma nelle vene e che fa male sino a martoriare il corpo, sino a  farne scempio,sino a finirlo e anche lì lo sai.  Ho  imparato a riconoscerlo, quel gelo, alla prima alzata di un pelo.    Solo l'anima sa e guida lontano, libera e mai soggiacente.
Mirka



"Pietà Signore" ( A. Stradella)
 
Nota:   Si racconta che, Alessandro Stradella, conosciuto anche per libertino, morì in un agguato teso dai suoi molti nemici poco tempo dopo avere composto questa straordinaria supplica da Chiesa. Una coincidenza veramente particolare

giovedì 7 aprile 2016

INTRECCI E IL PIANTO DI UN BAMBINO





Primi di aprile. L'aria invia profumi e il primo caldo del sole.  E bello tenere la finestra aperta  fare i propri compiti quotidiani   scrivere.  Scrivere per me è uno di questi compiti quotidiani.  Come bere due bicchieri d'acqua al mattino  disfare il letto e rifarlo   qualche flessione per sfidare la ruggine o la muffa   lavare la tazzina del caffè   ascoltare o suonare al pianoforte uno dei preludi di Bach del clavicembalo ben temperato  ecc.   Quando scrivo sono fortemente concentrata e nulla mi può distogliere ne il telefono ne i rumori proveniente dall'esterno.   Eppure questa mattina mi attirò il pianto di un bimbo. Sono sempre molto sensibile ai bimbi, sia che ridano sia che piangano.   Il piccolo poteva avere otto mesi o verso lì.  Ho in memoria il distinguo per affermarlo.   Due voci adulte s'intrecciarono. Pensai  saranno dei nonni che hanno avuto in affido il piccolo.  E provai tenerezza immaginando l'ansia, sicuramente eccessiva, ( che coliche al pancino, il dentino che fora la tenera gengiva fa urlare il giorno e poi anche la notte  ) la preoccupazione,l'impotenza per i mille dubbi, la responsabilità.   Oppure, mi dissi,saranno due giovani (adulti) alle prese col primo bambino.   Pensai con orgoglio ai miei figli e a molti altri giovani.     Sotto alcuni aspetti i giovani d'oggi sono più maturi e realisti della mia generazione.   I miei genitori venivano da una guerra atroce e devastante,maturi oltre la stessa giovinezza e costretti a costruire (sulle macerie) senza pensare ai sogni se non solidificandoli  nella semina di un presente per risanare le profonde ferite e dar loro consistenza di nuovo e di speranza . Per cui lavorare (sodo, trascurando in parte anche la famiglia) era per loro una sintesi tra passato e una forza rivoluzionaria che faceva convergere il fare con la coscienza rigorosa,forse, incuranti,per necessità,alla formazione in atto che si stava formando nel tessuto sociale e  percependo  piano piano l'amaro della disuguaglianza di una pseudo democrazia  con relativa soggezione, da parte di molti, anche se blandita dalla carezza dell'uguaglianza e dalla libertà  (formale) data come promessa nell'uovo pasquale e abilmente divulgata dai media.  Cosa che noi,nati da quella generazione dura e forte di quei sopravvissuti alla tragedia della guerra,  il Sogno ve l'inserimmo, pur attentissimi a tutti i più lievi cambiamenti d'umore e di inserimenti politici e sbottavamo immediati e irruenti  svelando senza mezzi termini il nuovo del padrone. Perchè noi volevamo veramente un mondo nuovo, e credevamo che solo snidando i nemici di sempre,togliendo loro la maschera d'ogni buonismo fosse l'unica cosa doverosa da fare, l'unica virtù che valesse quanto la vita, il sentimento più vero e ardente contro ogni Democrazia col manganello nei pantaloni.      A questo pensavo mentre davo valore a quel tipo di giovani e a quel lato di maturità che aveva loro permesso di  potere estrarre il positivo (buono) dalle lezioni negative lasciate da noi.  E di questo ne sono convinta come sono consapevole dello spietato impietoso giudizio a noi riservato.   Cosi che,  nell'orgoglio iniziale si frammise la profonda tristezza per l'ingiusto (cattivo) chiuso dalla corazza del freddo egoismo.   Mi dissi un giorno quando questi giovani saranno arrivati alla mia stessa riva capiranno e smarriti si spazzeranno dal volto un'invisibile lacrima per un tardivo rimpianto di non esserecstati capaci di scavare oltre la superficie e dentro un'umanità forse anche fragile ma fatta con la sostanza dei miracoli. Andai alla finestra per chiuderla. Dal mio balcone il primo fiore blu. Sorrisi perchè nel frattempo anche il bimbo si era acquietato. Mi sono detta ora saranno gli Angeli a vegliare su di lui.   Con lentezza m'incamminai al lettore per mettere un cd della mia musica preferita.   Se non fosse stato l'improvviso della pancia a ricordarmi del negozio più vicino per mettere anche lei tranquilla.   La quotidianità.

Mirka




"Shape Of My Heart"