fiume

fiume
fiume della vita

lunedì 20 gennaio 2014

CIAO CLAUDIO E...GRAZIE PER AVERMI INIZIATO ALLA GRANDE BELLEZZA




Ciao Claudio,

forse fu la timidezza che non mi fece varcare quella soglia dei grandi,allora, o la mia (estrema) giovinezza protesa a "cercarsi"  più che a capire il significato dei tuoi occhi brucianti,e in quello che vibrava in ogni tuo gesto,così sicuro e preciso.

Tu chiedevi molto ed esigevi risposte  immediate che ti rassicurassero. Non fui all'altezza delle tue aspettative...allora.

Ma grazie a te posso comunque dichiarare con profondità di sentimento umile, grato  e consapevole,che la mia vita, bella pur nella sua dolorosa e  inquieta ricerca, è cominciata proprio da quel nostro primo incontro nel conservatorio A.Boito di Parma. E fu l'inizio di un  viaggio in Dimensioni alte quanto misteriose  che mi portai sempre appresso, mi furono guida preziosa e caparbia per proseguire un cammino spintadall'aspirazione della perfezione,la cura dell'inaccessibile ideale a prescindere da ogni preoccupazione materiale, le sue implacabili altalene,le prove aspre sempre in attesa e al varco.
A TE, cavaliere di luce universale, vada allora,col mio pianto irrefrenabile e ininterrotto quel GRAZIE  sempre un poco pudico,forse perchè il cuore non sapeva farlo uscire nel subito stupito,come del resto si fa ogni qualvolta si è davanti a un'autentica opera d'arte. Quello appunto che ti appartiene per meriti consolidati e portati a compimento e per quel Mahler a Berlino impossibile da passare all'archivio di memorie se non rinnovandone il rosso degli occhi.

Mirka 

"Kinder-Totenlieder"   (Song on the Death of Children-G.Mahler)


 


23 commenti:

  1. Mancano le parole per dire cosa abbiamo perduto, con la scomparsa di Claudio Abbado: Un Maestro che come pochi ha creduto nella FORZA DELLA BELLEZZA. Ieri ho seguito il minuto di silenzio alla Scala di Milano in suo onore...mi sembrava di essere lì...ieri sera poi, su RADIO TRE ho riascoltato il primo concerto per pianoforte e orchestra di Beethoven da lui frequentemente diretto, nell'ultimo decennio...che dire? magico approccio alla partitura, come al solito...grazie, Maestro, da parte di un ascoltatore appassionato e attento, credo, della musica classica

    Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ANDREA. Un'altro "grande" che ha portato a buon compimento la "sua" vita,un valore per "tutti".
      Lui NON giocò con la vita degli uomini,ma con la Bellezza sentita come valore universale che eternizzò al di là dello stesso male del corpo che lo stava divorando da anni.
      A Lui il meritato spazio e un abbraccio a te.Mirka

      Elimina
  2. Riposa fra i grandi uomini, fra i grandi artisti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si MARZIO è così. Vorrei lasciarti un sorriso più ancora che il pianto ma...ciao.Mirka

      Elimina
  3. Adesso il Maestro è in pausa in quel luogo non luogo dove non è mai esistito il male né mai esisterà. L'aria un dolce vento da dirigere in aeternam semper. Grazie per quella foto. F.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e noi cercheremo d'imitarne il cammino meritando quel tipo di pura gioia . Emozioni vero F?...Ciao,Mirka

      Elimina
  4. Il Maestro continuerà a dirigere musica che noi continueremo ad udire anche non vedendolo fisicamente. .Lui voleva questa perpetuità da "sforzo" e consolatoria per tutti. Ciao Maestro e a te un carissimo abbraccio. M.Berni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già MONICA."perpetuità da sforzo" e gioia per aver insistito malgrado ogni estrema stanchezza o dolore.Mirka

      Elimina
  5. Onore alla grandezza del M Claudio Abbado e alla sua forza cosciente trasformata in serenità .A.Lena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Onore e Memoroa imperitura A. che con sorpresa saluto.Mirka

      Elimina
  6. Ci ha fatto sognare come vera realtà. E noi terremo a cuore tutto questo. Elsa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una realtà che non ha mai tradito ELSA e che aspetta i benefici dei frutti.Mirka

      Elimina
  7. Veramente grande. Seppe unire alle doti sue dot,i una sottilissima capacità di percepire l'anima nella musica facendola vibrare in ogni suono. Continuerà e noi capiremo l'immortalità lasciata sentendo la meraviglia della prima volta.Nicola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sarà il pathos che il Maestro ci ha lasciato a guidare le nostre peregrinazioni verso una meta che superi ogni tragedia umana. Mirka

      Elimina
  8. Ho il cuore ancora gonfio e incredulo,eppure profondamente grata per tutto ciò che lui ci ha lasciato a conforto quando il bisogno chiama. Mary R.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E noi continueremo ad essergli grati per la potenza inesauribile lasciata affinchè ne prendessimo anche coscienza. Mirka

      Elimina
  9. Dal vivo ho ascoltato il maestro una sola volta. A Reggio. Un Mozart che non dimenticherò mai. Grazia

    RispondiElimina
  10. Sono stato a Bologna per dare l'ultimo omaggio al Maestro. Sono felice di lasciare un grazie anche qui. Sergio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e che i grazie prolifichino sempre SERGIO che con affetto saluto. Mirka

      Elimina
  11. Da quando il Maestro ci ha lasciato per la mia casa è tutto un ripetersi della sua musica. E ci fa bene e ci fa male.Carlotta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà perchè CARLOTTA tutto quello che fa bene fa anche male,da qualche parte. Mirka

      Elimina
  12. Addio al grande Maestro , una delle figure “rivoluzionarie” della musica sinfonica italiana. Grazie a te ,IMMENSA EBE !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero MARIA,il Maestro fu sfida intelligente e,proprio per questo continuerà a operare dentro ogni dimensione cosciente o no ma predisposta a ricevere la luce,evolvendosi all'oltre,lasciandola a selettiva (fortunata) eredità. Grazie,Mirka

      Elimina