fiume

fiume
fiume della vita

sabato 18 maggio 2013

FACCIAMO FINTA



Facciamo finta che la macchina non si sia fermata senza darne un segnale di preavviso.       Che l'appuntamento non sia svanito come quando ci si sveglia al mattino e ci si ricorda solo che si  ha riso oppure pianto.      Che la prima goccia non sia statauna catena che precede il temporale.      Che il fulmine non sia stato che un cerino da cifrare nel suo finale ad occhi spalancati        Che il bucato steso,sia già stirato e messo nei cassetti coi sacchetti di lavanda.       Che la strada non si sia fatta un panno di foschia fra un sogno decapitato e una realtà fatta di gocce inferocite.       Che il cuore non si sia fermato per interminabili secondi e poi abbia ripreso a battere come fa il martello sull'incudine.              Facciamo finta che sia stato vero tutto il suo contrario e che noi si abbia fatto uno sberleffo al tempo giocando a dadi con la nostra nostalgia per non essere  stati capaci di non farci proprio niente. Mentre gli occhi aperti nell'ultimo sropiccio di colori imbuffaliti si chiudono al sonno, la cucina spruzza ancora qualche odore buono,l'humus della terra ci dice che domani,forse,ci sarà il sole,e col sole, il nocciolo della prima pesca in(resca)ta d'ogni colore rubato,l'ombelico della chiocciola offerto a una promessa che si schiude e tutto è diventato un'allegro cicaleccio che nell'abitudine trova il suo conforto familiare e di stagione         Ma si.          Facciamo finta.

 Mirka

"Waltz by the river"  ((Elina Karaindrou)


 





La foto è stata presa da internet

10 commenti:

  1. Un bellissimo disegno narrativo,tessuto da piccoli fatti; interroganti e scavanti insieme. Un coincidente fra domande,la nostra precarietà,l'enigma che stravolge i piani,ricomponendoli sotto o sopra ad altro disegno ancora tutto da scoprire. M'intriga curiosare fra quelle musiche però.Ciao.Salvatore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'anima sensibile non smetterà mai di chiedersi mentre gioisce o piange,caro SALVATORE e noi ne avvertiamo essere solo lì ogni cosa da scavare scioglierla da ogni filo che ancora la trattiene in qualche inutile gabbia.Riconoscente ringrazio e saluto.Mirka

      Elimina
  2. Descrizione oggettiva di un'evento accidentale che modifica e determina un cambiamento di rotta,senza per questo incidere nell'anima,ma soprattutto senza impedire di passare oltre i limititati confini dell'occhio Un caro saluto e l'augurio di "mai arrendersi"..F.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie F.farò di tutto per continuare a restare sfera e centro anche nell'occhio del ciclone.Gli occhi nell'abbraccio,Mirka

      Elimina
  3. Ciao Mirka,solo adesso trovo il tempo di fare un salto qui. Si hai ragione quando parli di nostalgia. Credo anch'io che tutto si muova dentro di lei,anche se non ne siamo coscienti. Chissà! Forse ce la portiamo addosso o nasciamo insieme a lei. Spero che questo tuo post,serva anche a me per pensare positivo,nel segno della speranza,di una fede indispensabile per costruire del buono,aiutati sempre e comunque dall'atto di volontà. Ti abbraccio.Grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensare positivo GRAZIA è,credo,avvolgersi da quel velo di nostalgia che un giorno ci protesse a placenta sentendola patria vera anche se precaria,con delicatezza ma con mano ferma continuarne la trama consapevoli solo di questo.Bacio,Mirka

      Elimina
  4. Ma no.Diciamo quello che è,sicuri che domani sarà diverso da quello che si ha vissuto oggi. Klaus V..

    RispondiElimina
  5. Vero KLAUS diciamo che OGGI va male, e che del doman NON c'è certezza se non per un bel giro di ruota e un pò della nostra "buona" volontà.Se poi la volontà fosse anche rivoluzionaria,ben venga tutta.Mirka

    RispondiElimina
  6. Sai, Bianca, talvolta faccio finta anch'io che le cose vadano meglio, di essere serena, che non mi hanno dato a bella posta lo schiaffone da una parte e dall'altra: debbo dire che funziona, meglio distrarsi che concentrarsi e la vita ci offre tanta musica, danza e spettacoli di bellezza. I tuoi post ne sono pieni.

    RispondiElimina
  7. Fare finta,fore è un'arte,forse una stupidata fatta alla nostra intelligenza capace,o per lo più un'attesa da deserto dei tartari. Grazie DOMENICA per la considerazione riservata ai miei post,frutto di slanci,ma anche d'impegno serio.Mirka

    RispondiElimina