fiume

fiume
fiume della vita

giovedì 10 settembre 2015

CONTRASTI INTELLETTUALI

"Se io NON penso dimentico. Se DIMENTICO perdono. Se PERDONO sto meglio con me e col mondo intero. Anche la schiena mi si drizza diventando morbida ed elastica. Il Difficile è ARRESTARE i pensieri che invece vorrebbero volare". Così si diceva la donna sull'uscio mentre si accingeva ALLEGRAMENTE a chiudere porta e finestre.

Mirka




 JE VAIS T'AIME  (Michael Sardou)



 (


8 commenti:

  1. Se si vuole stare bene tutto deve diventare positivo. Anche un pensiero molesto. Un bacione. Lilli

    RispondiElimina
  2. Carissima. E' buono cercare tutto ciò che ci fa stare bene. I bisticci dei pensieri lasciamoli agli uccelli in cerca di briciole strane. Svelami però una cosa. Perchè alla fine hai detto "allegramente" con tanti nodi in testa? Solo una donna restata bambina sa essere allegra con tutti quei pensieri. Probabilmente riguarda anche te. Affettuosamente ti lasciamo un abbraccio. Sergio

    RispondiElimina
  3. Credo sia molto importante superare i pensieri al fine di conquistarsi la gloria della dimenticanza per avviarsi al nuovo liberi e leggeri. Un bel saluto musicale a quella simpatica donna. Nicola

    RispondiElimina
  4. No Lilli. Il pensiero molesto lo devi cacciare con un bel calcione augurandoti che non ritorni indietro. Può aver fatto il nido. Mirka

    RispondiElimina
  5. Sono sempre stata così Sergio. Se troppi pensieri sento che stanno appesantendomi, li lascio indietro e torno allegra prestando l'attenzione ad altro. Ovviamente a del piacevole. Anche VOI ci siete. Mirka

    RispondiElimina
  6. Grazie Nicola. Col tempo acquisterò piena questa gloria. Lascia l'onore delle armi a quel bisticcio di pensieri riappacificati dall'indifferenza e quindi dall'oblio. Ricambio il saluto musicale con il bolero di Ravel

    RispondiElimina
  7. sei viva e queste contraddizioni sono normali. L'allegria alla fine ha bilanciato tutto portandoti via i pensieri e donandoti la leggerezza. Paolo P.

    RispondiElimina
  8. Spero Paolo che quella leggerezza che si alterna come un tamburo al mio temperamento non venga mai meno. Sarebbe tradire la mia parte buona di chiara identità. Mirka

    RispondiElimina