fiume

fiume
fiume della vita

domenica 29 settembre 2013

LA MONETINA E LA PERCEZIONE DEL TEMPO




Cosa cercava la giovane donna nella grande vasca di pietra?        La percezione di non poter fermare il Tempo       Un geroglifico scritto su una monetina  che un pesce rosso avrebbe inghiottito e che lei sperimentò con gli occhi aperti,ingannandosi solo per la miopia dovuta a un fatto di natura o  forse per aver letto troppo. Nella penombra  lasciata da un raggio trasversale o da un fioco lumicino situato nel punto più alto del soffitto.        Ancora porta meraviglia respirarne la bellezza  mentre spietata svanisce odorando primavera.

Mirka


"Parigi, o cara"     (Traviata -Atto terzo -G-Verdi)








21 commenti:

  1. ...eppure tutto si rigenera nei lampi tenuti vivi dalla propria identità cosciente e,qualora non fosse più, ci penserebbe la musica,amica di sempre e compagna fedelissima di un cammino come il tuo, veramente speciale. Un grosso grande abbraccio.Nicola S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite NICOLA. La musica. Grandezza dell'uomo nell'infinito che germoglia oro e scintille di luce partita da dimensioni oltre l'umano,si. Abbraccio,Mirka

      Elimina
  2. Si percepiscono fili misteriosi e lontani che il cervello nel corso della sua evoluzione manovra a seconda della casualità,del momento,di ciò che gli proietta una "direzione" portatrice di una bella creazione come questo post. Un post omplesso come entità matematiche, vinte solo in virtù della musica. Innegabile testimone di noi stessi e di eternità che non conosce tempo se non quello circoscritto a un personale cammino. F.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Onorata del tuo piacere F. Fili portatori di conoscenza mai disgiunta a valori eterni,determinati dalla necessità, dalla parola, e dall'azione, affinchè diventi postulato di ordine universale dove l'etica non si dissoci mai dalla vera conoscenza neppure bloccata da un tempo finito. Grazie di cuore,Mirka

      Elimina
  3. Intuizione precisa di realtà,che avrà portato a vivere intensamente con qualche inevitabile increspatura d'improvvisa forte malinconia. Sempre grande il "nostro" Giuseppe Verdi. Un'abbraccio.Grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si può vivere intensamente GRAZIA senza che la malinconia preceda la gioia d'intuirne la sacralità insita in ogni cosa e che così spesso s'infrange o cinicamente s'imbratta? Io questo l'ho sempre percepito. Abbraccio caldamente ricambiato,Mirka

      Elimina
  4. Probabilmente quella giovane donna, amava pensare e la sua percezione ne era un mezzo e strumento per sperimentare insistendo e insistendo fino a capire perchè lo faceva. Da qui la sua malinconia perchè aveva anche intuito che del suo...ne avrebbe fatto uso un'altro dopo di lei,come aveva fatto qualcun'altro prima di lei attraverso trasformazioni sconosciute. In concreto.....vivere intensamente sin quando si può ,magari non smettendo di sognare come la bella Violetta. Elsa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...la bella Violetta che visse si senza mai caricarsi di nessuna illusione. Solo una volta lo fece. Ed era sogno. Ma il Tempo (sèietato) aveva già deciso altro per lei Bacio,Mirka

      Elimina
  5. Tutto si consuma, come la monetina valida oggi,inutile domani perchè un'altro simbolo ha preso il suo posto. Noi perchè finiamo senza illusione d'eternità. A meno che non resti qualcosa di buono necessario per tutti. (Verdi). M.Berni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutti lasciamo qualcosa che altri ne faranno uso e impiego MONICA ,ai grandi l'essere pitre portanti dell'Edificio Universo. Ciao,Mirka

      Elimina
  6. Lo spirito avverte l'esigenza d'indagare oltre la Storia umana. La cerca in se stessa. Sa che la Natura gli ha assegnato un posto necessario affinchè lui si senta parte di quell'insieme. Amandola,rispettandola,senza arrogarsi nessun diritto a possederla,ritenendola un valore eterno da tramandare non curandosi dell'angoscia del tempo. La malinconia che può aver provato quella giovane? Forse per la grossa responsabilità dei doni. Sergio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse SERGIO è veramente come hai detto tu. Grazie e...bando a ogni malinconia. Chi ha dato ha dato chi ha ricevuto sarà affare suo evolverlo a opere di bene.Mirka

      Elimina
  7. L'uomo non può scegliere il tempo che gli è stato dato. Cerchiamo allora, finchè si può,di vivere onestamente,lavorare,divertirsi ed essere di aiuto alla collettività,ma senza intossicarsi di troppi pensieri. Gianni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto GIANNI sempre intelligente quanto razionale. Che giova lambiccarsi "troppo" il cervello quando non si può cambiare lo stato delle cose? Però qualora si potesse fare via i pensieri,farne seguire i fatti e poi lasciare che il fiume scorra per conto suo e NON PIU' curarsi. Mirka

      Elimina
  8. Cosa percepiva quella giovane?...Il coraggio dell'attesa. G.M.

    RispondiElimina
  9. Credo non vada bene riflettere sulle proprie percezioni. La volontà si blocca e perdi l'attimo prezioso nell'azione di vivere. Tizzi

    RispondiElimina
  10. A volte TIZZI capita che anche la percezione inganni. Duopo allora pensarci su e dar vita a volontà e cammino.Bacio,Mirka

    RispondiElimina
  11. Un misterioso sottile senso di coscienza percettiva,salta fuori da questo post..Come sono sempre gli addii quando ancora sono vivi e oscura ne è la ragione che li fa smuovere. A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Freud saprebbe sicuramente piegarne la motivazione A.. Noi "condannati" a perseguirne "ostinatamente2 l'esperienza e poi più nulla. Eppure qualcosa restererà. Così almeno ce l'auguriamo.Il significato svelato d'una parola ,una protezione misteriosa per il bene fatto e dato senza aspettarsi se non la coscienza che era giusto agire al di là di ogni ricompensa,. Laf elicità per averci sempre provato dimenticando il suo risvolto ingrato. L'essere portatore di presenza quando ne era necessario consapevole di valorizzare la vita rendendole il dovuto omaggio della nostra piccola conoscenza per evitare gli erroriaccumulati da noi stessi,
      Mirka

      Elimina
  12. Quella giovane percepì che ci sono tante verità e,che, restare aggrappati alla propria libertà d'essere se stessa è la battaglia più difficile da portare avanti..Una conquista da tenere cara come un tesoro, perchè farla coincidere con quella degli altri è una delle partite di fioretto da veri campioni anche se di spirito affine. Complimenti e un'affettuoso saluto..Enrico S.

    RispondiElimina