fiume

fiume
fiume della vita

domenica 15 settembre 2013

ALLA BELLEZZA CHE TRASCENDE I SENSI MENTRE LI ESALTA






Varcai un giorno la terribile soglia di quell'ignoto riservato più al regno degli déi che ai comuni mortali.       .   Che,la responsabilità dell'uomo a rendere la bellezza, nota vibrante per dare corpo agli  ideali,esplorarli e renderli universalmente riconoscibili e,attratti l'uno verso l'altro come un Paese delle Meraviglie,sempre vitale è cosa da visionari o unti..       Mi accolse un'albero-cornupio con appesi dei frutti che accecavano come un  prisma di splendori.      Chiusi gli occhi per non vedere.       Solo l'orecchio apersi  per inseguir la folgore .nell'ombra dei colori.      Spalancai nuovamente gli occhi.           Uno strano tremore più vicino al tremolio di un cuore piccolo che pulsa mi prese tutte le giunture.          E a guisa di  ornamento come è in uso al gioco, per vincere senza il fragore dell'armi, mi illuminai le mani  con l'odore  fatto di  fortezza  buona per il  Cielo.      Sudai ogni stilla di luna e mi protessi dall'insidia del miraggio frullandolo nell'Oceano di latte.         Poco ho appreso dal mondo degli umani,ma nella Bellezza trovai la casa.          Felicità fatta di Quiete.        Unica che non divora  in quell'età  dove anche una stilla di dolore uccide.         Qualche nube navigava,lenta,senza far male.         Ma era Novella acqua a ristorare la terra per troppa siccità.          Farla fiorire come a  primavera il pesco..



Mirka


"Flauto Magico "   ( K.620 - W.A. Mozart)



                                          
                                          



Foto da cell

15 commenti:

  1. La bellezza è vertigine. Difficile farne a meno quando la si incontra..E, come ogni iniziazione che vale,richiede audacia,coraggio,disciplina,rigore,il candore di un Forrest Gump e,infine, il premio della Quiete. Perfetta la connessione al flauto magico di Mozart.Un abbraccio ispirato. Nicola S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me la Bellezza,NICOLA, è coscienza d'amore Musica inattesa che squarcia la psiche e illumina l'oscurità del cammino. Il Flauto Magico è questa coscienza vittoriosa sull'intricato labirinto che siamo. Grazie infinite e abbraccio musicale. Mirka

      Elimina
  2. Interessante. La bellezza ti solleva da terra. Ma in modo naturale e senza preavviso. E ti domandi come sia potuto accadere un simile prodigio che ti ha tolto il respiro. Proprio come si fa per la luna quando la si guarda nella sua immobilità. Ma se la sua conquista è quella della Quiete, unita a lei vive l'ombra della inquietudine, perchè insieme si è conquistato anche il profondo senso della responsabilità verso di lei.Mai accondiscendente,mai tollerante,mai contenta,mai acquietante,sempre intrasigente mentre ti sorride con bontà.Ma se il dono deve restare anche noi dobbiamo continuare ad esserne degni. Geniale l'aver messo questo Mozart. F.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si F. "ti solleva da terra. Ma quante fatiche e quante prove! Quante sconfitte coraggiosamente sopportate e vittorie non valorizzate per essere degni d'aver varcato quella soglia in nome di quella Bellezza appena sfiorata.
      Mirka

      Elimina
  3. Mettendo il Flauto Magico,hai raddoppiato l'estasi che si prova davanti a ogni cosa bella,ai voli d'immaginazione creativa,davanti all'innocenza di un bambino. La bellezza,in tutte le sue forme espressive,come la musica,resterà sempre il più alto e profondo modo di comunicare all'uomo ciò che di buono e giusto sente di possedere e che,troppo spesso ignora,volutamente o per qualche forma di pigrizia .E' bello inviarti anche un'abbraccio. Salvatore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie SALVATORE. Poter trovare il coraggio di guardare in faccia la realtà e poi riprendersi gli occhi innocenti di un bimbo è RInascere alla vita dopo ogni prova,"trascendendola" ammantati solo da un velo di tristezza. Miracolo di compimento da chiedere al Cielo incuranti d'ogni altro sospeso.Fortunato si, chi usò l'orecchio della musica per sentire ,farne dono agli altri consapevoli di un lascito buono per tutti. Mirka

      Elimina
  4. La bellezza regala sempre festa,libertà,luce,del nuovo che mette addosso la voglia di non fermarsi mai. Proprio com'è avvenuto leggendo questo post,ascoltando e riascoltando questa musica sublime. Un grande e affettuoso abbraccio. Sergio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che bello questo tuo pensiero SERGIO per aver associato la bellezza a una festa. Forse l'unica consolazione a tante altre brutture e povertà dell'uomo quando la nega o le passa accanto magari anche schernendola. Mirka

      Elimina
  5. La bellezza sconquassa le coscienze ma nel medesimo tempo dona equilibrio. Profondo,misterioso,sottile. Ed acuisce la percettività senza per questo obbligarti a tenere aperti gli occhi. Ho gustato tutto come puoi immaginare. Elsa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se il filo conduttore della vita ELSA,fosse la bellezza non dovremmo temere l'angoscia di nessun finito. Chi l'ha vista sa che in ogni suo passaggio qualcosa di lei vibrerà per lui e,questa sua certezza è già gaudio anche per l'ultima metamorfosi. Certo che hai gustato tutto. E come poteva non essere così?...Bacio,Mirka

      Elimina
  6. L'occhio interiore appartiene a misteriose leggi di conoscenza. Le sue radici sono molto lontane. Un pendant tra la realtà e l'intuizione che scopre il nuovo dentro il vecchio. E come lo sapeva il nostro Mozart universale! K.Voigt

    RispondiElimina
  7. La Bellezza porta a Dio,perchè ci ricorda che solo in lui stà la perfezione,nelle proporzioni d'ogni forma,nella dolcezza dei colori,al loro nascere come al loro sfiorire. E la malinconia che si prova non è che la chiara nostalgia dell'irraggiungibile,essendo noi contraddittori e imperfetti. Stupendi quei volti del video. Rivelatori che per la Bellezza non esiste nè età,nè tempo. Baci baci baci.L.S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e i Suoi Progetti vanno al di là dell'umana comprensione L. e sempre sarà così. Ma perchè preoccuparsi se NON si può capire tutto del mistero che siamo e degli altri misteri che ci girano attorno? Siamo Pensiamo. Facciamo. Poi...lasciamo che la nebbia benefica copra tutto e ci avvolga in oblio e ricordo. . A nche per te un tris di baci,Mirka

      Elimina
  8. L'occhio interiore cerca la natura della luce KLAUS,senza mai smettere di cercarla. E come Mozart si diventa etica e morale di universale Bellezza. Mirka

    RispondiElimina
  9. Incantato. La bellezza è sempre legata alla trascendenza più che al razionale. Da qui quell'indugiare dove il mistero ci attende per essere svelato. I geni come Mozart e Bergman sicuramente ne avranno sentore e,senza intenzione di offesa, rideranno di chi si arrovella per dargli spiegazioni di fenomeno spiegabile con la logica parruccona.Luciano V.

    RispondiElimina