fiume

fiume
fiume della vita

giovedì 16 maggio 2013

LA TENDA.







Forse la vita 
è come quella tenda
che ubriaca ondeggia
quando la scuote il vento

bisbiglia come un testimone di dolore
con  gli occhi rossi di splendore
e sogna di dipingervi la gioia
primigenia fonte che martella ai polsi

vibra e irraggia luce
si ferma e par che dorma
quando la luna appare
e silenzio intorno

oh potessi arrestarla 
quando il fragore 
strema e plasma
quell' eternità di sfere

enigma di quel vento 
che l'incatena al battere
del mio cuore perso
in perfetto oblio di corsa

oh inseguir le tracce
di quel  pulviscolo che gareggia
col sole e con la luna
e poi svanisce là

dove tutto si allarga
e si risveglia a frutta
per l'uomo che che non teme
l'onda   la funesta cattiveria.


Mirka





Nota: Ieri è stata una giornata strana.  Il vento si alternava  a qualche forte lama di luce. Io avevo da fare ma m'incantava quella tenda che a volte sibilava e oscillava come  in preda a delle misteriose spinte.  Mi ricordava l'uomo quando ha alzato il gomito,ha un dolore o è felice.  Tra una corsa e l'altra buttavo giù delle parole-pensieri, evocatori di quella visione continuamente mutante e che a volte si trasformava in suono. Guardavo i suoi giochi e guardavo sù,al cielo,incerta se prendere l'ombrello o no. Solo alla sera ho identificato, con chiarezza, la tenda con l'uomo,enigma fino all'ultimo anche a se stesso,a meno che non dia il "via" a una "sua" creazione.   Bella o meno non importa purchè lo si faccia con l'intenzione di fare bene.  E pensavo a tutti coloro che trovano il coraggio consapevole di metter al mondo una vita,d'affrontarla con gioia senza curarsi troppo del viaggio e dei suoi incerti, fermi nell'affilare ogni mezzo a disposizione,frutto delle loro capacità,intelligenza,risorse,  ma con la speranza che la signora bendata resti loro vicina e benigna guardi ai loro sforzi allungando almeno una mano.

"Notturno" (Op 72 N.19 -Chopin)






17 commenti:

  1. La tenda col suo segreto inattingibile,che rinvia al mondo misterioso e sommerso che siamo noi,nella sua essenza evoluta quando si crea il bene. Tocca in profondità questa poesia e invita ad ascoltare in silenzio anche il nostalgico perenne Chopin.Un grande abbraccio.Nicola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NICOLA si,quando anche l'ombra è servita per portare a galla la luce che abbiamo dentro farla trionfare a bene senza contrario, mentre la penombra della nostalgia ci ricorda che gli addii sono qui e prepararsi bisogna.Abbraccio a te e...sempre un'evviva. Mirka

      Elimina
  2. Che bella foto! Si comincia da un nucleo (tenda), per arrivare a riflettere sull'enigma uomo e le sue molteplici manifestazioni,fino all'atto "consapevole" della creazione di una vita,la poesia ispirata,o le altre simili forme.E...si arriva a un post come questo. Complimenti e due baci.Elsa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte è solo casualità ELSA,ma spesso è anche il dolore trasformato in gioia di creazione a ridonarci il "senso" d'essere qui anche se di passaggio e con bagagli ereditati.Bacio,Mirka

      Elimina
  3. Si svelerà mai l'enigma che noi siamo anche creando la vita e altre belle cose come questo post,o invece tutto non è che l'inquietudine da esorcizzare, per sfuggire a qualcosa che sentiamo "oscuramente" incombente?...Ed ecco a cercare di definirla col verbo, ma senza riuscirci,nonostante si faccia largo il conforto che tutto finirà nell'eternità "silenziosa" di un logos dove dimora l'unità e l'armonia,filo di nostalgia che guida il nostro vivere di senza una patria vera?.. Complimenti per questo post che "non" smarrisce ma porta a connettersi col bello anche se ancora informe.La ringrazio di cuore e le auguro ogni bene.Enrico S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No ENRICO,credo che mai sapremo di quell'enigma col quale duettiamo e a ragione se non nell'ultima pagina lasciata, affinchè altri ne traggano dubbi sui quali lavorarci, verità che squarcia il velo che ha nascosto l'emozione che forse si aspettava da sempre per crescere nuovi. Grazie a lei per la sua infinita gentilezza cresciuta sicuramente dal cuore.Mirka

      Elimina
  4. È sempre il vento o afflato che muove la nostra vita poetica, proprio come quella tenda. Le tue poesie diventano più belle di giorno in giorno, brava Bianca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse è solo esercizio DOMENICA ma soprattutto un piacere mio. Grazie per i tuoi apprezzamenti ovviamente anche graditi. Mirka

      Elimina
  5. Interessante e bella poesia filosofica. Noi come la tenda agitata dal vento che le alterna la luce con l'ombra e sembra persino che gema o sussurri qualcosa. Che sarà?...Anche per l'uomo è sovente così. Essere in balia degli eventi senza poterli gestire,degli impulsi che portano a fare il bene o a lasciare il male. E perchè?...Bell'enigma. Un'abbraccione.Ornella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche l'enigma ORNELLA cessa d'esserlo se noi ci adopriamo a una più profonda conoscenza di noi e di che cosa può aver mosso la tenda.Abbracciissimo,Mirka

      Elimina
  6. Si sente il cuore e il pensiero in questa poesia. Proprio come dovette esserlo per il passionale malinconico Chopin quando l'ispirazione lo portò a comporre questo stupendo notturno. Un fortissimo abbraccio.M.Berni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli artisti MONICA cercano nell'immaginazione la fonte d'ogni ispirazione senza temerne il lontano.E anche tu questo lo sai.Ricambio con gioia l'abbraccio.Mirka

      Elimina
  7. ..."in perfetto oblio di corsa" e quindi in affanno o in apparente "invisibile" disordine che, "visibilmente" ci indica gli scalini da inseguire. Tracce preziose di pulviscolo d'oro dove si trova Dio e la pace promessa per un'ordine ritrovato. Salvatore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si SALVATORE,è così.Quello che ho sempre aspirato anche senza saperlo.Nell'ordine naturale delle cose,la calma che sa di non potersi perdere perchè in lei è Dio che la presiede. Un semplice grazie e tutto il mio bene.Mirka

      Elimina
  8. Tutto è mutante perchè la ruota gira,alternando le luci con le ombre,mentre svela il mistero che prima ci sembrava enigma. Solo la bellezza trasformata in dinamicità di bene può dirsi stabilità di equilibrio che serenamente si abbandona a quello che verrà. Fai pensare,come sempre e con tanto affetto ascoltare ciò che trasmetti. Un'abbraccio anche da Sara.Mario

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MARIO caro ebbene si."Passaggi" dentro a un labirinto sicuri di trovare la via guidati dal bene che con fiducia sa di potersi abbandonare per la serenità che gli ha procurato al cuore e che "qualcuno" ne terrà conto.Bacio,Mirka

      Elimina
  9. La nostalgia è sempre presente anche nelle persone forti e creative come te.Baci.Maria R.

    RispondiElimina