fiume

fiume
fiume della vita

martedì 19 aprile 2016

IL PRATO ROSSO

Questa fotografia è stata presa da Internet

Davanti a me c'era Chopin.  Magia del suono. Magia dell'immaginazione. Magia della cospirazione.  E davanti a me tutta la Rivoluzione del rosso. Dai fiori con le loro multiple testine colorate, alla natura così ricca di sussurri misteriosi, agli animali coi loro  linguaggi trasmittenti, agli uomini, tutti, nelle loro fronti riflettenti luce.   Mi sono detta   Se ogni cosa bella combaciasse sarebbe un eterno Inno di vittoria. Vittoria su ogni chiusura di gretto egoismo,  su ogni muro eretto senza un dinamico pensiero,  su ogni confine che ingloba su rumori lasciando fuori il silenzio che parla alla coscienza.  Solo un trono di prato con liberi papaveri,avremmo davanti.  Un labirinto di rosso e verde dove perdersi e ritrovarsi come anime antiche che non conoscono tempo se non quello della loro fioritura.  Mirka



"Revolutionary" ( Etude n.12 C minor Op 10- F. Chopin)



6 commenti:

  1. Carissima,si riflette quello che uno si porta dentro. Chopin lo fece,la natura pure,gli uomini un labirinto perenne. Il filo d'erba quel verde che separa dal rosso. Ma la tua visione è bella. Magari cambiasse l'uomo,in meglio di quello che è ora. Con affetto ti abbraccio. R.S.

    RispondiElimina
  2. La realtà di oggi è una bolgia infernale,sotto ipocrite insegne di civiltà,libertà e diritti. Solo una bella sbronza di sogni alla Chopin potrebbero aiutare quel prato a rifiorire ma...ci sono dubbi?...Mario

    RispondiElimina
  3. Caro avvocato forse a un nuovo diluvio di Noè. Fiori animali e natura sempre quelli l'uomo lievemente cambiato perchè purificato dalla paura. Bacio, Mirka

    RispondiElimina
  4. Si Mario i dubbi ci sono perchè pochi ma veramente pochi sanno ancora Sognare ascoltano Chopin prima che concili il sonno

    RispondiElimina
  5. Bello. Il prato della libertà,accompagnati dalla luce che illumina senza paura di camminare o di confondersi ma nella libertà di volerlo fare. F.

    RispondiElimina
  6. La libertà. Sogno di sempre delle anime mai state in catene o serve se non della loro volontà d'Essere ciononostante

    RispondiElimina