fiume

fiume
fiume della vita

lunedì 14 gennaio 2013

...E POI...TUTTO PRESE ALTRE DIREZIONI.





(Sii) come la luna; limpido,puro,sereno e imperturbato.Così disse il saggio
L'unica cosa di cui dobbiamo aver paura è la paura stessa,disse qualcuno

 ...e fu silenzio di vertigine


Sii pronto in ogni momento a sacrificare ciò che avevi in mente in vista di un meglio
......e il prato cantò di bianco e di tutti i colori





Il progetto per OGGI era  quello di IERI
 poi  si è cambiato.

Zittirono i passeri
il labbro si morse 
Non suderò
si disse una mano 
grattandosi la testa
mangerò la zucca
o forse la polenta
il sole in ogni occhio
una scala verso il cielo
che arrivi sino a Lui
indifferente a tutti 
i nostri piani
perchè,almeno,
ci tenga caldi,in casa.

Mirka



"Sa dirmi,scusi" (Boheme-G.Puccini-1 parte atto 3)












Nota; Spero che tutti possano condividere questa musica immortale e,magari anche commuoversi nel segreto di sè.Quando l'ho scelta non ho pensato a nulla se non a rivivere le emozioni di sempre.

16 commenti:

  1. Gialla la zucca, giallo il sole, gialla la polenta... e le giornate che nel freddo si allungano impercettibilmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e il pettirosso si prepara a far nidiata.La tua logica,MARZIO,non fa proprio una grinza,anzi.è liscia come quando si versa l'olio in tegame e...lentamente si squaglia,sempre che non si alzi troppo il fuoco.Mirka

      Elimina
  2. E' tutta un'emozione passare da casa tua.Tortelli di zucca,foto,musica e non solo quella del grande Puccini, che accoglie e rasserena anche gli spiriti più rabbuiati.Amica ti ringrazio con tutta l'anima.Oggi al corpo non voglio dargli retta e tu forse lo immagini.Lilli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scegliendo questa casa, le avevo dato come nome quello della GIOIA.Forse le resterà addosso,LILLI,anche quando gli uccelli si saranno azzittiti. Tutti siamo soggetti alla "schiavitù" del corpo.Accettiamolo come obbligo di un passaggio in vista di risorgere.Bacio,Mirka

      Elimina
  3. Cambiare i programmi per tutto questo,non è poi un male perchè ne è saltato fuori un bene.Un bene candido con tanti colori luminosi. Bellissimo post.F.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma si F.Per una come me va bene tutto purchè restino dei punti luminosi a cui attingere il senso d'esserci passata.Grazie infinite,Mirka

      Elimina
  4. Capacità di trasformare un'ostacolo,in un bel caldo e lievità a procedere.Complimenti con un "caldissimo" abbraccio.Sergio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e io ricambio con piacere il caldo, SERGIO, come per un dì di festa.Grazie,Mirka

      Elimina
  5. Soprattutto la prima delle foto premesse a questo post mi ha colpito, senza naturalmente voler far torto a quelle successive: essa mi è apparsa come potenziata da una forza scultorea, quasi avessi davanti agli occhi un mosaico, più che un dipinto. Davvero la foto di cui sto parlando (la prima), è a parer mio nel senso più estetico del termine un "fermo immagine". Complimenti vivissimi, quindi, per tale plus-valore di bellezza che, oltre alle musiche scelte, arricchisce i tuoi scritti, da qualche tempo in modo speciale e incontrovertibile.

    Andrea

    RispondiElimina
  6. Grazie ANDREA.Come nella vita ho sempre inseguito il "particolare" che,lavorando sull'immaginazione,avrebbe continuato a cercare sino al compimento dello stesso,dandogli interezza e unità.Non solo.Ma che restasse impresso e vivo a tal punto da costituirne una sorgente che portasse "oltre",intellettivamente o istintivamente,affinchè nulla restasse statico,chiuso o fine a se stesso, ma defluisse in energia che,spaziando,potesse ricreare,a sua volta, ogni principio di emozione,scaturita da un colore luminoso o da tanti colori luminosi aventi al centro di ognuno la vibrazione di un'eco lontana, forse esperita dalle nostre multiple esperienze raccolte in tracce o in tracce lasciate.Mirka

    RispondiElimina
  7. Belle,belle.belle! Bello,bello,bello! Ecco la lievità della parola che da senso a ogni cosa spingendola verso la direzione della bellezza.T.V.B.Carlotta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello!!! Ricambio la sincerità dell'affetti.Mirka

      Elimina
  8. Condividere questo cambiamento,con noi,è felicità a sorpresa.Fatti sentire.Monica B.

    RispondiElimina
  9. Molto bello.godibile,auspicabile anche per noi tapini.Steiner diceva che una valida filosofia per trovare l'armonia è la volontà che diventa realtà metafisica trasferendosi anche nelle sfere dell'esistenza nelle quali una diretta esperienza della volontà non è possibile.E allora mi chiedo se voi,non l' abbiate cercata con la volontà,anche se in modo inconsapevole.Il cosmo ha fatto il resto col venirvi incontro.Luciano.V.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. LUCIANO all'armonia bisogna arrivarci con volontà sotterranee che sappiano scavar fuori il sole anche d'inverno.Credo però che il tuo commento (molto bello e significativo) si sia spostato dove altre direzioni non disdegnavano nè la volontà e neppure la voglia di lasciare qualche traccia.Io ti lascio un grazie.Mirka

      Elimina