fiume

fiume
fiume della vita

martedì 12 agosto 2014

PER DIRE GRAZIE






Non mi vergogno quando rido insieme a un bambino che non conosco.    Nel cuore ride la fanciullina che sono. Così,ridendo gli lancio un ciao, in cuor mio lo ringrazio e,mentre scappo per gli impegni,so di vivere dentro un bene scambiato.

Non mi vergogno quando piango per la grandine improvvisa di lacrimoni che devasta il volto della mia nipotina.  Ogni mia lacrima è un inno di ringraziamento  a lei per la pienezza che mi fa provare.

 Non mi sono vergognata quando ho baciato i piedi di mia madre deformati dai reumatismi. Anche lì ridevo e piangevo. Nel riso la memoria di ogni gioia presa.  Nel pianto ogni dolore involontario recato al suo nido di perdono.  La mia primaria inesauribile fonte di energia

E nella gratitudine provata per ognuna delle tre situazioni sentivo che reimparavo a vivere. La vita  nel suo scorrere di onde, tumultose o tranquille, dentro lo stesso fiume. Presente. Futuro. Passato. Io insieme a loro parte inscindibile del tutto.  Stolta vanità quando cerca d'imporsi su un'arrogante pensiero d'infinito ,viva e vera in ogni attimo vissuto fuori da ogni contorcimento della mente o tentazioni di vigliaccheria per il poi.

Mirka




"L'attimo fuggente"  ( Robin Williams- Peter Weir)















10 commenti:

  1. Abbiamo imparato a nascondere le nostre emozioni, come se il manifestarle ci rendesse più fragili e vulnerabili, mentre le emozioni sono la nostra forza, sono il linguaggio del nostro io profondo:-)

    RispondiElimina
  2. Ciao FATA CONFETTO,purtroppo per:molti è così. Sarà per questo che anche la comunicazione diventa problematica,facile agli equivoci,impossibile in alcuni casi, mentre intanto il tempo passa e mai sapremo veramente. Personalmente sono fin troppo scoperta nel manifestare sentimenti e una emotività che ancora oggi trovo difficile da gestire,così che i rischi delle ferite aumentano ma insieme quelle delle gioie. Un caro saluto, Bianca 2007

    RispondiElimina
  3. E' vero.In queste tre miniature ci hai regalato briciole purissime di eternità. Il senso importante di viversi nei semplici gesti spontanei dove si rinnova l'opportunità del dare e la non meno preziosissima opportunità d'essere riconoscenti per aver avuto. Bacione eterno. Maria R.

    RispondiElimina
  4. Preghiera semplice di S.Francesco. In ogni momento l'intensità piena e totale che porta a sperimentare oltre il possibile. Questo ho letto come sintesi di questo post.Un affettuoso abbraccio da tutti noi. Sergio L.

    RispondiElimina
  5. Molto bello.Sono certa che in queste 3 situazioni tu sia riuscita ad esprimere la vera pienezza d'essere vivendo l'attimo.Significativi infatti i video che hai messo.Bea L..

    RispondiElimina
  6. Tenerissimo. Qui non ci sono certo nè metafore nè simbologie.Solo amore. Giorgio.S.

    RispondiElimina
  7. Riconoscentd per questo scambio MARY ti mando un abbraccio e un bacio. Mirja

    RispondiElimina
  8. E tu hai letto giusto SERGIO che ringrazio e abbraccio.Mirka

    RispondiElimina
  9. Credo proprio che sia così BEA. E cone ben hai rilevato i video era un'omaggio non solo a Robin Williams ma alla intensità eterna quando appunto si vive l'attimo senza calcoli pregiudiziali. Mirka

    RispondiElimina
  10. Grazie GIORGIO,non potrei che essere amore quando rido,piango,rido e piango insieme. Mirka

    RispondiElimina