fiume

fiume
fiume della vita

lunedì 27 luglio 2015

E IO TAGLIAI CORTO (SOGNO)

Una breve introduzione: Fra le mie amicizie ci sono state persone semplici e umili, umili e non semplici,di valore immenso consapevoli in modo semplice, umili e inconsapevolmente di valore immenso, non umili ma molto importanti per la gerarchia sociale.  Il mio tipo di vita mi ha portato a conoscere tutta questa umanità. Un Destino multiforme con costanti ripetute stranamente alla distanza di un settenario. Una di queste persone "molto importanti" l'ho reincontrata dopo molto tempo di silenzio e frequentata approfondendone il sospeso. La incontrai per la prima volta sul trenino di zona che portava tutti alla stazione centrale da dove i treni principali s'incrociano e da dove ognuno di noi si dirigeva verso la sua meta. Io ombrosa e riservatissima studentessa dai luminosi "sogni di gloria", lui specializzando in economia. Quando si arriva alla così detta "cima" della Piramide,ci si arriva non con le mani obbligatoriamente curate e pulite della pianista, ma di chi ha lavorato grosso e quindi sporche d'ogni zozzeria. Ambizione anche di notte e che toglie il sonno, decisi e arrapati sino al cinismo, ma chiedendo perdono a Dio sempre con molta fretta. Consapevoli d'essere SOLI pur avvinghiati da mille lacci del più disparato colore umano. Generosi più per freddo calcolo che per inclinazione naturale. Ecc. Ebbene,quell'amico ritrovato e molto importante aveva preso l'abitudine di venire a casa mia. Si brindava sempre a qualcosa e si discorreva. O più esattamente lasciavo che lui parlasse perchè sentivo che ne aveva bisogno,gli faceva piacere raccontare ed essere ascoltato (sapeva e sentiva di poter contare su una sincera attenzione) e a me faceva piacere ascoltarlo, purtuttavia cercando di separare la letteratura del detto con la verità del non detto. Sponsorizzò persino l'avvio di uno dei miei progetti,ma questo per stima e perchè lo credeva utile,innovativo, buono per il Paese.
 Chiudo e passo al SOGNO.
L'inizio è piuttosto confuso e come in ombra. Sono sotto a dei bellissimi portici,davanti al bar centrale, con tanta gente attorno,seduta e che guarda. Qualcuno sorride,altri fingono di non guardare ma senza sottrarsi alla vista il buono dell 'osso. Di questa scena non mi sfugge nulla. Disinvolta e sorridente come da natura,entro nel bar dove chiedo l'irrinunciabile secondo caffè di giornata. Mi abborda un tizio molto ciarliero,che conosco solo di vista e che comincia a raccontarmi più i peccati che le virtù della gente. Io gli presto un'orecchio più per educazione che per interesse. Anzi, la noia comincia a bruciarmi la lingua. Usciamo. Ci troviamo davanti alla gioielleria di quella persona "molto importante" ma che nella realtà fa l'industriale. C'era anche lui. O meglio c'erano i suoi occhi bianchi dolcissimi umanissimi e quasi imploranti ma rivolti solo a ME. Come se la persona fisica non esistesse. O più esattamente esisteva ma così insignificante e ridotta da parere un nano. Si. Un nanerottolo. Proprio così. Il rompicoglionì intanto continuava imperterrito a sciorinare le sue sequenze di malignità,forse sperando, credendo o pensando di suscitare,prima o poi,una qualche mia reazione di sdegno o di schifo. Chiarissimo lo schiocco del suo gesto su un'ipotetico libretto d'assegni, simbolo di un cambiamento che favoriva i bisognosi anche se... (Ovviamente il tizio alludeva "malignamente" alla spilorceria dell'industriale). Seccata e dura TAGLIAI CORTO. " Embè? E allora?  Ha capito e sta recuperando il tempo perduto prima che finisca. Magari lo facessero tutti".  Nel buio luccicarono solo degli OCCHI BIANCHI INSIEME A UNA CAMICIA DI LINO, BIANCA ANCHE LEI MA DI TAGLIA COSI' MINUSCOLA DA SEMBRARE QUELLA DI UN BAMBINO. CONCLUSIONE
 Nel sogno credo d'avere riconosciuto la soggettività umana trasmessami dagli occhi. Cercando "ostinatamente" d'incontrare i miei,la persona voleva trasmettermi lo specchio davanti al quale tutti dobbiamo metterci realizzando le impossibili della fuga. Esperienza che accomuna e che rende umani cognitivi e sensibili solo se riconoscendole nelle diverse situazioni della vita,nei sottili passaggi interni e come punto di partenza per cambiare dando il via a un nuovo essere non più così bipolarmente ambiguo o strutturalmente modificato. Mirka

27 commenti:

  1. Un sogno importante e dal significato profondo Mirka. Siamo tutti enigmi quando si comincia a camminare con le proprie gambe. Solo quando liberamente si sceglie l'indagine comportamentale di se di fronte al mondo,solo allora,dicevo, si è liberi di plasmare razionalmente anche se stessi e il mondo che lo circonda.
    Bel post. Avrebbe fatto felice qualche buon maestro dell'anti psichiatria. Salvatore

    RispondiElimina
  2. Un sogno molto chiaro. Occhi come il simbolo del dolore,del pentimento,della redenzione,della misericordia. Occhi rivelatori dell'unica verità capace di esprimerla attraverso il bianco e attraverso
    il bianco, la guarigione della sua anima,oltre lo stesso corpo (insignificante minuscolo da assumere il sembiante del "nano") che l'intrappolava. Bello. Un caro saluto da noi tutti. Sergio

    RispondiElimina
  3. Grazie Salvatore, da TE ho sempre da imparare. Mi onora non poco la tua presenza sempre graditissima. Mirka

    RispondiElimina
  4. Vero Sergio, quando di prende coscienza, ci si riconcilia prima con se stesso e poi col mondo. Il dopo più non ci tiguarda. Ricambio col cuore i saluti più affettuosi. Mirka

    RispondiElimina
  5. Un sogno è soltanto un sogno .... una parentesi, non sempre rosa, fra le parole TI e AMO !
    Bisognerebbe amare un po' più gli altri ( e non per fede ricompensatoria ... ) e un poco meno noi stessi ....
    Ma la vita è la vita .... e non ci importa che i nostri miserabili orticelli recintati ci privino la vista dell' orizzonte che ci sta di fronte !
    A bientot ... @Mirka-Bianca : belle le tue mani affusolate sui tasti bianco-neri del pianoforte ! :-)

    RispondiElimina
  6. Ci sono vite nei sogni (onirico ) caro cavalierErrante più significative e vere che nella realtà di tutti i (santi) giorni. Salutiamo

    RispondiElimina
  7. Più significative della realtà ?!?
    VITE NEI SOGNI ???
    Ommioddio ....
    CONCORDO CON TE, @Mirka 'glaukèira' .... e bacio le tue mani che estraggono fatate armonie !
    :-)))
    https://youtu.be/7kICm5Lb04c

    RispondiElimina
  8. Al di là d'ogni ironia dottesa o meno io mi attengo alla MIA esperienza e agli infiniti che la precedettero. L'armonia resta valida se noi sappiamo ricavarla dopo il superamente delle realtà, così spesso non edificanti, nutrendoci di quel bello unificato che ci scorre fra le mani.

    RispondiElimina
  9. Proprio questo, volevo dire nel precedente mio commento, amica mia 'medico-pianista' : un Artista attinge al proprio mondo incantato e suoi sono i sogni che riesce a far diventare realtà !
    Poi, quelle stesse meravigliose emozioni di cui è madre, talvolta diventano "anche" figlie, o mamme, nostre, talvolta no .... c'est la vie ! :-)))

    RispondiElimina
  10. 😉 Grande Cavaliere lei si che conosce la parola che lusingando freccia dritta al cuore. Mirka

    RispondiElimina
  11. Dritto nel cuore ... ma senza l' uso del lusingare ( uso che, come sai, aborro ... ) : questo è il mio sogno !

    Per ciò mi feci @Cavaliere Errante,
    sotto la luna ... o sotto un buio cielo,
    copre il mio cuòr un trasparente velo,
    e di malinconia ornai il mio mante !

    Dritto nel cuore, dritto come strale,
    senza lusinghe e senza il falso rito
    che muti in grande me che son normale,
    è l' emozione il premio a me più ambito ! :-)))

    RispondiElimina
  12. Anche poeta CavalierErrante? Mi ricordi gli occhi di questo sogno. Bianchi. Dolcissimi. Trasparenti da parere solo luce e velati di malinconia. Un saluto e grazie per i versi

    RispondiElimina
  13. Cara Mirka,ci sono dei sogni come questo che,oltre a dare risalto alla vita esterna (portici,gente,bar,il pettegolo di turno ecc/) mettono a nudo l'interiorità di una persona spostando l'attenzione sugli occhi,grandi,immensi,luminosi,cresciuti da superare lo stesso corpo.
    Archetipico di rinascita spirituale e nel superamento la luce come esperienza dell'eterno. Bello. Un abbraccio forte. Ornella

    RispondiElimina
  14. Sempre piacevoli e mai superficiali i nostri scambi. Resto tranquilla nell'attesa impaziente dei nostri quattro occhi. Intanto goditi il tuo bel mare ancora incontaminato allungando un pensiero l'immaginazione complice...

    RispondiElimina
  15. con 12 anni di psicoanalisi qualcosina ho imparato dai sogni. Qui mi sembra abbastanza chiaro. La gente che guarda e che fa finta (realtà di tutti i giorni l'impiccione...e gli occhi (buoni) che sostituiscono la parola ma che dicono più d'ogni parola. Molto bello. Un bacione. Tizzi

    RispondiElimina
  16. Grazie cara. Un bacione a te. Mirka

    RispondiElimina
  17. Carissima,si possono scegliere i sogni? No.Ma studiarli come scienza senza escludere il corpo si,direbbe il buon psichiatra istriano ch'era mio padre studioso sino all'ultimo istante. Un saluto musicale da Vieste.Nicola

    RispondiElimina
  18. Ciao Nic, giusto quello che hai detto. Del resto dopo la musica anche i sogni erano il nostro argomento preferito. Vieste? Bello anche se immagino sia per lavoro e avrai poco tempo per gustare altro ma sempre un'Evviva e ad majora. Mirka

    RispondiElimina
  19. I sogni sono i nostri occhi che hanno sondato il profondo mandandoci i messaggi affinchè noi li interpretassimo. Il tuo è un sogno semplice solo in apparenza ma bello come una poesia. Un fortissimo abbraccio.Orietta

    RispondiElimina
  20. Grazie per questo messaggio Orietta che terrò caro come una bella poesia creata per me perchè la ricordasse il cuore. Un grande abbracco nell'attesa di farlo nella realtà. Mirka

    RispondiElimina
  21. Si potrebbe dire "Non ho paura di sguazzare nell'essenza delle cose" se mi presento a te coi miei occhi bianchi e ti chiedo compassione. Molto bello.F.

    RispondiElimina
  22. Stupirsi per una ritrovata innocenza F. non può essere che estasi dopo la melma. Mirka

    RispondiElimina
  23. Sembra di vedere tutto. Brava. Questo comunque non è un sogno ma una poesia. Grazia

    RispondiElimina
  24. Un sogno che riflette la vita. Un sogno che potrebbe essere fatto da tutti.Gli altri giudicano e si beffano quando non capiscono,sono superficiali e li muove l'invidia. Solo la limpidezza degli occhi ci racconta della realtà spoglia,,vera solo nell'umanità. Paolo P.

    RispondiElimina
  25. Vero Paolo anche se bisogna essere in grado di leggere quegli occhi che si offrono a noi. Nel sogno c'era la disarmante umanità. Nella realtà non so. La maschera che ci si mette è spesso incollata alla pelle.

    RispondiElimina
  26. Carissima,forse il sogno è un contributo che la terra dà alla formazione dell'altro mondo,creando un universo attraverso un'infinita serie di sogni notturni,inconsci,sogni nati nel sonno all'interno dei quali si è svegli come non mai e in tutti questi passaggi la vita che si sta vivendo è sorpresa e amore,un'estasi che continua. Forse l'unico elemento per afferrare qualche insegnamento. Elsa

    RispondiElimina