fiume

fiume
fiume della vita

mercoledì 30 novembre 2016

FOGLIE VERDI



Cercai tra i rovi biancospino, viole e qualche bacca che sapesse l'einfleurage di tutti i fiori,       in ogni parola una nota vibrante che legasse l'una all'altra.   Con certezza  trovai Bach,      bisbigli di passeri nel nido smaniosi di prendere il volo     l'Andrea Chènièr tra l'inguine e la testa     un'allodola anche di sera e    sempre qualche foglia verde. Mirka"Zorba



"Concerto per Harpsichord"(Do min BWV 1052 -J. S. Bach)

domenica 27 novembre 2016

QUELLA STRANA PIOGGIA DALL'ODORE DI MUSCHIO

S' intrecciavano le vite godendo di tutto  nei fasci di luce impenetrabili come una bella favola che s' interpreta ogni giorno aggiungendo sempre qualcosa  col finale di radici che si abbracciavano la sera o una poesia con l'idea del Dio che si manifesta in ogni piccolo gesto d'amore   lo sforzo costante nel tessere la tela.    Incantesimi di epilettico amore che continua a far battere le ciglia.     È questo il vincolo che attutisce i colpi del dolore, distogle il viso per pudore e finge che niente tocchi di quella irriverente realtà che piange la sconfitta tra un balbettio come di sillaba negata o di vino andato storto buttando in alto i dadi.     Chissà forse la vita è questa.   Una ballata col tacco dodici  e sul muro un tiro a segno che mai vorresti. ..    Nitide sentiva quelle lacrime scivolarle in petto    prima una, poi due,poi lo scroscio della pioggia che martellando sul tondo morbido tamburo si congiunge  cade e forma il buco.   Un buco che manda al naso e all'aria l'odore del muschio raccolto per l'occasione di un presepe    un sudario di pioggia cristallina a proteggere dal gelo.   Incerta e quasi timida prima    dura limpida feroce quasi cattiva a volte    nenia dolcissima in sul finale che scompare e si perde nella cuna di un piccino.    Ultimo indistinto valzer ballato sotto un Sole immaginato tra le braccia, un papavero,  un campo, le corse, i nascondini, qualche graffio sul viso che sfumava senza lasciare traccia se non un'allegria dolente e un pò imbronciata.      Si sentiva vecchia senza senza averne nel cuore conoscenza o   come Abele trafitto e ucciso innocente e senza colpa assolto dai peccsti senza intenzione da un Dio, quello vero e giusto che si dice governi tutto il mondo conforme o meno a verità.     Ai posteri un documento lettera nel compiuto di energia che esplodendo bruciò anche se stesso e miseria di cenere diventa mentre il cuore palpita balza e si contrae in vertigine d'anima che tutto ha dato.  Filo d'acciaio che come seta legò il misterioso Insieme.  Mirka"Zorba 




"Ballata" (Op 23 N.1 Sol min-F. Chopin)







mercoledì 23 novembre 2016

LA PARTITA DEL NULLA EPPURE



E si giocava annusandosi come fanno i cani    si guardava in mezzo alle ginocchia   il formicolio fra le mani e giù nel basso ventre     ci si veniva incontro guardinghi e in possibile fuga tra dinamiche casuali e stasi maniacali   nell'equilibrio di un passa la palla o centrare il cestino    or con l'indifferenza del guitto or col ginocchio scorticato    gli amici in soccorso     indecifrabile legge di un mosaico confuso se non per un fine recondito nato dall'orgia del Caso o dall'ebrezza che sovverte l'alterità della norma    in vitalità che schiva o prende.     Gioco o Partita è in fondo la vita dove il Finale non ha ne vincitori ne vinti      un intenzione rubata al Caso nel suo ripetersi coatto di avvenimenti e qualche calcolo azzeccato in punta di fioretto.     Eppure ogni pezzo di quel gioco fu biografia o specchio su cui leggere una Storia     un ponte o una moneta di scambio la cui valutazione sta solo in forzata interpretazione affidata al lampo dell'intuito di un passaggio centrato per abile mestiere che con l'oste ha fatto i conti     un Far West racchiuso in memoria che lentamente si sbriciola in scaglie o in forma rotonda si chiude senza che l' eccitazione dia il via di partenza    il Destino che bussa e ogni battaglia prende    giusta o ingiusta che sia..   La Partita del Nulla   Eppure goduta fra campi dove la Vita cresceva.  Mirka


"Prologue" (West Side Story  Leonard  Berstein )

sabato 19 novembre 2016

ERA D'INVERNO E PAREVA DI MAGGIO

 Una carrozzina      un piccolo bimbo     un  volto in adorazione come una Madonna col suo Dio     la percezione che non esistesse  il tempo     i battiti del  polso vibranti come stelle d'un rosario antico     una vulnerabile dolcezza che incendiava le viscere     un'ebbrezza generatrice di  tenerezza  infinita      una Ninna Ninna  che prendeva  sempre il via      l'eternità smarrita dentro lo stupore  per una radice tranquilla che presto avrebbe  ramificato       l'uccello Lira  in gola per l'opera creata      un torrente di lacrime nel peso di una camicetta che sapeva di latte e  polvere di riso      la più nobile linfa che si trasmetteva da fiato a fiato     il gesto d'amore restato sospeso per non far male alla fronte degli angeli.      Era d'inverno e pareva di maggio. E il caldo largo d'un ala vegliava e vegliava    con gli occhi di bracia. Mirka


 " Ninna Nanna  (Brahms)

martedì 15 novembre 2016

L'AUTUNNO E I COLORI DEL RICORDO

Autunno che tutto raccogli nella gazzarra di auto sbuffanti l'esaurirsi del gas  in coda  i bus  a pompare nevrosi su ferri ormai vecchi.  A mucchi le foglie sparse qua e là  raccontano storie incamminate al l'inverno.   Tornano i cappotti, infreddolite gemono le dita    snoda delle caldarroste la nostalgia lontana di bambina  nella memoria dolente  che le fa eco il verbo calmati arrestando il balzo da leprotto mentre la voce dolce di una nonna fa segno che l'aria  è troppo umida e arma diventa nel tempo dove corsa e capelli al vento sono colori da tenere come brace davanti a un camino.   Rintocca la campana a sigillo d'un accenno di broncio,   di lassù la luna sprezzante e ammaliatrice     scalpita un puledro da ogni gamba tutti i colori del mondo la bella luna compiacente.    Realtà negli occhi su  macerie, fumo, zanne e ovunque spari.   Da una parte qualcuno ha vinto giocando con le mani sporche sui colori      l'altra parte, ridendo per finta o per davvero si chiede e  dice adesso gli uccelli migratori verranno tutti da noi.     Sai bimbo non c'è colore che i grandi non sappiano imbrattare ma      tu resisti e fatti gioia e pianto che in colore si trasforma e se credi possa servire al muto di parola, sii pure ironico di sguardo e ben diretto.   Brucerà più a te che a loro ma per te sarà succo vitale che  in gloria si  distacca    un che di sacro  che darà luce al dolore cresciuto nel l'ora del tuo buio     libertà che solitaria trova  sempre l'uscio di casa sua,  una grappa ambrata  d'amarone bevuta in bicchiere di vetro grosso e alla salute tua. Ormai sei grande e sai come va il mondo.  Mirka"Zorba 

venerdì 11 novembre 2016

SOMEWHERE IN TIME




 Li unìva la Musica quale sorgente da dove scaturiscono le misteriose essenze vitali, le essenze d'anima mai disgiunte dal cuore.    Potenza che irradiava il volto che l'occhio trasmetteva nell'improvviso rapido balenare.    E si poteva leggere tutta la sincerità e la fede.  Rivincita su un Sogno incompleto a cui fissata in tutte le angolazioni germogliava l'insieme unitario che tutto comprende di queste tante vite sostanziali, materia nostra in cerca, dentro la vita, oltre la Vita che non si arresta nel finito di quel l'ultimo impercettibile battere di ciglia.   Forse è così che non si teme         (estrapolato dai Racconti Il Destino Nel Nome ) Mirka


""Somewhere in Time"




mercoledì 9 novembre 2016

UN 10 NOVEMBRE SUL FILO ROSSO DELLA MEMORIA






Chiudo gli occhi e ripercorro sul filo rosso della memoria quando il mio ventre ti spinse alla luce.  Non volevi uscire dal mio grembo  così mani dure e indifferenti lacerarono quelle mura solide di caldo e protezione.   Pioveva come comandava Odino e io sentivo gocce e lampi tra un battito furioso e l'altro lento di un cuore votato al Trionfo della vita.    Tuo padre girava e grattava appiccicato alla porta del travaglio come se il bambino a nascere fosse lui  e io lo vedevo con gli occhi della conoscenza anche se concentrata ero tutta in Te.    Tra una sciabolata e un respiro che solo la terra in procinto di dar spiga fa    sentii una voce anonima che diceva l'anestesista se n'è andato.    L'ago del ginecologo  cominciò allora a cucire   un due   uno tre   uno quaranta.   Ma    non sentivo nulla se non la Felicità del tuo battere tranquillo.   E che gioia quando l'aria si riempì del tuo urlo mescolato al mio pianto!       Ti misero poi finalmente fra le mie braccia    i segni del forcipe lasciati sulla fronte     il sussulto del cuore che mi diceva tutto è andato bene.    Oggetto e soggetto indistinto nell'intraducibile pianto silenzioso io, fermento di omerica vita in addivenire tu, mio immenso sole già pronto a bruciare      sospeso di lacrime lunari       rivolo rosso da cui nacque la vita e l'arena.      Mio carillon serale     mio violino del cielo al mattino in cui annegare e con volontà smarrirmi in quella luce del mondo con uccelli e pesci strani.  Abbi cura di te.   Che continui a guidarti quella forza interiore che non ti è mai mancata     i tanti talenti che hai    l' intelligenza dinamica per realizzarli tutti     un pò di fortuna    e    il Dio.    Ti voglio bene al di là d'ogni distanza e cielo.   Mamma



"Wiegenlied (Op 49 N. 4 Johannes Brahms)