fiume

fiume
fiume della vita

giovedì 3 settembre 2015

FOTOGRAFARE OVVERO DELL'ETICA


Si fa un gran parlare se sia buono o no, lecito o un affronto alla moralità fotografare il dolore. Io dico di si, che si deve.  E mi esprimo con un'esempio personale. Nella mia vita non ho mai assistito alla morte fisica di una persona. Neppure quando ero una studentessa di medicina. Al dolore invece fui sempre presente. Con empatia e compassione. Vera e profonda. Quando morirono mia madre e la mia ultima zia, sorella di mia madre, chiesi alle Onoranze Funebri, con molta umiltà, d'assistere al rito della vestizione. Accettarono con un misto di stupore incredulo e d'ammirazione. Nessuno l'aveva fatto prima di me e nessuno si era presentato con una simile richiesta. Ma oscuramente capirono.  E vidi. Vidi le  care nudità con tutti i segni della sofferenza. Uno per uno li distinsi e su ognuno versai silenziose ampolle di pianto. E ogni osso fu contato con tenerezza, baci turbati solo dal rumore dei singhiozzi.  E posso affermare con assoluta onestà che mai Rispetto fu più profondo, l'Amore più autentico e grande. Non ripresi con l'obiettivo è vero perchè furono i miei occhi a farlo stampando e incidendo la Memoria di quelle amate spoglie. Lo stesso dicasi per i fotografi di professione. Il loro obbligo morale non è quello di incidere su le coscienze, scuoterle, squarciarle, renderle attive attraverso la realtà nuda del dolore? Lo fecero dei grandi come Mario Giacomelli che non addolcì certo con le sue opere la solitudine dei vecchi chiusi tra le mura di un'ospizio, le crudeltà spesso degli operatori.


 Mirka











" Preludio" (Op 28 -n.4 -  E min -F.Chopin)


12 commenti:

  1. Ti capisco anche se io non ho avuto questo coraggio. Un bacio. Grazia

    RispondiElimina
  2. Guardare in faccia la realtà e raccontarla nella sua nuda verità non deve fare paura anche a costo d'essere fraintesi. Ma questo lo si deve mettere in conto. Ciò che si prova invece nel cuore lo sa solo chi lo fotografa anche solo con gli occhi o per darne testimonianza. Chi è in malafede traviserà anche questo.Con affetto Gianni

    RispondiElimina
  3. Grazia a ognuno il duo tipo di coraggio. Ricambio il bacio. Mirka

    RispondiElimina
  4. Quando sei arrivato all'età della consapevolezza Gianni, tutto si deve mettere in conto, mai quello di tradire quell che ti parte dal cuore e che credi moralmente giusto. Anche per me l'affetto immutato. Ciao, Mirka

    RispondiElimina
  5. Chi per mestiere fa il fotografo deve essere cosciete del peso e della responsabilità quando dà alla stampa ma non sottraendosi mai dall'obbligo di raccontare i fatti veramente accaduti magari con lo scopo di risvegliare qualcosa che si è sopita nell'uomo,promuovendo riflessioni,condivisioni o no,reazione e azione. E la realtà è piena di crudeltà e di sofferenze più ancora che di gossip. Tornando invece a te,io ti comprendo. Come ben sai amo dipingere e.tra una pausa e l'altra del mio lavoro,in verità molto pochi,uso i pennelli per ritrarre dei volti. Con le loro smorfie ,con le loro contraddizioni,le loro sofferenze. L'ultimo è stato il volto di mia madre nella sua parte finale. Volevo imprimermi tutto e non ultimo con la speranza di suscitare in altri delle domande. Ecco. Mi sei venuta in mente. Caramente Maria R.

    RispondiElimina
  6. Sulla stessa strada, allora. Entrambe affrontiamo la realtà anche se spesso vorremmo scappare o chiudere gli occhi, ma più forte sempre è la verità che ci spinge ad agguantarla costi pure un'illusione lavorata a Sogno e con amore persino cesellata. Io con gli occhi, col canto o con la parola. Tu nel tuo lavoro giornaliero che nelle pause diventa pennello creativo immortalando il dolore affinchè "qualcuno" un giorno, commovendosi, possa far crescere il seme del nuovo, su un terreno buono per far fruttare valori universali. E non ha importanza esserci per constatarne la bellezza della fioritura. Noi sappiamo. Ciao, un abbraccio. Mirka

    RispondiElimina
  7. Credo che si fotografi la sofferenza per riportare a se e agli altri un concreto sul quale l'emozione,il sentimento e l'intelligenza potranno lavorare in vari tempi e coi dovuti stati d'animo. Comprendo molto bene il comportamento che ti ha spinto a sigillare i segni del dolore nella memoria del tuo cuore. Nicola

    RispondiElimina
  8. Ti ringrazio anvora una volta Nicola per questa profonda riflessione che mi trova in perfetta sintonia. Si raccoglie per elaborare e rendere fusione unica tutto quell'Insieme che ci ha travolto.Mirka

    RispondiElimina
  9. E' difficile immedesimarsi in chi ha questa necessità. Chissà. Forse si fotografa la sofferenza per sentirla sul proprio corpo come segno d'amore per ricordarla in seguito. Con affetto. av R.S.

    RispondiElimina
  10. Acuta intuizione R. Almeno per me è così. Un bacio, Mirka

    RispondiElimina
  11. La sofferenza è il male a cui nessuno sfugge. Fotografarla è come vendicarsi per una ingiustizia subita.Io provo a credere questo. Ornella

    RispondiElimina
  12. Nel fotografare il Calvario di qualcuno si fotografa anche il nostro tentando di esorcizzare quello che, come spada di Damocle ci sta sopra con la vendetta d'Amore da cui partì lo scatto. Grande in ogni caso è stata la Tua intuizione. Grazie

    RispondiElimina