fiume

fiume
fiume della vita

domenica 16 febbraio 2014

I PINI DI ROMA (RESPIGHI) -FILASTROCCA (EMILIANA)- DIVERTIMENTO ( DA SCATTO)














...e tutto si rigenerò nella più misteriosa oscurità protetta dal Silenzio.



SAN GHITAN D'LA PRUVIDENSA


San Ghitàn d'la pruvidèinsa,
meti al pàn in d'la cherdèinsa,
meti al pàn in dal granèr,
e al galeini in dal pulèr.
Meti al vèin in dal tinèll
E al giudési in dal servèll.

((Dalla raccolta di filastrocche guastallesi)




A volte capita di obbligarsi al Silenzio.    Ed è allora che si affida la parola alla natura,al piacere di unoscatto condiviso,alla musica indivisibile compagna di Bellezza,di viaggio. Al riparo di un teatro chiuso con la parte più vera a sipario abbassato.
Buon tutto allora,amici carissimi che mi seguite e...a presto,magari dopo una pausa-caffè solo un poco più lunga in barba ai datori di lavoro, così necessari per la nostra autonomia,per la nostra sfida a realizzarci al di là d'ogni consapevole sfruttamento.. 

Mirka


I Pini di Roma" (Ottorino Respighi)







NOTA:  Un testo bellissimo a mio parere,che veniva recitato dalle donne di casa per invocare aiuto da San Gaetano,ma è probabile che venisse anche recitato per prendere in giro i giovani che spesso agivano per impulso e non con raziocinio. E questo in virtù dell'ultimo verso,che chiude simpaticamente la tiritera

giovedì 13 febbraio 2014

WIDMUNG (DEDICA) E NOTA AGGIUNTIVA DEL 14 FEBBRAIO






WIDMUNG

Tu anima mia,tu mio cuore,
tu mia gioia,tu mio dolore,
tu mio mondo in cui vivo,
tu mio cielo nel quale mi libro,
tu mia tomba,in cui calai
per sempre il mio affanno.
Tu sei la quiete,tu sei la pace,tu mi sei data dal cielo,
il fatto che m'ami,mi rende degno di me,
il tuo sguardo mi ha trasfigurato ai miei occhi,
amandomi tu mi elevi,
mio spirito benefico,mio io più degno.

(Ruckert- Schumann)


In questi tempi di aridità,di bullismo,di disincanti,di mali per mancanza d'amore,di svendite di corpi e di anima dove solo un balordo dolore veste e riveste.  In un mondo dove si affila la lingua per rendere più rapida la grossolanità della quale vantarsi, come abitudine di  una parodia a quella gentilezza che non dovrebbe mai mancare, dove i sentimenti sono consolidati più da un tornaconto personale che da uno slancio vero e sincero,dove i prestigiatori si presentano liberatori d'amore recitandolo davanti allo specchio opacizzato dal tempo,dove l'affronto verbale ha preso il posto dell'incomodo pensiero.     In un mondo dove i morti paiono più reali dei vivi e dove la parola chiara nel primo momento diventa strana e del tutto incomprensibile nell'immediato dopo, perchè costruita sul "nulla".   In un mondo  dove non si sa più ridere,veramente. Ridere come il bambino preso in flagranza di reato per una caramella sottratta  e  balbetta negando mentre ride con gli occhi.   Dedico allora, quasi per provocatorio contro, questo splendido lied che Schumann compose per la sua amata Clara,  con la certezza che sarà sempre  l'Amore a trionfare su tutto, su ogni vuoto della mente,sull'aridità del cuore.   Lo dedico  a chi sa sorridere con affetto e "pudore" insieme continuando a ronzare col rossore multiplo che ha la natura quando rinasce sotto la pioggia dopo  una lunga siccità.      Lo dedico all'Amore,perchè continui a nascere e.a rinascere come i nasturzi quando muti di stupore li si vede spuntare come di prima volta.    Lo dedico perchè ogni età abbia la sua stagione d'amore trasformata in proiettili di tenerezza. Sempre.    Perchè l'Amore abbia il suono di un chiacchericcio d'acqua che zampilla  per poi chiudersi nel silenzio come davanti a un gioiello senza prezzo e di cui si ha l'esclusiva della cassaforte in un posto segreto,racchiuso e dentro a una fanciullesca allegria.

L'Amore non ha mai dubbi anche quando pare un cammino pieno di ostacoli insormontabili. E può crescere forte,autonomo,testardo,creativo anche rifuggendo dai grandi contesti,volto solo alla misteriosa energia che sente esplodergli come lava,quando serve,o come carezza che non ha la necessità d'essere preceduta dalla parola.      E perchè l'Amore è aria pura anche nell'ultimo trattoSoffio della vita.


Mirka


Widmung"  ( Dedica -R.Schumann)


NOTA:  Scrivere un post sull'Amore in questi tempi di utilitarismo "fine solo a se stesso",dove  tutto "gira a vuoto" , dove scarseggiano le autentiche volontà e le intelligenze troppo spesso  abbagli dovuti a identità costruite su presunte ricchezze e,quindi già alienate in partenza e risolvibili in tragiche miserie, si rischia davvero  grosso scrivere un post come questo. I civili sorrideranno,altri si faranno delle "grasse" risate,a  qualche nostalgico della "Certosa di Parma" piacerà,ma sopratutto tengo a precisare" che il piacere è stato della scrivente,libera e autonoma di credere a ciò che sente e appagata per il solo fatto d'essere UNA fuori dal coro.

lunedì 10 febbraio 2014

MARATONETA

scatto da mobile identità


Non so se fu sudore o pioggia quello che si sciolse  sul mio volto danzando come un valzer appena  accennato e confuso dalle molteplici voci che a gran fiato  mi stavano chiamando.

Certo che la corsa  fu da maratoneta più che da dormiente in sospetto di pensieri mi dissi esponendo alla finestra tutta la faccia che ben presto divenne Vita senza difesa.

E fu abbraccio certo tra quei confusi sentieri di gocce tracciate dalla  pioggia con l'orgasmo dell''improvviso di luce trasformato in lumache di colore.  

Groppo frantumato e gioiosamente consegnato al  ritmo  del silenzio  mentre la pioggia

Mirka


Valse"  (  Op 38 - A.Flat Major- Alexander Scriabin)

sabato 8 febbraio 2014

QUANDO INCONTRAI CARLO MARIA GIULINI AMAI ANCHE BRAHMS







Quando cominciò il mio amore per Brahms?   Non certo in conservatorio e neppure nel primo percorso della mia vita musicale.   Avevo si cantato dei lieder ma come bellezza impura perchè non ne avevo ancora compreso la profondità.  

 Poi l'incontro. 

Nervosa da sindrome d'orologio,di Stoccolma o di soffitta come  mi capita  sempre in prossimità o in previsione di un grande evento,m'aveva preso una parlantina fitta fitta da non capirla neppure io.   Di poche parole Lui ma di tale calma da farla convergere sui muri della grande stanza illuminandola come il primo fiore giallo a primavera, facendola risuonare limpida nelle vene con un andirvieni che marca la futura piena.  
Dalla sua persona emanava l'esperienza di chi non ha temuto l'abisso della profondità ma l'ha esplorata. attento e prudente,fino a trascenderla oltre ogni incanto e mistero.    Capace di trattenere ogni cosa per nutrirla affinchè diventasse un bene per chiunque le si avvicinasse.    Questa fu la mia percezione ancora confusa ma vibrante sull'unghia delloa della pelle.  
  
Vivo è il ricordo di quel primo incontro,di com'ero vestita.    Avevo fatto molte prove davanti allo specchio anche se mi distraevano i pensieri d'ansia,di timore,di speranza di eccitazione per l'avvenimento in corso.   Il vestitino che indossavo era semplicissimo, di seta blu con fiorellini gialli viola verdi,si era in giugno) scampanato, con le maniche corte a palloncino,la scollatura pronunciata senza essere sfacciata,.  Lui col lupetto nero,credo fosse di seta o di filato finissimo,la giacca bianca.  Quello che mi colpì fu l'espressione serena del suo volto affilato e dalla fronte alta e dritta.   Solo gli occhi  tradivano la profondità dolorosa del cercatore in lotta con una esuberante vitalità che si placava  quando "sentiva" d'essere capito e seguito in ciò che Lui sapeva. 
Non credo d'aver compreso veramente quello che il Maestro voleva esprimermi,quella prima volta,ma oscuramente sentivo di trovarmi su una strada incredibile e mai percorsa neppure con l'immaginazione.

Con benevola gentilezza s'informò delle mie conoscenze musicali riguardanti la liederistica. Gli risposi timida e come trasognata balbettando delle parole altrui."Libera sia dalle leggi dell'arte sia dalla comune realtà,la voce del lied risuona su dalla misteriosa profondità dello spirito,e dalla poesia staccata,enigmatica per l'intelletto,chiara al sentimento,e determinata tanto che là dove un tal suono è penetrato una volta,resta per sempre nell'animo,e dove anche pare che sonnecchi,il moto più lieve lo richiama ed esso appare di nuovo lo stesso come di prima volta.     Non ricordavo neppure chi l'avesse detto,anche se sovente me lo ripetevo come un mantra o un rosario recitato con fede convinta.     Lui intuì quello che ancora io ignoravo e dolcemente mi sorrise mentre prendeva posto davanti al pianoforte.      Gli allungai degli spartiti.  Uno cadde.  Lo raccolsi svelta come un furetto e col volto in fiamme lo misi sul leggio insieme a tutti gli altri.   Il Maestro  li sfogliò nel più assordante silenzio.   Il progetto di lavoro era  "La bella Magelona". Io però  gli misi davanti l' Ode Saffica" . Almeno quel lied è corto pensai.   D'improvviso fu la volta del Maestro a distrarsi in pensieri che a me parvero cupi.    La sua espressione si era fatta stranamente concentrata.   Poi  come preso da una folata di vento che si insinua alla finestra e per un momento la scuote,diede il via a  un arpeggio, a qualche scala maggiore minore.   Infine senza nulla aggiungere prese a caso uno spartito dal fondo. Quattro Canti Sacri e mi fece segno di cominciare a dar voce..   Cercai di seguirlo nelle sue inesorabili interruzioni.  Anche allora ero troppo critica per non capire che la mia intonazione non era perfetta,mancava ,il tempo impreciso,i fiati corti da non sostenere nel modo giusto i suoni.      Involontariamente  mi uscivano dei sospiri fra una frase e l'altra.  Forse li afferrò anche lui perchè  il suo volto cominciò ad aprirsi completamente al sorriso, mentre piano piano a me svaniva la iniziale timidezza.

Davanti a me si stava spalancando un qualcosa di "misterioso,di  grande".   Quando la prova finì,non m'accorsi delle tre ore trascorse.   Ero svuotata d'ogni forza ma piena di chiarezza e di ordine così perfetto da risultare persino naturale e così fortemente fusa nella musica da sentirmi un TuttoUno col Maestro.con lo spirito di Brahms. 

Fu in quel preciso momento che cominciai a calcare le onde d'un mare ad altezze così inimmaginabili per  arrivare in profondità dove  vive la punta più alta dello spirito. Dell'anima.   Immedesimata com'ero non avevo più coscienza se fossi la cantante, l'interprete,o fosse invece  il Maestro ad  accompagnarmi incontro allo stesso Brahms, dettandomi il fraseggio, la passione,l'intonazione (ritrovata) e che ora era quasi assoluta,io svuotata da ogni individualismo.

A quella prima prova fecero seguito molti altri incontri dove più che apprendere assorbii. 

Ma è a Lui che debbo la testarda ricerca della dilatazione calma,i suoni colmi e fervorosi,un'ideale musicale,spirituale ed etico superiore a cui ispirarmi, la scoperta di polmoni elastici e robusti, l'amore per Brahms che mi accompagnò per tutta la vita,anche se con qualche pausa,obbligata,per ritrovare un pò di quella "sana follia" che mi riporti a un prato verde su cui danzare in punta di piedi quando la rugiada riflette tutti i colori dell'alba nella stagion dei fiori.  Ma sopratutto perchè  mi tenga attaccata alla consapevolezza delle mie imperfezioni come a un dono su cui stendere un drappo di tela grezza e lavorarlo come un mosaico finissimo a cui manca sempre un pezzo da aggiungere.

Mirka



"Wie bist du meine konigin"  (OP 32 N.9-  J.Brahms)








lunedì 3 febbraio 2014

MOMENTO



Invisibili sono i segni  che ci  arrivano dal cuore.  Appaiono  per un momento  per ritornare invisibili  subito dopo










Scrissi un cammino di pensieri 
così persi la strada 
me la indicò il cuore scompigliandoli
intricati com'erano dall'orologio e dagli umori...





Mirka


"My Heart Will Go On" (Titanic-Film)




sabato 1 febbraio 2014

COME IN IPNOSI QUALCHE VOLTA CAPITA







 Pensavo a molte cose insieme,ieri sera, mentre le srotolavo sulla tastiera del computer come immagini che danzano da sole.  .    Immagini  scaturite dall'Inconscio senza la Super visione di un Io cosciente.   E mi dicevo che,ogni "spinta" venuta dal basso deve uscire ignorando i richiami di "volontà" affiancati da una super visione critica, perchè forse la verità di noi è solo lì.   In ciò che si cerca, senza sapere perchè e che cosa.    Non m'interessava sapere,nè di attingere all'Inconscio per rivestire le mie immagini di colori che fossero contenuti di un mondo reale.    Era semplicemente un "qualcosa" per spezzare alcune barriere,sia fisiche che psichiche,fra il conscio e l'inconscio,fra il mio mondo interiore e quello esteriore,che impedivano l'abbandono al sonno.  Lo straordinario fu quel crearsi di  una super-realtà in cui il reale e l'irreale,la riflessione e l'azione,incontrandosi e  fondendosi riuscirono a  dominare la vita nella sua totalità.    Ecco quanto,col risultato del benefico RiposoSonno.

 Fu l'ultimo grano di melograno a rigenerare la sopita spinta?...Non so che ai Miti non ho mai creduto ma alla voce del vento si      un regalo allora per ogni  misteriosa spinta risorta   anche se vestita d'ombra ma sempre trionfo di Vita . Oppure è il dio che si diverte a spingere uno dei suoi acquiloni stringendone il filo perchè nel cielo prenda dimora e la metafisica si  confermi mentre lo spazio si allarga?        Noi...limitati nel senno del capire.      E passerà la vela percossa dal brusio d'un suono amico  cullandoci  come da ancestrale sonno col sorriso.  I poveri simboli spariti, risorto come da vespro mattutino il profumo d'arancio,    lontano il viavai di questa terra puntuta che induce ad abbassare gli occhi mentre la luna cerca di corromperci  pregandoci di guardarla mentre distratti ancora da quel grano fuoriuscito e rosso  noi ci squarciamo in un fermento di valanga


A volte capita e non sai perchè, ma senti "giusto" seguire quelle spinte come fossero un valore di verità sempre cercate, che sanno districarsi tra il vero e il falso senza nessun indizio di volontà che non sia una inedita scoperta, nel  frutto di associazioni emotive che,sfuggendo al controllo della mente, portano al sè più profondo.     Ed è allora che non si teme neppure il  silenzio che precederà la grande marcia verso l'Ignoto.

Mirka



"Marcia" ( Quintetto  E.Flat Major- Op 44 R.Schumann)