fiume

fiume
fiume della vita

lunedì 27 giugno 2016

MA FALLE GLI OCCHI AZZURRI (LINO LIVIABELLA)



In un certo qual modo era per entrambi come un tacito appuntamento che, mancato, faceva grigio il giorno e rabbuiati gli occhi. Lo so perchè quando capitava d'incontrarsi nei corridoi del Conservatorio, il sorriso che guizzava sui volti di entrambi era forzato e scuro. Ne restava comunque una nota vibrante che via via assumeva l'intensità di un colore come il rosso di certe albe. E non c'era verso di spegnerla. Questo per me, ma se penso ai misteriosi innesti di sincronia so che doveva succedere anche a Lui.  Ne ebbi la conferma giocando a fargli l'oroscopo per arrivare a sapere se fosse vero il mio sentire. Sono sempre audace con chi mi fa sentire a mio agio e   libera. E  coinvolgo chiunque a provare il gusto felice della libertà.
Il treno era lo stesso,n. 521,  carrozza 44, ora 7.15 del mattino. Lui saliva a Bologna, io a Reggio Emilia e, come meta comune  Parma. Sapevo che sarebbe passato con quel treno. In cuor mio desideravo che anche lui incrociasse il mio pensiero, sperando che anche lui attendesse il mio arrivo. E quando gli Insiemi combaciavano, le mie gambe diventavano Ali di merla. Con studiata noncuranza, maliziosa solo quel tanto per togliere l'eccesso ingombrante del cuore, bussavo al vetro dello scompartimento,allungavo il collo sino al limite estremo, (mai avuto un collo da oca così lungo neppure nei miei incubi da cattiva digestione!) mi assicuravo che non ci fosse nessuno e, con la soavità dello zefiro anche se tutti i venti si erano scatenati come folletti sbronzi ma spinti da un unico inarrestabile pensiero, aprivo la porta. Deposto lo zainetto dei libri e  la borsetta con gli innocenti strumenti femminili,davo il via a una verbosità dapprima banale sino alla cretineria del tipo  stamattina ho visto una farfalla   una farfalla bianca   ho  cantato felice come lei   farfallina bella e bianca vola vola e mai si stanca, per passare ad altezze vertiginose del tipo  la nostra vita è la realizzazione di un dovere assegnatoci e tutto è fatto in modo che questa realizzazione sia guidata dalla gioia   oppure    la vita è un'onda che sfida l'uomo con la magia della sua altezza     la vita il più delle volte  la si rappresenta e si lascia perdere l'occasione di viverla  e roba del genere e chissà chi me le aveva infilato in testa.  Lui mi guardava coi suoi occhi marroni di castagna maturata al sole sotto il boccolo già spruzzato d'argento ma con lo sguardo perso come in un sogno lontano. Credo che dovesse divertirlo un mondo l'aria saputa di un'adolescente quale io ero allora!  Solitamente teneva sulle ginocchia uno spartito o un quaderno per scrittura musicale. La mia curiosità imbizzarrita, cercava in mille modi di decifrare il significato dei segni, delle annotazioni lasciate con la minuziosa scrittura del pensatore. Un giorno senza distogliere gli occhi dai suoi gli domandai a bruciapelo Maestro che nome ha dato a questa composizione?  "Occhi neri"  mi rispose e io subito di rimando ma col volto imbronciato come fanno i bimbi  Ma falle gli occhi azzurri!   Da quel momento  ma falle gli occhi azzurri  fu sempre il nostro Buon Giorno anche alle sette del pomeriggio.  E' vero che non seppi mai se cambiò la versione originale, ma di sicuro so che qualcosa d'invisibile e solo nostro ci rese complici di un dolce  innocente intrigante segreto  oltre, ovviamente, alla profonda stima reciproca che non si perse mai.   Da allora sono passati un poco di anni, eppure quella visione non è mai uscita dai miei occhi, ne dal cuore e, ora che qualche stella dal mio universo si è spenta, riappare vivida la sua,come stella cometa nel ricordo di un bambino che s'incanta  e finisce dentro a una bella fiaba. E so che, nelle curve del vivere per ogni uomo c'è una cosa che capita, nel momento giusto, solo in quel momento, mai prima né dopo.  E so della felicità che può recare ogni attesa.  Ora quella di un ricordo, bello anche nell'incertezza del Presente ma sentito come l'eternità di un abbraccio attraverso la gioia mai spenta.   Anche a Te, Maestro, ovunque...grazie e...arrivederci. Mirka


"Recondita armonia" (Primo atto Tosca- G. Puccini)




Nota: Il M. Lino Liviabella oltre che compositore di fama internazionale e di grande cultura umanistica, fu il Direttore del Conservatorio di Parma per tutto il tempo dei miei studi musicali

2 commenti:

  1. Ha visto il sito linoliviabella.com?
    Lucio Liviabella

    RispondiElimina
  2. No Lucio ma guarderò. Profondamente Commossa ringrazio

    RispondiElimina