fiume

fiume
fiume della vita

mercoledì 1 gennaio 2014

IL NUOVO CALENDARIO E SWEET AND LOVELY






Come allora sto gironzolando per casa in deshabillé.   Metto a posto qualche disco,un bicchiere lasciato a metà col suo contenuto giallo che mi ricorda l'urina quando il sangue è denso.     Come allora. ho il volto in fiamme.  Non voglio spiegarmi la ragione.   Brucia e va bene così.    Il cielo è azzurrissimo,oggi,.e l'aria invita a respirarla come quando si gioca a nascondino.  Si aspira,la si trattiene misurando quanto siano allenati i polmoni, la si butta tutta d'un colpo con un sorriso ironico, perchè si consta quanto sia stato grosso il bluff sul tempo di misura.   Comunque,niente è inutile,perchè ogni esperienza  riporta in ogni caso sempre a se stessi.  Così come non m'importa del tempo in questo primo giorno dell'anno.  Che,dissiparlo o sprecarlo mica vuol dire non provare il piacere di viverlo.    Sono una natura generosa, poco incline ad investire in oggetti e in beni materiali.      L'unico bene a cui ho sempre tenuto è l'essere "autentica" in ciò che sento,nella curiosità che mi porta a sfrugularla come una festa straordinaria coi suoi mille imprevisti e ribaltoni.  Non mi riconosco in nessuna morale precostituita,con l'occhio restato puro e lucido  mentre osserva il mondo ma soprattutto se stessa.   E non è poco.   Mi domando solo se questo senso che considero adolescenziale non sia invece un regalo concessomi per delle reali qualità,le scelte,la conquiste faticose che in un certo qual modo la prolungano consapevolmente.  
 Sono felice di non sottostare a nessuna censura, neppure a quella del mio super-io... Che voluttà infrangerle!  Quasi un'afrodisiaco. 

Una voce alla radio sta parlando di Putin e dei suoi oppositori interni.  Per oggi scelgo il disinteresse domani si vedrà... Spengo.  Mi dirigo verso il televisore.   Automaticamente schiaccio il pulsante dell'accensione lo sintonizzo al decoder.   Stanno trasmettendo il Concerto di Capodanno .  Una tradizione bella ma che non mi esalta più come un tempo.    Ascolto un pò, senza lasciarmi coinvolgere anche se la memoria di "quella" Vienna è viva come un'enorme fuoco d'artificio alla Leonardo da Vinci.    D'amblèe mi lampeggia l'improvviso del pronostico sul mio segno zodiacale Il Toro.     Pare sia un'anno vincente.     Questo ha detto Fox.   Speriamo.    So che,in parte, dipenderà da me se le cose mi andranno bene,se le voglio veramente e profondamente se anche la Dea della "casualità" capricciosa dovrà allungarmi  una mano e poi anche un piede.    Comunque vivrò giorno dopo giorno.  

  Ho gli occhi stanchi di persona che non ha dormito, questa notte. Come credo sia stato per tutti nella notte di un'ultimo dell'anno.  Distrattamente  guardo il calendario nuovo che ho messo al muro vicino al televisore. Quello dei gatti. Leggo       
       "Vivi e lascia vivere,come tutti,aiuta sempre,non ferire mai. Questo è il supremo comandamento janista"  Ecco un mondo che vorrei.  Un mondo in cui vivere e serenamente lasciarlo quando Cronos s'incrocerà con Thanatos. Ma io ne sono d'esempio?...Uh!  Troppe opposizioni!  Troppe contraddizioni! Troppo camaleontica l'anima anche se tenacemente integra nella sua essenza impastata di mistica,di aneli carnali, di sesso,di creazione,mistero.   Sbadiglio.   Sento le palpebre farsi pesanti.   Sfioro il divano e la camera da letto.    M'imbatto nella copertina d'un disco ascoltato ieri sera con gli amici "Sweet and Lovely" . Senza pensarci l'ho metto sul piatto.   Piombo sul divano.        Sogno già.  
    
 La vita insegna che, se per tutti esiste la  "sua" croce, la si puà deporre,a volte,  per ritrovare la leggerezza fuori o dentro al sogno.     Il primo giorno del 2014 sta veramente finendo.  Domani i problemi del secondo giorno da affrontare ci saranno proprio tutti.   Da vicino, guardando lontano.

Mirka


Sweet and Lovely"


11 commenti:

  1. Io chiamerei questo post "Elogio del gatto". Misteriosi,saggi,fieri,nobili, imprevedibili,istintivi. Loro sanno sempre quando piacciono o non piacciono alle persone anche se la cosa però non li coinvolge al punto da decidere di rimediare.F.

    RispondiElimina
  2. Un flash di vita che ti rappresenta,considerando la tua schiettezza mai sgarbata e naturale come quella di un gatto. Questo ovviamente vale per chi ti conosce da quando eri piccola come quel micetto adorabile del calendario. Un'abbraccio affettuoso. Av R.S.

    RispondiElimina
  3. "Quando ero piccolo...Perchè adesso mi dà talmente ai nervi questa frase incompiuta"? (W.H.Auden) Ciao.Mary R.

    RispondiElimina
  4. La poesia del "dolce far nulla" al quale mi associo completamente. Tanti baci e come diresti tu,sempre un'evviva.Carlotta

    RispondiElimina
  5. Una mistura di ozio salutare che si trasmette a chi legge con uguale beneficio. Ma oggi com'è?...Mario L.

    RispondiElimina
  6. Sai toccare con mano leggera anche il tempo,cara e dolce amica. Ti voglio bene.L.S.

    RispondiElimina
  7. GRAZIE AMICI CARISSIMI e...nell'attesa che si dipani il giorno ascoltiamoci anche un pò di Turandot. Nessun dorma per il giorno è rimedio all'ipocondria (sempre in agguato),al "dolce far nulla "che non si conviene ai giorni NON di festa,ai neuroni,all'energia che frustando vince. Almeno le subdole quanto perniciose nostalgie. Queste lasciamole ai perdenti di vita,ai disfattisti di sogni. lasciati con tolleranza d'impotenza nella melma di qualche via o dentro a un bicchiere lasciato a metà. Baci,Mirka

    RispondiElimina
  8. Hasta la vista siempre , dolce amica e per il nuovo che ti sia anno di fantasmagorici entusiasmi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hasta la vista siempre tenerissimo amico senza pelo sul cuopre. Magari con il recupero di qualche diottria. La mia vista peggiora e dovrò,prima o poi,procedere a un'intervento. Mannaggia la fifa! Purtroppo non mi chiamo Hope ma Mirka e la fifa "qui" me se appiccicata alle ossa vicino al midollo ..Ohimè e ancora ohimè per questi sospiri e lamenti che si prolungano oltre il tempo massimo d'una temeraria a prova di fischio.

      Elimina
  9. I gatti sono come la musica. Ci sono quando loro s'impongono. Un racconto rilassante da leggere in seduti in una comoda poltrona,chiudere gli occhi e sognare mentre quella musica continua senza mai finire.Grazia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la saggia pigrizia dei gatti allora. Bacio,Mirka

      Elimina