fiume

fiume
fiume della vita

martedì 26 marzo 2013

AUGURI DI BUONA PASQUA E UN FLASH DI UN RICORDO PORTATO DA UNA FOTOGRAFIA

...tutti gli anni tornano, le viole, e par che dicano"Ecco la nostra stagione profumata e bella.Godila e non ti domandare,mai, perchè il sogno dell'inverno chiuse loro gli occhi"

... tu che ti adombravi con un niente nel Tempo delle vele alte,ora che la barchetta stanca si accinge alla sua riva...fa  o Dio che, almeno quelle perle cantino la memoria a fiaba, col lieto fine d'una viva fotografia  raccolta fra gli occhi di una bianca mano.


"Ma perchè dobbiamo essere uniti solo nel momento della morte?" si domandava Karina nella sosta forzata sulla soglia di casa e incollata a una fotografia appesa al muro di una parete aranciata.
Il grosso borsone di cuoio era ai suoi piedi, la porta già socchiusa, pronta a spalancarsi e chiudersi alle sue spalle, il taxi col motore acceso davanti al suo cancello.     C'era uno strano silenzio attorno.     Anche il gallo non aveva cantato,quella mattina, e gli uccelli parevano tutti scappati per un comando imperioso che non vuole nessuna replica.  Karina aveva sentito quel silenzio così innaturale, da difendersi, nel gesto istintivo di far scorrere la cerniera del giaccone, su fino al collo, facendolo sparire completamente lasciando fuori solo la testa.   Avvertì  con un brivido, lo stridore della cerniera in tutta la sua lunghezza sicchè anche i suoi denti  stridettero accompagnando lo scorrimento del gesto deciso.  
 Il lampo degli occhi le aveva dato l'ok dell'ordine che le avrebbe permesso la tranquillità necessaria per godere della breve vacanza che si era concessa. Solo degli orologi non si fidava.Ne aveva una decina tra quello che portava al polso, i cellulari e gli altri seminati per la casa.  Ma tutti erano in disaccordo fra di loro,così che, il suo timore era ampiamente giustificato..    La mano era già sulla porta, quando lo sguardo le sfuggi a quella fotografia.E... immediatamente fu ,sotto quei riflettori che ne avrebbero immortalato il "senso" d'essere stata sulla terra,nel canto che le usciva dalla pancia, le saliva alla bocca per diffondersi a tutte le cose,lasciando sempre,qua e là un qualche filo di seta.
Era stato "lui" a commissionare quella fotografia.  Con la felicità che sprizzava da ogni poro della pelle ,era andato a ritirarla, gliela aveva portata e con orgoglio l'aveva messa in bella mostra nella parte più luminosa del muro dove il sole batte anche quando la sera sta per venire.        Poco prima un lunghissimo bacio ne aveva scanalato l'impronta sulle labbra lasciandole il segno per testimoniare il loro legame profondo.  Karina fu travolta e coinvolta da quell'intensità e vi corrispose spingendo in modo perfettamente naturale tutto il corpo contro quello di lui,sentendo ogni parte di lui.Solo il cuore era fuori dal suo controllo. Batteva all'unisono, si confondeva,  procurando a lei un'allegria sfrenata quando cercava di distinguere quale  fosse dei due a battere più forte.  Un'allegria chiaccherina, come quella fontana alla quale aveva bevuto con tale ingordigia che quasi la soffocava con grande spavento di lui.       Si stupì per la stranezza di quel bacio, lungo come un treno e,cercò di sottrarvisi,    Era abituata alle alte velocità non alle tradotte e,qualcosa nellasuperficie dei peli sulla pelle la inquietò.  Staccò la parte più bassa del corpo,il petto,fece pressione al collo, provò a scollare le labbra. Niente. Queste restavano saldamente agganciate a quelle di lui.  La presa dell'uomo era diventata acciaio.       Lei ebbe paura e continuò ad arretrare a strattoni balbettando parole più vicino al rumore della sua pancia che a un significato da interpretare.   Divenne cattiva:" Basta!" gli urlò con la voce tagliente e colorata di tutti i loro litigi.  Litigi che, comunque, finivano sempre in baci, morsi, e risate. "Mi fai male", gracchiò come una porta arrugginita.   Finalmente riuscì a distaccarsi completamente da lui.   Le distolse gli occh e guardò altrove,su un punto che non aveva mai scoperto sino a quel momento.   Dentro sentiva crescere la furia di tutte quelle volte che lui faceva finta di non capire o di non prenderla sul serio.    L'uomo scoppiò a ridere. Una risata fragorosa da farle desiderare di mordergiela sino in fondo da dove era nata.   La prese velocemente per la vita avvicinandola ancora a sè.  Le scompigliò i capelli con la lievità d'una carezza immaginata, poi glieli strattonò con tanta forza da farla nuovamente urlare:  "Ahi! Smettila! Mi fai male."   Allora, lui, ridendo solo con gli occhi, la sollevò come una pagnotta di granoturco o come un cuore cavato da un corpo pulsante ma lasciato intero e integro.  Fu il turno di Karina a ridere quando ravvoltolata dentro alle sue braccia, si dirigevano al letto di quella camera di pensione ch'era tutto il loro paradiso.

Quella fu anche l'ultima volta.

 Karina fece per correre alla finestra per un nuovo saluto ma qualcosa l'arrestò    Nell'alto della coscia nella tasca dei jeans un piccolo ingombro  la portò a frugare, in cerca dell'oggetto misterioso che si era trovata a gonfiarle la tasca.   Il cuore cominciò a grandinare così forte da spezzarle il respiro.   Smaniò per la difficoltà a trovare la strada e per fare prima,strappò l'orlo della  piccola tasca.    Eccolo dentro al suo pugno. Lo prese e come un'officiante fa con l'ostia benedetta, lo depositò al centro delle due mani che per l'occasione avevano preso la forma di conchiglia .      Un sacchettino di velluto blu legato da un cordoncino d'argento splendeva come di luce propria.    Con la lentezza che usava per le sue meditazioni,quando ne aveva voglia, lo sciolse e con tutta la faccia guardò. Dentro c'era un filo di perle chiuse da un grosso cerchio d'oro.


Ma il destino aveva voluto altro perchè lui non rispose mai più nè ai suoi gemiti,nè alle sue canzoni più belle.

Un colpo di clacson fece sobbalzare Karina dalla spugna del tempo.  Si scosse. No. Non aveva dimenticato nulla. Neppure le violette lasciate come AUGURIO DI BUONA PASQUA a tutti gli amici del suo blog.

Mirka


"Farruca" ( Joaquin  Turina)





mercoledì 20 marzo 2013

LA FECONDITA' DELLA PIOGGIA L'IMPROVVISO DI COLORI

...aliene da ogni compromesso ma non del loro piacere





Le milleeUna della donna si domandava perchè gurdando il scendere lento della pioggia,si sentisse pulsare così forte il cuore, in gocce grosse e camaleontiche che scandivano il ritmo nelle vene.  L'improvviso d'una esplosione di colori alla tenda la scosse dall'incatamento quasi ipnotico.  Si disse:" Non sarò soddisfatta se non sentirò anche l'ultima goccia battere perfetta come la prima.     E grande fu persino il mondo.

Mirka



"Après un reve"  (G.Faurè)







Foto da cel

domenica 17 marzo 2013

FU LA CENA FRANCESCANA O...IL PROFUMO DI VIOLE?...

...e la foglia disse "Io so soltanto che vana non fu la mia presenza"
Oh come vorrei morir cantando primavere scordando la decade degli anni si disse la ragazza dal cuore mandarino



Una foglia secca volteggiò tutto il giorno senza che la portasse il vento.Stupita ne inseguivo i giri pensando a come strana sia anche la natura,ogni forma di bellezza.

L'occhio infine si spostò in direzione prato. Margherite come orecchiette vispe di bambino che da poco ha visto il mondo,cantavano la familiarità dei ritorni antichi.

Nell'aria il profumo di viole,felici di portar novella che si perde mentre si compie distillando ambrosia,

l'allodola intanto rugiadava il canto nella valle senza che alcuno le portasse il disonore per non averlo più sentito a mezzodì,

una scarpa buttata oltre il pudore per assaggiare la speranza di quel prato vestito a gloria per essersi congiunto ai fili della terra,

l'acceso lume del  naso a premio e a pegno per inverdire la memoria che le stagioni tornano ma cambi tu senza che mesto ti si debba fare il volto (ah! la bugia pietosa ai medici è concessa...)

Una cena francescana per ricordarmi il gusto della semplicità dei veri ricchi spartita col cuore di rubino.

Il pianoforte pronto a benedire chi lo praticò per far vivere ogni istante della vita anche quando Giovinezza si scolora  e spaventa per non sapere chi del Paradiso le parlò con anima serena e bel candore quando ancora era quaggiù.

Mirka.




"Der jungling am bach"  (F.Schubert)





NOTE Traduzione del testo del lieder  (Schiller)   "Alla fonte era il fanciullo,/intrecciava una ghirlanda,/se la vide sfuggir via,/elle onde era in balia./Così il tempo mio insonne come fonte scorre via! / Giovinezza trascolora /qual ghirlanda che sfiorisce! /Non chiedete perch'io gema /nei bei fior degli anni miei! /Tutto è gioia ed è speranza /quando primavera avanza. /Ma il brusio di mille voci /di natura che rinasce /smuove qui in fondo al petto/ a me solo gravi ambasce. // Che mi giova quella gioia che mi reca primavera? /Una sola io vo cercando /ch'è qui appresso e assai lontana. /Con ardor le braccia tendo /all'immagine beata, /ma afferrarla ahimè non posso,/ed il cuor mio non s'acquieta! / Scendi giù,mia bella amata,/lascia il fiero tuo maniero! /Fiori della primavera /sul tuo grembo spargerò. /Su dal bosco eccheggian canti,/e la fonte scorre chiara! /Spazio c'è nella capanna /per felicità d'amante"

Foto da cel, 

giovedì 14 marzo 2013

L'ORA ERA QUESTA.

  La luce non si riconosce che attraverso l'oscurità.   ( Proverbio Yiddish)



L'ora era questa. Un dodici a mezzo di giornata.Suonava sempre il "campanone" della chiesa per annunciare l'ora del pasto agli operai della Slanzi,una fabbrica sparita "anche lei" da qualche anno..Almeno per poco era lo staccarsi dalla fatica del lavoro.   Ore 12.     Pareva che tutto si fermasse dentro a quell'ora..Il rumore assordante quanto familiare dei macchinari che assicurava il pane,il mestolo restato nell'aria della sposa o della madre, il cane ssull'attenti davanti a un cancello,il gatto alla finestra,il tempo scandito dai  rintocchi mesti e perfetti  che segnavano la brevità "gioiosa"  della tregua.
M'accoglievi sempre con la voce di ragazza allegra che capricci non conosce perchè sa che la vita è fatta di realtà che non inganna l'oste, che i conti tornano se tu con loro non bari, nella lealtà dei patti d'Archimede o di Pitagora,il sogno solo sul cuscino.      "Chi è?"  mi giungeva come tamburo che la festa annuncia, da un  piano più vicino al cielo che agli scatoloni di cantina, squillante più del drin del campanello che premevo io con smaniosa insofferenza.   . Ma io sapevo che,quando le attese non sono state vane,portano felicità al giorno anche quando si avvia al compimento.    Che tuffo di zampilli mi portavi al cuore e,se non fosse stata per la mia pigrizia che si alterna con la corsa,avrei lasciato chiuso  l'ascensore e fatto a salti  quella scala come al tempo della corda
Oggi il mio passo s'è improvvisato lento come quei rintocchi che facevan risuonare l'aria..Ho indugiato per un'attimo davanti a quel portone che al numero civico fa  52. per proseguire veloce come se avessi il fuoco sulla coda che non ho.Giusto il tempo per sentire il finale  d'orologio che sapeva d'antico come antico è sempre un pianto che con forza si trattiene..Un pò per darsi un tono di adulta accettazione,un pò per fare finta che  l"assenza" sia solo un gioco a nascondino.

Mirka


" Adagio"  (Concerto BWV 974 .Bach da A.Marcello)






Foto da cel

martedì 12 marzo 2013

PRIMAVERA-OVVERO MAI FARE I CONTI SENZA IL "BUON" DIO...


...e che delizia la pioggia quando si hanno le galosce...



La donna guardò fuori dalla finestra.   Pioveva come doveva essere stato per Noè senza l' ubriacatura per il vino novello      Si morse il labbro inferiore senza farsi alcun male..     Puntò la sua attenzione su una goccia di pioggia grossa da parere un gomitolo di quelli che si usano per i bimbi piccini picciò quando si fa un golfino..   Ohibò! Ma che scalogna essere recidiva d'impazienza! si disse la donna guardando le scarpette di Buccheri già pronte per gli allegri tic-tac,il cappottino di cashmire un pò liso ma ancora scintillante di  fiammelline gialle paglierino,il cappello di panno comprato in quel negozio d'angolo a pz di Trevi in un giorno d'allegra follia, portato sulle trentatre e che l'avvicinava al "che" o al 1919,la gonna tutta fiordalisi e fiori che alla camminata faceva frou frou come nuvolo di seta.    Desolata  guardò sù e poi scese  con lo sguardo a terra per ritornare a quel cielo che una scoppiettata alle spalle le aveva tirato senza poterla scampare.       La consolò un bisticcio di uccelli.        Ma si la primavera era lì.     Bastava aspettare con un poco di pazienza.    Rimise il giaccone di pelliccia,le galosce sempre amiche e sorelle per la marcia dei piedi,il colbacco,l'ombrello multiuso,aprì la porta e... voilà  dentro la pioggia senza che questa le recasse. disturbo.L'equipaggiamento giusto era riuscito a farle tornare il buonumore perso a guardare il cielo pieno di pioggia.mentre pensava chissà che tempo farà a Parigi.
Mirka


"Quand on s'promene au bord de l'eau" (La belle èquipe-Film)

.

giovedì 7 marzo 2013

DONNA

Come profumo sciolto nel vento o come erba appena tagliata mi ritorni in mente,donna...




C'è tenerezza consapevole del gesto,quando t'inchini,donna,per allacciare le scarpe a un bambino.
E TU sai perchè. T'inchini all'uomo che sarà,tu solo  il mezzo per formarlo e nulla più.

C'è  esperienza piena,quando col capo chino tì offri a ponte che congiunge. Sai che qualcuno,presto, zuffolando se ne andrà,  TU,fissa e immobile,a guardarlo, la mano ancora alzata, nascosta solo dall'inutile  perfetto velo della calma, che al tocco prolifica acquazzoni.     Sai che testimoni non avrai per asciugarti il pianto.   Forse il buon Dio...magari...  forse,si...ma è così lontano che neppure la tua più sofferta immaginazione può arrivare sin lassù.

C'è grandezza nel mistero che raccoglie tutto dentro al cuore.   La testardaggine alla brace il resto via.    TU sai che questo è Destino d'ogni donna.  Scaldarsi a quella brace che solo TU vedesti a incendio. Ritorneranno a scoppiettare gli echi cristallini, o si...la gioia che a profusione dispensasti scintillerà, eccome... ma per te sola, gli altri dissolti in altri oceani.

 Oh come conosci bene l'ombra di un dolore in prossimità di casa, quello che TU tramuterai a fine pasto, in solco di vittoria per la salvezza di qualcuno che,forse, mai  saprà  dartene merito d'umidità, se non quando  sarai punto, confuso con le altre stelle.

Quanto fuoco di pianto hai sigillato con un bacio o un'addio.Già!... Quello che solo TU conosci in quell'utero placentare  che assolve sempre e mai più ci pensa se non nel fondo della notte..

Fai male,forte,a volte,quando fai dono del pizzico assestato con l'intenzione più feroce,a colui che prima t'aveva piagata ma non piegata.   E sai essere zanzara che nel sangue ha lasciato il covo. Questo ti han detto e forse un poco è anche vero,ma ahimè cosa non può avvenire quando alla bocca è venuto a  meno il sole?...

Nel lampo ti guizza sempre, l'intuizione del pensiero a te cercato di occultare,lo superi e sei già oltre, con l'abilità che lascia nella carne il pungiglione o la rugiada per la notte.

E nel tuo tempio oscuro dove nasce la vita, sei mistero intreccaiato a qualche mito..  Un poco di Afrodite che si abbraccia a Psiche,un poco di Medea  con l'Alcesti che le ferma il braccio.

Donna naturalmente grande come ti riconosco in tutte queste scanellature d'ombra che genera la luce.

Mirka ((dedicata a tutte le donne-8 marzo 2013) 



"Che farò senza Euridice" (Opera Orfeo ed Euridice-Gluck)





mercoledì 6 marzo 2013

UNA PERSONA DI CUI ESSERE ORGOGLIOSI









Che dire di una persona che,alle capacità multiple,al valore morale prima di tutto,all'intelligenza mai messa in deposito,è umile al punto che,alla mia immediata e profondamente sentita esclamazione di elogio per un suo articolo,allorchè si presentò alla mia porta col giornale LA GAZZETTA 6/3/2013,con semplicità mi rispose " non sono venuto per ricevere complimenti ma per dirti come la penso io?! 
Il minimo è dare spazio anche nel web a questa persona, dalle multiple qualità,dal senso morale  mai tradito,intelligente,concreto e umile,(qualità assai rara anche all'epoca del poverello d'Assisi),e pubblicarne l'articolo che ha suscitato in me non solo l'orgoglio per essergli sorella (il suo cognome,Setti,è altro dal mio,ma la madre è la stessa),allargandone la diffusione e stimolando anche in altri possibili riflessioni.
Nella condivisione che,un Partito sul quale contare per fiducia di guida,possa essere solo chi sa elaborare per l'OGGI soluzioni autonome,proprie,dei problemi reali del paese,capace di capire che, le condizioni obiettive per l'avvento di un nuovo che rovesci un vecchio incapace di farsi carico di una vera leadership c'è o può esserci, spronandoa determinarsi,onde evitare il rafforzarsi delle opposizioni costituzionali,differenziandosi da ogni altra tendenza involutiva e che lavori su una base sociale in un programma di governo politico e "non" tecnico,sostenendo una ricerca di linea tattica si,ma che  non rifugga da interventi coraggiosi,e che, in primo luogo sappia rivolgersi  ai lavoratori di tutti i settori,agli operai, inquadrata nel contesto di alleanze e di movimento nazionale,valorizzato perchè non si risolva in separatismo,ma salvi un carattere unitario e politicamente accentrato su la modernità intelligente.

Mirka



·                                 -

di LUIGI SETTI

Luigi Setti dirigente e docente

Le elezioni politiche hanno dato il loro responso, o meglio, forse, lo daranno in forme e tempi che oggi non conosciamo. Non mi interessa né sparare sulla Croce rossa della sinistra per la quale ho votato in tutta la mia vita precedente a questa tornata elettorale né avventurarmi in fantastiche dietrologie sulla possibile candidatura di Renzi (che ho votato con speranza ed entusiasmo alle primarie) o ipotizzare futuri scenari per i quali non ho alcun elemento e nessuna competenza. Da cittadino elettore, deluso, preoccupato, quasi spaventato dalla mancanza di prospettive certe come molti elettori di una certa età, vorrei dare solo un contributo di riflessione su alcuni elementi apparentemente marginali ma, a mio parere, estremamente indicativi e degni di nota.

La sinistra è riuscita a non vincere, perché? Gli altri schieramenti cosa hanno messo in campo, quale offerta politica? Secondo la sinistra gli altri schieramenti (a parte Monti) hanno offerto populismo, promesse irresponsabili, antipolitica, slogan vuoti di contenuti, insulti e plateali contraddizioni sempre smentite puntualmente il giorno dopo. Vero, però la gente li vota lo stesso e oltre ogni previsione, morale ovvia per un tradizionale elettore di sinistra: la gente non capisce e non ha capito nemmeno stavolta. Ancor di più rimpiango Renzi e concordo lui, la gente ha capito benissimo, è il Pd che spesso non capisce la gente, la sua gente, la gente che vuole rappresentare e questo perche il gruppo dirigente del Pd è vecchio nelle idee, nei comportamenti, nelle logiche di governo e nei rapporti con la società prima ancora che per età anagrafica, il tutto aggravato da una evidente patina di burocraticismo da funzionariato di partito professionale che porta troppi dirigenti a pontificare e dare lezioni su cose che non sanno, non vogliono sapere perché “politicamente scorrette” e comunque lontane anni luce dal sentire comune delle persone.

Alcuni piccoli esempi (si fa per dire).

Una delle accuse forti, uno degli slogan della destra è rappresentato da sinistra uguale partito delle tasse. La posizione della sinistra sostanzialmente consiste nello spiegare che sì, qualcosa si dovrà e si potrà fare, ma che i servizi costano e garantiscono i poveri e che i problemi veri sono l'equità e la lotta all'evasione. Giustissimo! Ma da sempre la sinistra sostiene questa posizione e il sentire comune, anche dove la sinistra governa da tanti anni, qual è? Come la pensano gli elettori normali? Sicuramente pensano che le tasse assommate alle tariffe sono ormai esagerate, sproporzionate, insopportabili, insostenibili e soprattutto che (salvo alcune lodevoli eccezioni) spesso i servizi pubblici sono più generatori di sprechi e privilegi a costi elevatissimi che di garanzia di servizi per i più poveri in un sistema dove la pur giustissima lotta all'evasione e il rispetto delle regole spesso si risolvono con misure percepite solo come assurde e vessatorie (obbligo del conto corrente, pagamenti tracciabili anche per cifre modeste, autovelox e multe esagerate e sproporzionate per far cassa, codice Isee, complesse procedure di accesso ai benefici ed Equitalia come braccio armato anche contro chi non può davvero pagare). Pensiamo che dopo tanti anni sia ancora credibile e sopportabile riproporre le stesse ricette con il solito impegno a fare meglio con le solite facce di chi deve garantire che si farà davvero meglio?

Altro contenuto storicamente rivendicato dalla sinistra è quello di essere i rappresentanti dei lavoratori. Per molto tempo è stato sicuramente così, ma oggi? Già è un problema definire i lavoratori come una unica categoria (una volta era molto più facile), è davvero difficile pretendere di rappresentare l'artigiano e il suo dipendente, il negoziante e i suoi commessi, sostenere che i lavoratori pubblici e quelli privati sono davvero uguali, che nelle piccole e grandi industri vadano bene le stesse regole, che al Sud e al Nord le cose siano uguali, che se una fabbrica è in crisi o no nulla cambia per i dipendenti… ma in una ubriacatura che si è dimostrata solo ideologica si continua a basare le proposte e le politiche della sinistra su presupposti culturali e filosofici che, a mio pare, oggi sono totalmente inadeguati e spesso fuori dalla realtà, spesso basati su mediazioni anacronistiche di vertice proposti e sostenuti da funzionari che spesso non sanno davvero nulla del mondo che vogliono rappresentare e che tendono a ignorare completamente i bisogni delle aziende, eludendo ogni idea di meritocrazia, di flessibilità e, spesso, le stesse aspettative di molti lavoratori.

Alcuni esempi. Lavoro precario: l'ultima proposta della sinistra consiste nel rendere tale rapporto più costoso per le aziende in modo da rendere più appetibile l'assunzione a tempo indeterminato. La destra propone semplicemente di detassare le nuove assunzioni, i potenziali lavoratori perché dovrebbero ritenere più efficace e credibile la prima proposta fatta da chi li dovrebbe rappresentare storicamente? È così difficile capire che si ottiene solo la riduzione di posti di lavoro seppure precari? Ma la stessa logica si ripete un po' su tutti gli argomenti riguardanti il mondo del lavoro, dagli straordinari odiati dalla sinistra e dal sindacato e ambiti (detassati) da molti lavoratori che non arrivano a fine mese, a regole sull'apprendistato che lo faranno sparire perché non praticabile da nessuno. Ma davvero se un sedicenne che non ha voglia di frequentare gli studi e ha voglia di imparare un lavoro come idraulico, meccanico, imbianchino, è meglio che stia in una strada perché altrimenti c'è il rischio di sfruttamento minorile. ? Siamo certi che un lavoro manuale complesso non lo si impari da ragazzi con bravi maestri che ti insegnano lavorando? È questo che pensa la gente umile, i lavoratori? Se lavoratori pensionati in buona salute e con voglia di fare e arrotondare la pensione vogliono svolgere piccoli lavoretti quali raccolta dell'uva, della cipolla, dei pomodori, riparazione di scarpe di biciclette ecc.. ma davvero vanno riempiti di regole e di balzelli o vanno incoraggiati e incentivati? E’ davvero meglio incoraggiarli a stare tutto il giorno in un bar o in un centro sociale? E loro (quasi tutti potenziali elettori di centrosinistra) cosa ne pensano? Per non parlare delle regole, delle garanzie e dei costi imposti all'assunzioni di badanti che sino a ieri avevano dato risposte importanti a tanti anziani che sempre meno se le potranno permettere grazie a norme (definite garantiste e di civiltà dalla sinistra sindacale e in realtà complesse, costose e poco garantiste per l'anziano e la sua famiglia) ottenute da rappresentanti sindacali a cui i pensionati hanno garantito il loro contributo e la loro adesione per tutta la vita. Possibile che un gruppo dirigente che vuole rappresentare il mondo del lavoro non si chieda perché buona parte dei lavoratori abbia abbandonato la sinistra e ieri abbia scelto la Lega o Berlusconi e oggi Beppe Grillo, possibile che non capiscano che molti lavoratori non sanno più come dirglielo che con quelle idee non li rappresentano e che se continuano a non capire saranno sempre di più quelli che li abbandoneranno? Davvero si deve prima distruggere tutto ciò che i nostri vecchi ci hanno così orgogliosamente consegnato?

Altro tema, i costi della politica e la loro incidenza sulle tasse dei cittadini. Si badi bene parlo di costi della politica e non di costi della democrazia perché sono due cose diverse. Propongo solo una piccola riflessione, la Giglio prima e la Cooperativa muratori di Reggiolo oggi, Unipol o Monte Paschi di Siena sono davvero cose di cui la sinistra può dire in modo credibile, noi non c'entriamo? È credibile rivendicare i meriti per lo sviluppo del territorio e dell'occupazione quando tutto va bene e cavarsela dicendo noi non c'entriamo quando tutto va a rotoli? Come può l'elettore credere che un partito non c'entri assolutamente niente quando la scelta dei dirigenti di quelle aziende o di quegli enti è fatta prevalentemente da dirigenti o rappresentanti di quel partito? Ma poi, il centrosinistra ha mai fatto con chiarezza proposte di tagli veri e sanguinosi sui costi della politica? Mi limito a ricordare i tanti interventi di dirigenti contro il taglio delle Province o come il partito sia tenero, quasi assuefatto alle spese “almeno un po' leggere” delle Regioni amministrate o dei fondi non certo rifiutati nelle Regioni amministrate da altri.

I temi etici e la “società civile” sono stati e sono altri due bastioni del centrosinistra, vediamoli disgiunti. I temi etici: si è cercata una mediazione su cose non mediabili, i principi etici, i valori non sono mediabili. Si può discutere quanto si vuole, ma alla fine o si può divorziare o no, o l'aborto è legalizzato o è vietato (davvero penosa la discussione sui giorni, l’obiezione di coscienza, la teorica dissuasione ), i matrimoni omosessuali, le adozioni o sono possibili o no. La mediazione in politica è un'arte e una cosa molto importante però quando la mediazione non è possibile l'unica cosa che può tenere tutti assieme nel campo dei diritti civili è solo l'affermazione del concetto di libertà individuale purché si tratti di libertà e comportamenti non invasivi e offensivi della libertà altrui, proprio come faceva il vecchio Pci che presentava autorevolissimi indipendenti cattolici nelle sue liste non a difendere l'aborto o il divorzio, ma a difendere tutti assieme la laicità dello Stato e il rispetto delle scelte del singolo cittadino. La mediazione tra la Concia, la Bindi e la Binetti non accontenta e non può accontentare nessuno, tutte e tre dovrebbero essere unite nell'affermare la laicità dello Stato e la libertà dei cittadini a pensarla come meglio credono mantenendo per loro le legittime convinzioni. In altre parole, a mio parere, i temi etici non sono temi di partito, non vanno risolti a maggioranza, i partiti qualificano il loro agire se approvano leggi che definiscono i contenuti di libertà dei cittadini secondo la loro cultura, fede o semplice convinzione nel rispetto di tutti. Insomma, senza inventare nulla, libera Chiesa in libero Stato. Ci si chieda quanti elettori hanno votato centrosinistra affascinati dai bizantinismi o dai modernismi sul tema.

La società civile. I temi dell'associazionismo e del volontariato sono assolutamente di rispetto e importanti, proprio per questo in un programma di governo sono rilevanti, ma forte è stata la sensazione che si sia cercato di colmare un vuoto di idee, di programmi e di credibilità usando candidature della "cosiddetta" società civile. No, così non funziona: un partito, uno schieramento si giochi la faccia, dica cosa propone e gli elettori decideranno se è condivisibile o no, ognuno faccia il suo mestiere con chiarezza e rispetto dell’autonomia altrui senza voler far apparire la mancanza di idee e di programmi aperture democratiche delegando ad esterni l'assunzione di responsabilità. Anche su questo tema ci si chieda quanti elettori hanno votato centrosinistra, lista Monti o lista Ingroia perche si sono rivolti alla “società civile” e al mondo delle associazioni e del volontariato.

Non voglio introdurre le problematiche drammatiche vissute oggi dai giovani ma mi limito a ricordare con un po' di malinconia e nostalgia quando, purtroppo tanti anni fa, con mio padre si assisteva con ansia allo spoglio delle schede elettorali e quanto mio padre attendesse con speranza il voto della Camera e di come gioiva orgoglioso quando alla Camera si guadagnava qualche voto in più del Senato, chiaro indice di adesione dei giovani alle idee della sinistra! Che malinconia oggi, dal confronto emerge con chiarezza la totale assenza di adesione da parte dei giovani. Tutta colpa loro? Anche loro non capiscono? Non sarà il caso di qualche realistica e spietata riflessione autocritica? La sinistra oggi è lontana dalla società anche per questo, non si possono ascoltare solo i giovani che parlano come i vecchi, non ci si può accontentare di tutelare genitori o nonni in grado di aiutare figli e nipoti, non si può decidere quali sono i loro problemi senza conoscerli, senza dialogare, senza coinvolgerli, senza umiltà e capacità di ascolto. Quanti vecchi tromboni fanno dotte lezioni a un popolo che non li ascolta più. Io credo che Bersani sia una gran brava persona, simpatica, probabilmente onesta, credo che nel centrosinistra di persone così ve ne siano tante altre, probabilmente più che negli altri schieramenti, ma credo con altrettanta convinzione che questo non basti, non può bastare a mascherare la mancanza di idee, di coraggio, di rinnovamento e di rottura con i troppi tatticismi, compromessi, silenzi. O lo si capisce e ci si muove di conseguenza o lo tsunami elettorale diventerà irreversibile e, come disse qualcuno, gli sbraiti i lamenti, i dolori lancinanti che ci aspettano non segnaleranno la fine del mondo ma semplicemente sono fisiologici in un travaglio e un parto difficili che portino alla nascita di un mondo nuovo, speriamo migliore, non ne siamo certi, ma così proprio non va.

06 marzo 2013










"L'ultima  Thula" (F.Guccini"





lunedì 4 marzo 2013

COLLAGE-OVVERO BURLESCA QUASI SERIA SE NON FOSSE FILASTROCCA



...I vantaggi della democrazia matura,ovvero i serial premier...


C'ERANO PROPRIO TUTTI.

I Pinocchi come altezze imperiali disposti a cedere quasi tutto meno il naso a guida di un sicuro progresso.

Le"belle" sospesa la crociera per dedicarsi al Quarto del Mondo,le nacchere a rullio di tamburo al collo Maiorca che perla si nasce anche senza i pizzi di Bruxelles.

Il Gatto delle sette Leghe coi baffi inzaccherati di sintassi mostrato a monumento nella piazza principale della città del lago finite le cartucce ai remi i feticci  lui condannato ad imparare l'Amleto e tutto Shakespeare.

I patrioti cospiratori esploratori in avanguardia per espiare spiando senza volere le alleanze gettate nell'inferno ma inventando il gioco delle due mosse.

Anche in Sistina i 115 cominciavano a sudare d'Africa che lavorare stanca  quasi come a coltivare la gramigna e l'orto per purificare il gatto che si infiamma quando vede lassù...

E si giocava a perdersi per rinascer tutti nuovi con gli abiti vecchi fatti dal gran sarto che piangeva spilloni finiti.

Persino gli undici destinati a farsi bruciare perchè sospettati di mangiare i bambini senza più posti a tavola lasciati in un angolo a sacrificio per il bene della collettività  per multa la rinuncia agli egoismi personali.

E tutti facevano a gara a rubarsi il "contrasto" sguazzando al caffè e intingendo il biscotto.

Nessuno amava gli inciuci,almeno così si diceva,ma si sa che il mercato lo fa e a nozze chi prima chi dopo ci va a meno che  zittella/o in cantina ci resti..

C'ERANO PROPRIO TUTTI

Dal saggio a cui non interessava la causa ma neppure la "storia" se non raccontata a notizia con l'indennità di rischio vicino e a sinistra l'oppositor del sistema che incarna l'antitesi col sopra e col sotto così che nessuno lo prenda sul serio.

Persino gli alti magistrati pater noster qui es in caelis et in terra muniti con lo scettro del reame costruito sul ferro della logica indiscussa fischiata con lo zufolo di Grimm.

I grilli mestatori di ragliate dagli effetti d'asplosione come lampade a gogò sogno o ci faccio.

Il barbiere in frigorifero pronto per l'uso che l'esercizio fu tecnica e divertimento insieme anche se infelicità sempre gli diede il non essere primo in barricata made in Italy.

Lo squalo poi nuotava in supewrficie per educare i figlioletti dai dentini ancora a mollo gli occhioni a palla d'uovo con la chiara incollatutto come fumo da sifone segnalazione virus.

E che dire dei formichieri urticanti per l'artrosi che perfin Vercingetorige ha infettato che abbronzato urla che qui il sole non c'è più mentre il il caos la pioggia il temporale lo trova persino dentro casa e allora meglio trovar rifugio da qualche amico ubriacone rifilandogli i soldoni puliti e lavati sol da lui.

Insomma

tutti a sognare di Rivoluzione con la folla in delirio per gli applausi,la torpedo blu con la bella bionda al fianco e se mora fosse anche non importa che questa o quella per me pari sono la Cenerentola a curare il focolare come Angelo Custode a domicilio il Padreterno che la benedice.

E FU APOCALISSE IN ATTESA DI RESURREZIONE!

Si la vita è veramente bella perchè permette di tirare il sasso senza mai scoprire chi l'ha fatto.Unti i venditori di pianeti,la Carità Cristiana dall'occhiolino rapace e canterino,in barba i bisogni reali della povera gente perchè in una "libera" economia di mercato è il mercato stesso che regola tutte le cose.
A li mortacci tui! Bella è si la vita  ma quando la si guarda con gli occhi di questo zoo di bestie proprio strane!

Mirka 


"Dies irae"  (Requiem Do min K.626 -W.A.Mozart)





 

sabato 2 marzo 2013

UMORI CANGIANTI,LA NATURA,UNA POESIA

...e fu cambiamento d'umore  catturare la bellezza




Ho salutato l'alba irrequieta quanto un gatto che scodinzola .       La noia prima ancora d'udirla per radio o sul giornale che avrei comprato di lì a poco.         Il  "voluto" piacere di sfidare lo specchio ignorandolo  che mi sarei vista su tutti i vetri della casa.Bau!
Poi      ho spalancato la prima finestra.       Tutti i colori mi sono precipitati addosso.     Una  gamba d'albero appena potato.       La faccia muta dell'uomo quando lavora.        Il  rauco lento d'una gatta ingravidata  .         Il  brusio della prima ape confuso a una mosca.          Il becco giallo  del merlo o forse d'una gazza incrociata ad altro uccello.          Il primo cenno di sole.          Un bimbo discolo scappato all'urlo d'una mano.       Nell'aria il suono familiare d'una campana.      Una poesia trovata sul web che mi ha fatto piangere.
Ed è allora che ho cercato quello specchio che poco prima avrei voluto frantumare.

Mirka


"Salut d'amour"" (Edward Elgar)








venerdì 1 marzo 2013

SI E' SPENTA UNA LUCE SOLO QUAGGIU'

  
...e nel mistero volto ad altro,tutto si sparpagliò nel vento


Su una via... un giorno saremo uniti alla Luce che,nel  tempo del fulgore si ha lasciato sulla scena visibile .    Oggi è il tempo per piangere il "senso" del compiuto.           Domani  sarà trasformato in energia che continuerà a dare "senso" al cammino intrapreso, sfaccettato,a volte,dai cristalli lasciati per la stessa via. 
La vita continua e noi con loro.
Con affetto  un doveroso grazie per ogni pathos che ci hai lasciato e così aderente all'ideale del tuo realismo.

Mirka



"In memoriam aeternam"  (A.Vivaldi)