fiume

fiume
fiume della vita

martedì 30 giugno 2015

LE NOZZE E I MARTELLETTI DI MEMORIA




Dentro la casa trambusto   un trambusto di festa come di Vita che s'impone per scopo e finalità di produzione.   Una lieve sensazione di estraneità e frastornata da tanto chiasso,fece da spinta ad uscire sul balcone.   M'accolse il silenzio Amico  portato dallo stormir di fronde,dagli abeti e dai pini   il sussurro di un'antica favola di principi e principesse   arcobaleni aurorali   u'unico aquilone rosso a forma di cuore   un'unica bocca aperta a inseguirlo   l'aria calda evaporante fresco e frescura   un pizzico di malinconia.   Rilassata e tranquilla respirai a lungo  bevendo avidamente la bellezza di quel posto   poi   in lontananza un mormorio  indistinto appena percepibile all'orecchio ma sempre più chiaro catturò tutta la mia attenzione.   Un ruscelletto.   E tutto fu lì dove i giorni parevano allegri martelletti d'eternità appuntata alla nuvola di un seno   l'ombra blu su una coscia guardata con stupore felice di ritrovarla ad ogni alba del giorno.  Il mio sogno ferito dentro a un orologio fermo.   Eppure fu proprio grazie a quel' Evento di felicità se  alla memoria guizzò la vita d'allora,coi suoi suoni e i silenzi improvvisi a far festa    rivivendola come se non fosse passata  agganciata ancora al presente di un indeterminato, forse solo interrotto come si fa per un discorso quando suonano la porta.  Mirka





"Ecco mormorar l'onde" (Claudio Monteverdi)


giovedì 25 giugno 2015

LA FARFALLA BIANCA



 Tra il vecchio e il nuovo fogliame il vento mi portò una farfalla bianca.

   Nella sua innocente sapienza senza peso pulsarono tutti i colori dell'estate.   

Unica indiscussa sovrana Signora di bellezza su tutte le miserie umane Lei,nel suo lieve volo felice. 

 Sa che il suo Tempo è breve nella sua rete di magiche ombre e colori.

 Fossero i bipedi ad averne coscienza lasciandone sostanza senza far rumore.

 Mirka


"Zorba Dance




(








sabato 20 giugno 2015

L'EGOISTA

Ogni giorno li incontro. Duri nella loro bellezza tronfia e indifferente. E' una specie che mai crollerà.  Sopravvissuto a qualche dubbio d'origine che gli infiora il crine,vive,ora,riconciliato alla sua fedeltà,prima sudata resistenza di finzione,poi impassibile proprietà impressa sfrontatamente sulla faccia nel trionfo dei più forti più belli.   Altro non vede e,se d'un tratto qualcosa gli si infila tra una pausa e l'altra della "sua" festa e spezzato ne avesse il ritmo,l'ira lo prende, scimmiesco diviene e senza più finzione mostra i bei bicipiti abbronzati al volto inerme che gli sta davanti o se lo non lo fa l'ignora come fosse morto.   L'egoista è spesso anche stupido,geloso com'è di ogni cosa viva e che ancora non ha compreso quanto sia fasullo il potere della proprietà anche se curata e vezzeggiata onde assicurargli la scusante di proteggerla.   Conosco quel cambio improvviso e il suo gran daffare per mostrare le regole del gioco.  Allora ammutolisco e alzo gli occhi alla prima nuvola che passa per non mostrar rugiada che zampilla su pietra come da strada.     E mai saprà se a far brillare quella pietra furono le ultime stelle di lontana primavera o lo spruzzo di un piscio. La mia fiera semplice vendetta. L'egoista.

sabato 13 giugno 2015

IL SOGNO E L'AVE VERUM DI MOZART


Ti ho sognato, Madre. Avevi un buco nel lato sinistro del costato.  Inebetita continuavo a guardare senza riuscire a proferire parola e neppure a un qualcosa che assomiglasse a un singhiozzo    poi         Mi son detta "L'ho riempirò con la musica. "   Un fremito o forse un brivido mi rispose  e con istinto sicuro andai all'Ave Verum Corpus natum di Mozart.      Un battito   un pulsare svelto  e la Vita riprese in un fiore spuntato all'improvviso   e tutto fu amore    un racconto d'amore    portato dalle campane degli angeli e dall'amore di Dio,   nel miracolo di quella musica pura    nel desiderio di chi la concepì come vita che non si arresta mentre finisce   senza ostacoli esterni ma come bisogno di un Sogno Universale che comunichi la    serenità    dopo le lotte   il mistero del dolore    l'uomo col suo doppio e i suoi limiti    superato   trasceso  con la preghiera di un canto.   Un massimo puro di un paradigma ideale.       Avrà mai fine il Tempo?  Si. Ma solo in quelle monocellule di cui siamo composti.  Mozart trascese anche queste e guidò là      dove sempre pulserà la vita.   La vita immortale.  Minuscoli luminescenti frammenti di risorte energie.

Mirka



"Ave Verum Corpus"  ( K.618 -W A Mozart)






















giovedì 11 giugno 2015

LA TRECCIA CASTANA (rivivendo Evtusenko)



Era bella la sua treccia castana e forte,nel suo scintillar di rame appena lucidato.  Semplice e fonda come un pensiero di Lenin che lei sentiva Vita    Un dubbio sciolse la treccia  e divenne manto a proteggerle le spalle .  Si disse: Fu l'inquietudine a sciogliermi la treccia   mi fermerò un poco    canterò l'Ave Maria   guarderò scorrere il fiume e lascerò che i giorni vi si infilino dentro per capire da che parte ha tirato il vento di bandiera   immaginerò una Rivoluzione lenta e decisa  ma che scardini come un vulcano     un colore che continui a parlare di rosso   un peso lieve che esploda  come parola precisa e ferma che centri il bersaglio e ne saldi la vittoria senza darsi troppo vanto     e da lì l'avvio imprevedibile di una forza essenziale e inarrestabile scaturita  da un'alchemica utopica bara di  sogni quale io sono e resto.     E come per un gioco di specchi più che una giovane donna mi rividi Bambina  allegra e senza alcun pensiero se non dentro al gioco del fare e disfare quella treccia castana   così   senza dubbi    ma come un'anima già Predestinata a marciare con scarponi,  scarpe rotte,  e solo a volte i tacchi a punta di spillo.   E nel mentre...    rivedevo quella grande quercia ch'era la mia zia Fernanda. Concreta e di pochi sogni se non la notte.

Mirka

"La guardia rossa" 




mercoledì 10 giugno 2015

EUGENIJ EVTUSENKO QUANDO UN POETA CONTINUA A EMOZIONARMI




COSI' COMINCIO'

Così cominciò,là

                    in fondo alle scale
che tu scendevi di corsa
appena suonava il segnale di fine
                   dell'ultima lezione
là,nella allegra ressa
 presso gli spogliatoi,
                  protendendo con mano
di febbre la tua contromarca.
Così cominciò,là
                    nella banda di ragazzi accaldati
(sorridessero pure con malizia
le bambine,vedendoti passare!)
correvi,a perdifiato,
facendo a pallate con l'umida neve.
Per un attimo balenavano in fuga
                    fiumiciattoli,
                                              nuvole,                 
                                                            borgate,
ma ai tuoi occhi su tutto dominava
                  quell'unica cosa;
la cosa di cui,ora,sentivi forte la mancanza,
e non potevi comunque sapere ancora
                                        che cosa.
Volevi amore---
                       amore vero,
                                              senza trucco,
e comunque tu riesca adesso
                     a ingannare te stesso,
volevi---non negare!---un amore felice,
e se questo non fosse stato possibile,
ti saresti contentato anche di un amore infelice:
                                                                               ti bastava solo
che fosse l'amore...

1952


tu sei grande in amore


Tu sei grande in amore, 

                                          e temeraria.
Io timido a ogni passo.
Non ti farò del male---
ma di farti del bene sarò capace?
Sempre mi pare come se per un bosco
senza sentieri tu mi conducessi per mano.
Fiori addormentati alti fino alla cintola.
Che fiori siano
                          non capisco...
Le vecchie regole e abitudini a nulla servono.
Non so:
                 che cosa fare, e come.
Sei stanca.
                    Prenderti fra le braccia.
Sei già fra le mie braccia.
Davanti a noi tutto è limpido,
                                                 mattinale,
giovane,
           tutto invita al cammino.
Tu sei quieta,
                          e la camicetta
                                                     a ogni respiro
gli erti seni sollevano.
Vedi
   come è azzurro il cielo?
Odi,
quali uccelli nella foresta?...
E tu,dunque,perchè?...
                                   Sù?
                                                  Portami!
Ma dove ti porterò?...

1954


INVIDIA


Sono invidioso.

                     E' un segreto
che non ho mai rivelato a nessuno.
So che da qualche parte esiste
un ragazzaccio di cui sono
                                            molto invidioso.
Lo invidio per come si batte---
così audace e ingenuo
al tempo stesso,
                                 come io non fui mai.
Sono invidioso
                           per come ride---
di ridere così io non ero capace,
                                                    quando ero ragazzo.
Lui sempre pieno di sbucciature e bozzi---
io sempre più pettinato,più illeso.
Tutti quei passi,nei libri,che leggendo io saltavo,
lui non li salta.
                            Anche in questo è più fore.
Sarà onesto,
                      ma di una feroce rettitudine,
se occorrerà lottare per la verità ed il bene.
E là dove io ho gettato la penna,fra me dicendo:
                                                                                  "Non ne vale la pena..."
"Certo che vale!" dirà lui,
e in mano
                   riprenderà la penna.
Ciò che non potrà sciogliere,
                                                 lo taglierà.
Io,ciò che non sciolgo,
                                            neppure lo taglio.
Se si innamorerà,
                                     sarà un amore imperituro.
Io,sempre
             riproverò ad amare,
                                                   ma passerà l'amore.
La mia invidia,dissimulerò---
                                             e sorridendo
farfuglierò come un sempliciotto:
"Deve pur esserci,in questo mondo,anche chi sbaglia,
chi vive,mi capisci,
                                       nell'errore..."
Ma per quanto io mi sforzi
                                            di convincermi e fra me ripeta:
                                                                                                 "Ognuno ha il suo destino..."
non so dimenticare che
                                        da qualche parte esiste
                                                                                un ragazzaccio,
che saprà sempre avere 
                                           più di me.

1955



Ve l'ho immaginate questo giovane"scalzo e feroce" a declamare versi e invettive sotto il monumento di Majakovskij che ventata di giovinezza entusiasta e dura insieme,consapevole delle "atomiche in prova" le piogge radioattive sempre più frequenti,i soprusi del potere   e come ribellione ai detentori della morte, la poesia,la percezione del riscatto in un nuovo dove al posto dei cannoni rimpalla l'infiorata dei versi,la giovinezza gagliarda che marcia e non si piega,l'uomo che lancia ponti e insieme a tutti i compagno di viaggio che incontra,bianchi o neri o verdi ma con lo stesso scopo a meta li attraversa?  Questo pensavo oggi,rabbrividendo (come sempre) alla lettura dei giornali. E. Evtusenko era nato nel 1934


Mirka

"Allegro molto"  ( Op 110 N.8 -C min D. Shostakovic)




                        
                                        

martedì 9 giugno 2015

OGGI



Per me eri Giovanna   la prediletta.   Questo è il nome mai uscito dal mio cuore   Piccolo fantolino d'oro  

 fiore raro cresciuto solo nel ventre della mia carne    alimentato dalle Vene liquide del Tempo che per non finire si è fatto  eternità di Sogno.
Non aver pietà     mia implacabile sentinella     mia catena ombelicale   mia realtà Sospesa     vino preziosissimo finito a terra      Riempimi tutta e sempre   e non importa se la testa duole.   Il mondo con la Tua Assenza m'appare un'inutile viaggio     Nulla chiedo al Destino se non essere in quei minuscoli rubini  





che mai sapranno da che fonte purissima nacquero, sgorgarono, si fusero   attimo dell'eterno Oggi    acqua che avidamente bevo senza mai saziarmi   dolorosa ebbrezza   impressa nella forma del rosso   luna che a se chiama gli Angeli e poi Pudicamente scompare. Che i tuoi occhi siano su di me. Questa è la mia preghiera. Oggi come domani. Mirka







"Ich bin den abhanden" (-Gustav Mahler)



venerdì 5 giugno 2015

IL MURO (BAGATELLA)






La crepa nel muro tenne
nel suo interno l'acciaio
sicuro fu l'appoggio.

Mirka

"Love Is Here To Stay"   (G.Gershwin)




giovedì 4 giugno 2015

IL PICCIONE- METAFORA

Il piacere dello scatto





Voglia di un gelato

un piccione m'insegnò

come andarlo a cercare.



Mirka



"Andante"  (Sonata C Maj  N.16 -K 545- Mozart)



martedì 2 giugno 2015

2 GIUGNO FESTA DELLA NOSTRA REPUBBLICA









Chi diede il via a questo giorno per il consolidamento della libertà attraverso la nostra Costituzione, lo fece col severo linguaggio della verità, la tempra morale, il rifiuto di fare concessioni alla demagogia, prendendo coscienza nel valore insito nell'unità nazionale, nella lotta di massa, nella difesa della donna.  Sono richiami storici importanti da non dimenticare mai.  Cerchiamo di Ricordarne la "fonte", consapevoli che su questi valori molte " fronte pure"  offrirono volontariamente e fieramente il petto al fucile affianchi questi valori continuassero a vivere e a germogliare soli senza buchi.  Mirka

BUON 2 GIUGNO


"Suoni la tromba intrepido"(Puritani -Vincenzo Bellini)