fiume

fiume
fiume della vita

lunedì 23 marzo 2015

ERBA MEMORIA



 Camminavo smemorata di tutto      
d'improvviso  
   nell'aria l'odore d'erba tagliata     
 l'odore della mia campagna    
  preciso fu il balzo nel regno segreto 
dove rigermogliano le  emozioni     
 il piccolo giardino    
  la casa filtrata dalla luna   
  il muro con le ditate lasciate dal sole    
  le rotaie col fischio del treno   
 il canto del gallo a ogni ora    
 l'ultimo miagolio di una gatta in amore    
 il mutamento dei colori captato dai miei sensi prima 
del frontoio in testa    
 i sogni diventati monelli nell'acqua gelida dei fossi    
 ridere e ridere su ogni impronta di bagaglio o di futuro.     
E tutto diventò fiato   
  fiato d'assenze sulla tovaglia d'erba memoria   
  io l'apolide tornata in una patria che non conosco più.

Mirka



 "" Io vagabondo: (Nomadi)









Nessun commento:

Posta un commento