fiume

fiume
fiume della vita

mercoledì 4 settembre 2013

LA GOCCIA




Staticità che permise il torpore alla goccia, ancella di qualche geometria ma non sua padrona.  Così si disse la donna,fantasticando o comunque al limite del razionale.

Mirka




"Pelléas et Mélisande"  (C.Debussy-G.Faure)







16 commenti:

  1. La goccia si ferma e non sa che direzione prenderà ma un nuovo prenderà e,non sarà padrona di dire "Tutto lo si deve a me". Forse anche il libero arbitrio è solo un relativo "essere" sul bordo appunto della razionalità. Ciao carissima e buona giornata. Bellissimi gli accostamenti che hai messo. Nicola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E se invece anche il "libero arbitrio".non fosse regolato da leggi severissime iscritte nella coscienza di ognuno,NICOLA?....
      Comunque sia ecco il mio augurio.Che un'invisibile unione d'armonia leghi il nostro giorno,mentre il mio abbraccio è già teso verso te. Ciao,
      Mirka

      Elimina
  2. Solo l'immaginazione può salvarci dalla stessa razionalità,trascendendola e conducendoci là dove la Bellezza si unisce al bene in una unscindibile unità fatta da tante deviazioni. Come quella goccia. Appunto.Ti abbraccio mentre penso.Elsa F.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ELSA,l'immaginazione può arrivare a credere di poter osare l'inosabile solo pensato, ma attraverso e dentro a un'energia liberata che lascia orme di luce per un cammino a cui attingere spinto a fare altrettanto. Immaginando appunto che il buono è sempre parte integrante di quella bellezza che è riuscita a mettersi al di sopra della semplice grazia di superficie fondendosi in un TuttoUno.
      Bacio,Mirka

      Elimina
  3. Ciao LUIGI,è sempre un piacere sapere che ci sei.

    Mirka

    RispondiElimina
  4. La goccia sa sempre perchè si è formata. Incerta sempre nella direzione che prenderà.Svanendo diventerà dialettica e Spirito che predice, serenità o un'identità al di fuori d'ogni frontiera o luce di violenza. Brava in questa allegoria di" umano troppo umano"! Affettuosamente ti abbraccio.Av R.S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e al di fuori di ogni sciocca vanità.
      Ma che piacere AVVOCATONE vedere il TUO marchio che circola qui e ovunque. Abbraccione,Mirka

      Elimina
  5. Interssante la staticità di quella goccia che riprende il cammino cominciato assumendo nuove forme, razionali e al di fuori della razionalità sino a diventare un nuovo disegno,o un tassello del grande mosaico che noi siamo. (ricordi quanto si parlava?) Molto possiamo ricevere dalla scienza ragionata,ma altro è il dono che riesce a cogliere il cuore e farlo miracolo d'infinito. Stai bene?.. Noi .aspettiamo...lavoriamo, con fatica e gioia.Il resto non ci interessa. M.Berni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si che ricordo MONICA. quel perdersi voluttuoso quanto drammatico dentro le parole e poi fermarsi statici senza ricordare il filo di partenza.
      A parte la stanchezza si, io sto bene. Abbracciami tutti,Mirka

      Elimina
  6. Ecco l'arte. Materia indeterminata che cerca il ritmo della vita. Un bacione. Maria R.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il ritmo MARY che qualche volta incespica ed inutile chiedersi il perchè. Bacio,Mirka

      Elimina
  7. Una psicologa che fa uso dell'immaginazione con realistica vivacità. Bello. F

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci si prova ad essere vivaci F. dentro la realtà che, spesso con imperio ti dice "sieda piccola donna! E' per il suo bene che la obbligo a farlo" Ciao,Mirka

      Elimina
  8. La goccia richiama una vitalità trattenuta solo per trasformarsi in intuizione metafisica per poter spaziare vibrando con duttile humour più che crogiolarsi nel dramma "a catinella". Questo ho capito e tratto dalla tua metafora.Un caro abbraccio amica e tanti tanti baci.L.S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O semplicemente un "principio di realtà" che porta a soddisfare. Baciba.Mirka

      Elimina