fiume

fiume
fiume della vita

mercoledì 15 gennaio 2014

QUANDO LA RABBIA "GIUSTA" DIVENTA CONCENTRATO VITAMINICO

...e fu il sentiero non visto ma percepito come odore a determinarne la pista




Di natura sono tendenzialmente conciliante ed evito, quando posso,ogni forma di litigio. Rido e fò ridere  per il gusto di vedermi allargata completamente la faccia e guardare lo stesso allargamento ,lento o improvviso sul volto degli altri.        Sono schiva d'ogni  tipo di chiasso e mi adopero come capolavoro d'arte per non trovarmici dentro.       Sono una persona seria con gli altri, un pò meno con me  stessa, sulla quale rido per le tante incoerenze che prendo come peccati veniali.       Ma sono assolutamente intollerante a ogni forma d'inganno, di fatto o intenzionale,di bugie create per menare l'asino per la cabeza incoraggiandolo con lo zuccherino, sempre  pronto all'uso,purchè resti  tale.  Asino.

Credo di NON avere mai ingannato nessuno.       Bugie si che  ne ho dette e continuerò a dirne,ma quelle non hanno mai recato danno a nessuno.   Sono  gioco e nulla più.     Gioco per alleggerire dai pesi, esaltare la fantasia e l' immaginazione verso un mondo che, forse, volendo,o magari anche inventandolo,potrebbe assumere i colori  che vide nel suo tempo, un  grande come  il Carroll di Alice.         L'incanto schietto.    Quello dei bimbi.    I bimbi che si divertono credendoci davvero,pur percependo che tutto finirà proprio come brucia il fuoco..

Certo,mica ho detto d'essere  un'agnellina o una pecora.     Diciamo che sono una terra buona sempre in fermento,questo si,con sonnacchiose pause di benefico umorismo.   Forse per rinverdire il mio forte istinto di libertà.

Mi è estraneo invece ogni generalizzazione ed è difficile che qualcuno mi senta pontificare di questo o quell'altro.      Parlo della mia esperienza,questo si e se ne parlo usando espressioni assolute è perchè è a me stessa che circoscrivo il mio universo.    Universo che NON voglio cambiare, come NON voglio cambiare il mio modo di sentire e di pormi nei confronti della realtà.     La realtà che vivo e che sperimento con emozione,nel sangue e nel pensiero e che voglio vivere il più intensamente e semplicemente possibile.  Con le mie infinite fragilità (anche se molte di loro sono frutto di condizionamenti).     Quindi rispetto anche loro.  Senza amarle,ovviamente,ma accettandole come elemento portante per restare fedele a ciò che sono.    Col tempo però ho imparato a soffrire meno,giacchè l'orgoglio e la fierezza che riempiva tutta me in quello che pensavo fosse rispetto per le mie convinzioni,era al tempo stesso fonte di profonda inconscia infelicità.

L'età adulta è anche questa.   La conquista di quella "leggerezza" così necessaria per non lasciare ferite aperte.       Anche la mia emotività si è molto modificata.      Non del tutto però,perchè quando ho le prove di  un"odore" strano emesso da  qualcuno che ha giocato "senza divertirsi",salta fuori la giungla e con lei  il ghepardo che vi sta dentro.    Di questo ne sa molto bene la mia amica Carlotta e non solo.

Come per esempio, far passare l'intelligenza per cretineria.        Così  quando questa mattina al milionesimo rinvio d'un pagamento per un lavoro sudato e commissionato,la mosca che da tempo ronzava si è trasformata in artiglio,e "parolaccia". "Ma vai al paese dei merli(nella realtà l'espressione fu più colorita).    Sibilo al gusto verde  (rabbia per essere ancora più chiari) diventata un concentrato vitaminico.    Perche,intuire quello che è realmente,non si può nè stravolgere nè negare,ma contrapporgli un'azione conseguenziale e decisa.     Il minimo giusto per un comportamento disonesto.

"La mente superiore" è si androgina,ma in un'alchimia un pò particolare,dove caratteri femminili sopravvanzano  e di molto,quelli maschili.    Così ho detto a quel datore di lavoro guardandolo dritto negli occhi e con l'assegno per il mio lavoro in mano.    Quanno ce vò ce vò.   Anche se la tristezza  si era impadronita di tutta la mia faccia.

Abbiate fiducia di chi vi sta vicino si, ma.. insieme diffidate.  Sempre.     Qualcuno potrebbe essere  in agguato per derubarvi ciò che voi gli avete messo in mano come  prestito a garanzia di fede riposta bene. .      Alla fine potreste trovarvi dei pidocchi in testa o della puzza  strana per  la casa.  Dall'odore di talpa,di febbre da virus sconosciuto, sicuramente NON di profumo joy  che ti porti alla voluttà nel dilatare i polmoni.      La viola è viola.     Altro è tutto da scoprire.

Mirka







"Casablanca"    (film-Finale)



 

 

14 commenti:

  1. "Guerra al palazzo del re" avrebbe detto il grande Marx. Ciao,ricordando "altri" tempi passati. Cesare M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Storia si ripete nei suoi corsi e ricorsi CESARE e i "palazzi" dovrebbero essere semplicemente case di persone oneste che lavorano (serio) e che rispettano il lavoro anche degli altri ma...a quanto pare siamo nel paese delle burle e burloni. Purtroppo.
      Grazie per "quella" memoria che,però accantono ben volentieri anche se mi porta alla mente lotte fatte con gli occhi lucenti.Un caro saluto,Mirka

      Elimina
  2. Quando ci vuole ci vuole,moderna Antigone. Resto comunque dispiaciuto che,per arrivare a far rispettare la giustizia,sia stato necessario l'artiglio-parolaccia. Ma quando ci vuole ci vuole. Affettuosamente ti abbraccio.Av R.S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è nel Tempo caro AV. che solo la condivisione bella e utile si vorrebbe trattenere lasciando la Storia dei miti il piacere di rileggerli per dire a noi stessi "qualcosa è andato avanti,qualcosa si è imparato".Abbraccione,Mirka

      Elimina
  3. Mi dispiace. Ti conosco come persona equilibrata e gentile. Ma a tutto c'è un limite. Con affetto Gianni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si GIANNI umorale ma con l'equilibrio davanti agli occhi. Purtroppo quando "altri" superano ogni limite della decenza, è giusto che scatti la vitaminica rabbia. Mirka

      Elimina
  4. Ti riconosco in tutto ma proprio in tutto ghepardina,però mi dispiace. Bacioni.gazzella Carlotta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non per niente ti ho citato a testimone di vita quasi intera CARLOTTA dei fermenti e palpiti.. Baci e bacioni,Mirka

      Elimina
  5. La realtà troppo spesso è vigliacca perchè ci prende a tradimento dove meno immagini o ti aspetti. Siamo esortati allora a uno scatto di rabbia (giusta) che mai avremmo pensato potesse uscire da noi,gentili e predisposti alla fiducia. Non si dovrebbe mai aizzare l'aggressività latente in ognuno,ma quando ci vuole ci vuole. Coraggio.So che anche questa volta ce la farai. Un abbraccio sentito e solidale.F.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite F. Quello che m'auguro è di continuare la difficilissima scuola del controllo,la forza di esplodere quando è giusto che lo sia. Mirka

      Elimina
  6. Sai che davanti agli occhi mi è venuto tutto di te e del crescendo finito in gloria?...Resta sempre così. Almeno potrei sempre riconoscerti. Un caro allegro saluto.A.Fuiano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un allegro saluto Antonio e...Sempre un'Evviva malgradotuttoeciononostante. Mirka

      Elimina
  7. Verità sedimentata in un DNA individuale e sociale, sentimenti privati e posizioni pubbliche. Quasi un archivio di memorie intrecciate da esperienze, in grado di percepire il salto nel futuro, senza la piena consapevolezza, nel senso che tutto è ancora da scoprire. M.Lussurgiu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' sempre bello M. RIscoprirsi con una vocaszione partita da molto lontano e farne identità priva di ansia. Grazie infinite,Mirka

      Elimina