fiume

fiume
fiume della vita

giovedì 10 marzo 2016

LEZIONE DI PORTAMENTO E IL SOMMO TOSCANO




A un signore che casualmente si trovava ad assistere  a una lezione di portamento e,che, fortemente stupito e scosso per quell'inimmaginabile scioltezza e grazia dell'insegnante,si permise di chiederle  quanti anni avesse. Scoppiando in una fragorosa risata l'insegnante le rispose:"E chi lo sa. Il passaporto è restato su quella nave con le vele al vento dove il Tempo è ancora tutto da vivere. In certi giorni invece è tutto pronto per l'appello su l'ultimo esame. Quello più difficile.   Come nel Tempo della nave  rido. Solo un poco meno di allora.  Mi fermo spesso a metà di un'azione cominciata. Cosa che quando stavo sulla nave con le vele al vento era inizio, lavoro e conclusione, a volte con una vittoria insperata e a volte no,purtuttavia mi è restato lo scatto di quello spirito guerriero,un poco pirata e un poco fatalista.  Non ho aspettative se non per la gioia di godere della nascita del primo filo d'erba dopo la neve.  A differenza d'allora guardo con distacco l'affannarsi degli uomini con l'inutile peso che si trascinano come fosse un tesoro e non un ingombro . Non ho nemici neppure venuti da quelle sbandate improvvise che partivano da me, e degli amici mi tengo il buono dei ricordi spartiti con la sincerità del cuore.  Pronta,(ma questo è da sempre pur fingendo di credere lontano quel momento con l'inganno di scartarlo), è la capacità del volo più alto  e senza luogo se ancora non lo trattenesse, un poco, il peccato del NON perdono a chi vide le mie lacrime dirompere come un fiume in piena e impassibile le lasciò cadere.  Non appartengo agli eroi dei miei miti anche se continuo ad amare l'eccezionalità del loro coraggio, paradossale che fosse, da parere surreale in quel ricco di risorse e prodigi.  Ma qui a consolarmi ci penserà il Sommo dei Poeti con qualche verso che concilierà me e tutto il mondo". 
  Verso di te,che fai tanto sottili
Provvedimenti,oh a messo Novembre
Non giunge quel, che tu d'Ottobre fili.
Quante volte del tempo, che rimembre,legge,moneta,e uficio,e costume
Ha' tu mutato,e rinnovato membre?
E se ben ti ricorda,e vedi Lume,
Vedrai te simigliante a quella 'nferma,
che non può trovar posa in sulle piume,
Ma con dar volta suo dolore scherma.  ( Purg 6 Dante Alighieri) 

 E l'insegnante tornò a ridere  fragorosamente solo con meno gusto nel palato. Mirka



"O fortuna" (Carmina Burana- Carl Orff)

Nessun commento:

Posta un commento