fiume

fiume
fiume della vita

giovedì 19 maggio 2016

IL RIAFFIORARE



E l'improvviso       di una scrittura amata portò alle gambe il senso della marcia per ritrovare nei voli di farfalla tutti i colori di una stagione nuova, l'atto di volontà a farcela che sempre contraddistinse il mio andare incontro, dire a me quanto sia bello sentire, emozionarsi,percepire il ritmo in ogni cosa e io strettamente legata a loro.   Magari  comunicandola agli altri attraverso gli occhi, con un ascolto sincero ed empatico, la calma "pensata" di una risposta riaffiorata da tutte le cose viste e  insieme unite.  Essere capace di riappacificare ogni moto contrario, i tempestosi sbalzi di umore, le inquietudini, anche se motivate. Una serenità, insomma, che si contempla, per dirla alla maniera di Wordsworth, come uomo che parla a un'altro uomo, dai miei agli occhi degli altri e viceversa, consapevole di farlo e di ciò che sta avvenendo.   Il potere della scrittura.   Lei che era armonia nel suo ridere di tutto e      piangere.    Mirka



"Adagio " (Concerto V Imperatore - Op 73 E flat Major -Ludwig van Beethoven)




10 commenti:

  1. Riaffiorò un segno di scrittura mandata dal Destino perchè il corpo e lo spirito lo chiedevano,ritrovando,come nelle fiabe antiche, la strada smarrita, ridandole forma di consapevole coscienza e...comunicando agli altri la sua gioia,sentì rinascere l'amore per tutto. Giacchè la vita e ogni creazione è sempre il più prezioso dei beni. Un caro saluto Mirka. Bello questo post. Davvero. Salvatore

    RispondiElimina
  2. Bella pulsione vitale è quella che ci viene da chi c'è ne ha dato esempio,portandoci e guidandoci a sentirla nel ritmo di ogni cosa,a percepirla nella natura e poi a trasmetterla all'uomo in onde alte di serenità e di pace. E questo Adagio grandioso di Beethoven si unisce all'armonia del post. Un bacio. Mary

    RispondiElimina
  3. E' bello tradurre la vita a partire dalla natura. Non si faranno soldi ne carriera,ma si arricchirà la vita di qualità. Quella personale e quella degli altri. Una scrittura amata è lì per ricordarci che il senso del camminare è la felicità di farlo,il piacere di ritrovare una volontà lasciata andare per inerzia o sconforto,e condividere con gli altri il bello raccolto dalle emozioni osservando la natura nei suoi mille colori,ora in festa di primavera,e sentire il buono che passa fra se e gli altri. Come faceva "lei" ridendo e piangendo. Insieme o da soli,ma sempre scivolando sul filo della gioia che unisce. Affettuosamente ti abbraccio. R. S.

    RispondiElimina
  4. Grazie di cuore Salvatore, anch'io ho sempre creduto alla "non" casualità su cui lavorare per dare lampi di luce alla nostra intuizione e farne strada corrispondente. Un caro saluto, Mirka

    RispondiElimina
  5. Si. Mary, è così. Gli impulsi vitali sorgono, anzi dirompono solo da una fonte originaria a cui attingere e continuare la coerenza del nostro cammino. Baci, Mirka

    RispondiElimina
  6. La Gioia. Non conosco altra via Avvocato che non abbia dato a me anche il senso preciso del vivere e come altrettanto senso unitario trasmetterlo, donarlo. Questa è stata la mia "carriera" augurandomi di non venirne mai a meno, costasse pure un granello di finzione. Bacio, Mirka

    RispondiElimina
  7. Il passato riemerse nel presente come primavera,agendo con positività e creando armonia fra se e se,relazionandosi con la natura e permettendo agli altri di goderne leggendo i pensieri scaturiti da quell'intreccio di occhi e ascoltando della musica divina. Con affetto faccio emergere un abbraccio anch'io. Sergio

    RispondiElimina
  8. L'istante,il momento giusto per recepire un messaggio importante,trasformando uno stato d'animo,non al massimo,in un'altro capace di unirsi a ogni cosa creata. E...fu armonia grazie alla potenza di una scrittura "amata". Un bacio grande. Tizzi

    RispondiElimina
  9. Quel giorno Sergio fu così. Un misterioso intreccio e...armonia diffusa. Ciao e sempre un'Evviva alla Vita buona. Mirka

    RispondiElimina
  10. L'istante Tiziana. L'unico capace di fermare il tempo. Noi pieni di lui e senza altra memoria. Bacio, Mirka

    RispondiElimina