fiume

fiume
fiume della vita

lunedì 9 settembre 2013

TRASMUTAZIONI




Copersi  il mio fragile mondo con un parasole bianco fatto da unghie di farfalla.          Rubai all'oceano le  gocce per farne perle da disperdere senza sapere dove.       Qualcuna la trovai mentre scadeva  il tempo della felicità che inebria con un niente e, fra le mani la conservai .come un voto di spada  da regalare alla dea circolare.        Volevo fosse lei a farne  fiori e frutti sbocciati da una pietra solare sempre ardente seppure bagnata da un fresco filo d'acqua che incantava anche i girini.         Con semplicità da rendere tranquilla  la  bianca luna mi  rivelai  alla luce di candela che lentamente bruciava  tentazioni di inutile  pensieri.       Trionfò infine l'identità della ninfea aggrappata a quell'ultima falce di luna settembrina.          Poi venne il sonno e tutto si confuse portando onore dove nessuno volle sapere  per ignavia o col silenzio fatto di cuore.

Mirka




"Suite per cello"  ( Op.72 -80- B.Britten)


 .



8 commenti:

  1. Meritatissima dedica a te,dolcissima amica. Dio ha creato ogni cosa affinchè noi le usassimo,ne facessimo (si spera) un buon uso, le disperdessimo "senza sapere dove" e poi le trovassimo come perle riconoscibili dalle azioni fatte per consegnarle a quella dea Fortuna a scambio e perchè ne tenga conto. Un'affettuoso abbraccio Av R.S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AVVOCATONE grazie e una preghiera anche per me che non sempre la dico. Bacio,Mirka

      Elimina
  2. Bello il tuo canto d'offerta alla dea bendata. Lei gioca come noi,ma vigilando sulla fragilità del nostro mondo esposto a tutti i venti,riparandoci con la regalità di quell'ombrello bianco e diffendendolo con le unghie delle Verità nascosta nell'armonia di noi stessi e in "un cielo stellato",finiremo per ingraziarcela e averla come amica al nostro fianco. Un post veramente ricco di tutto. M.Berni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E si cara MONICA si cerca e cerca e,qualche volta senza neppure quell'ombrello bianco sperando alfine che il circolo si chiuda e...buona notte cari suonatori. Io ce lo messa veramente proprio tutta. Ovviamente nel mio essere natura-naturale che un poco ride un poco piange come fa il sole quando è al centro del suo regno ma poi na nuvola lo nasconde. Bacissimo,Mirka

      Elimina
  3. Che esplosione di colori tutti risorti in quella fiamma di candela. La tua essenza. Maria R.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai MARIA che le candele mi son sempre piaciute,fuorchè in chiesa per l'impressione che mi danno, dei morti in assenza dei vivi?...Ondulazione a forma di gatto è la "mia" essenza dolcissima amica che un pò me conosci e saprai anche ridere con me. Bacio,Mirka

      Elimina
  4. Lo spirito dell'artista si serve d'ogni cosa per rafforzare la sua creatività per farla esperienza di multiple consonanze, dove perdersi e alla fine ritrovarsi (intera) nell'ondulazione di quella fiammella di candela. Molto bello. F.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh F. che "impazzimento" quelle multiple consonanze che te frammentano e poi tu le devi ricordare tutte attaccarne con amore i pezzi! Ciao,Mirka

      Elimina