fiume

fiume
fiume della vita

lunedì 3 dicembre 2018

EREDITÀ




Zoccoli 
le vene del vento 
 fruscio di serpente prossimo al letargo 
guizzi di un dio inferocito 
non incline al perdono

 il Silenzio lanciato 
in eredità
per sfidate riflessioni
nel termitaio uscito dal sudario della polvere
 rigurgitato da spinte incontrollate.

Forse è cosi che si strizza l' occhio al l'arbitro dei brividi e la preghiera arrestata su lo stupore ai denti?
Ché lento è il cammino lasciato sul sentiero
 del fulmineo lampo dove a Mezzo battono le ore.


Emib ( Mirka)

Nessun commento:

Posta un commento