fiume

fiume
fiume della vita

venerdì 8 febbraio 2013

UN PAESE DI CAMPANELLI

...e fu tenerezza d'antichi voli di passione



Mi sono persa
a guardare
la prima margherita
in avamposto
per scrutare cielo e terra 

lunghe le gambe magre
nel ricordo di allora
dove il tempo si decifra 
dalle ginocchia scorticate

in lontananza rabbioso
l'abbaiar d'un cane
un gatto  indifferente 
al mio richiamo
che meglio era il fiutare
della lucertola la coda
o della gatta 
l'odore dell'amore

mi sono persa
a guardare
la prima margherita 
cercando di conoscerne
gli incendi 

informi  risponderanno
dei capini bianchi
con al centro
il giallo d'una bocca
nel rituale antico
che popolerà la pelle
della terra

umido respiro
che presto 
sarà ghermito
da insetti fornicanti 
di radici
che han pianto freddo 
per germinar la luce
lasciando agli uomini
la coscienza
di morte e di  rinascita 

mi sono persa
a guardare 
la prima margherita
e tutta la tristezza
m'è piovuta addosso

era festa che nitriva
campanelli di fragranza
intrisi di rugiada
fra il bianco e il verde
e solo un pò di rosso
nelle gambe scorticate 
di una bimba 
che sapeva di garofano e rafàno
in attesa di memorie
mentre il sangue la esplorava.

Mirka 





"La campanella (F.Listz-Paganini)












20 commenti:

  1. La prima margherita che, purtroppo, verrà sepolta dalla neve che arriverà lunedì...

    Sentivo già la primavera arrivare, e invece sembra che l'inverno voglia fare uno scherzo ancora.

    E quasi sembra che nella campanella, insieme al diavolo, ci siano i denti che sbattono per il freddo, ecco....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo una lieve disgressione sul tempo meteo,MARZIO,perchè non era ancora il suo tempo oppure perchè il diavolo ci ha messo la zampaccia caprina ,appunto come tu dici a mezzo di Listz -Paganini.E poi la margherita era sentinella "coraggiosa" o "imprudente" in avamposto per tutte le sorelle no?...Abbraccione,Mirka

      Elimina
  2. C'è sempre un debito di riconoscenza verso chi ci guida a pensare,a ringraziare,a godere...F.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si,F.è quello che provo io nelll'incantamento della prima margherita (e non solo che anche gli alberi spogli mi dicono),negli scritti che lasciarono gli immortali del pensiero e che alcuni ancora lasciano,fortuna nostra e di chi verrà poi,il godimento d'una bella musica che sempre muta e fedele ti segue quando cambi tu.Mirka

      Elimina
  3. Oggi cercavo qualcosa che mi portasse alla primavera.L'ho trovato qui,con tutta la sua bellezza,i suoi repentini mutamenti,la sicurezza d'esserci.Elsa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ELSA,finchè i miei occhi sapranno vedere...io ci sarò.Bacio,Mirka

      Elimina
  4. Nell'esperienza personale di un'anima sensibile,c'è sempre qualcosa che serve per tutti.Spero che il mio abbraccio ti arrivi comunque...Monica B.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo MONICA,d'avertelo anticipato io l'abbraccio.T'è arrivato? Comunque sia lo rinnovo con l'aggiunta di quest'aria domenicale e quasi primaverile.Mirka

      Elimina
  5. Tutto rivela e porta indietro nel tempo.La maturità sintetizza mentre allarga la conoscenza,fissandola in un punto che forse assomiglia a un miracolo che si ripete ogni anno e si annuncia sicuro nel suo divenire.Nicola S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo NICOLA,la maturità, nell'allargarsi arriva al centro delle cose e solo lì si ferma.Mirka

      Elimina
  6. "Luna tu... " :-D
    http://www.youtube.com/watch?v=e9n3JYKVxB8

    RispondiElimina
  7. Sempre carina PAOLA,anche nell'aver postato sul TUO blog quel movimento della Sinfonia quarta di Mozart.Ciao,Mirka

    RispondiElimina
  8. E' sempre sorprendente leggere in versi quanto una pur piccola testimonianza di vita, di armonia, possa far riemergere da un'anima sensibile, ed è altrettanto sorprendente ritrovare scorrendo le parole in te stesso quelle stesse sensazioni...
    Un abbraccio...
    Luigi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie LUIGI,anche a me fa piacere che ci sei e mi segui.Un abbraccio,Mirka

      Elimina
  9. Struggenti e raffinati versi scritti da una donna attenta e sensibilissima a tutti i mutamenti e che con nostalgia ricorda quelle tenerissime gambe scorticate.Complimenti.Enrico S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ENRICO,impossibile dimenticare quelle gambe rosse per multiple cadute ma senza memoria che tutto ancora dovevano sperimentare.La nostalgia è quasi d'obbligo anche se indietro non tornerei o forse si .Chissà.Comunque sia è talmente stupido inseguire un tempo impercorribile che è meglio fissare l'attenzione solo sui passi che si sta facendoi,augurandoci che Dio e gli occhi siano luce che non abbaglia.Mirka

      Elimina
  10. Io invece mi perdo nella tua anima bella affinchè mi racconti sempre di primavere "vere",di soli che asciughino le ossa vecchie e stanche.Un affettuoso abbraccio.Av R.S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AVVOCATONE caro anzi carissimo,ma te stai sempre a lagnà anche se hai la mia solidarietà piena e coccolona eh?...Per ora pensa che il riscaldamente NON ti mancherò mai,anche se artificiale e per gatti arrotolati,poi poi il SOLE verrà per tutti e non solo a Mentone. Il "mio" ?...mica sono Korsakov.Baci,Mirka

      Elimina
  11. Tutto è collegato tra loro e il richiamo è misterioso quanto l'energia che si propaga tutt'intorno;nascita,la vita per un brevissimo tempo,poi la morte per far posto ad altra vita.Sarà così anche per quella margherita solitaria,presto mescolata alle altre.Molte altre e,la malinconia di oggi sarà una bella ballata da gustare nella sua stagione e senza alcun ricordo dello spoglio di prima.Caramente ti abbraccio.Ornella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si,carissima. ORNELLA.Proprio come dici.Ballata da gustare nella sua stagione senza alcun ricordo dello spoglio.Bacio,Mirka

      Elimina