fiume

fiume
fiume della vita

giovedì 5 dicembre 2013

L'ULTIMO BRINDISI

...era si un rosso cifrato da scrosci senza siccità


Fu il Rosso di Montalcino a sigillare il riposo di Karina.
...poi un gesto secco cancellò ogni traccia di romanzo.
 Al mattino del giorno dopo.


Mirka




"Fantasia"  (Carmen-  Georges Bizet)


 


13 commenti:

  1. Io li chiamerei "versi" più che uno stralcio di narrativa. Il romanzo inganna,confonde,prende in giro,gioca con gli intrighi e le trame.La poesia no anche se incontra il suo limite fra le virgole o fra i puntini. Ma che bella quella fantasia di Carmen! Un saluto di profonda stima. Giorgio S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La fantasia di Carmen nella sua identità precisa già segnata al nascere esulta di sua propria forza. La sottoscritta confusa per tanta finezza espressa in immeritati omaggi nient'altro le resta che gentilmente e profondamente graziare. Mirka

      Elimina
  2. Il gesto di Karina è stato naturale come quello di colui che vuole eliminare ogni ostacolo per rituffarsi in una nuova ricerca che crei meno pene,un'ordine senza la necessità del vino che ne garantisca il riposo forzato un pò. Stupenda sintesi per vivere il tempo senza subirlo o renderlo pietra d'inciampo. Complimenti.G.M

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è nella natura di Karina subire la cattiva sorte,affrontarla oppure farsi secca nel gesto questo si che le è più congeniale, magari per trovare poi un' altro sasso d'inciampo che scalcerà costi anche un mignolo fratturato. Grazie infinite G. e una buona serata con un rosso rosso di quelli che non lasciano mai male.Mirka

      Elimina
  3. In questo frammento c'è dentro tutta Carmen nel suo destino consapevolmente non subito,limpidamente risuonante in quel "secco" che cancella nel giorno che segue la notte del romanzo. N.Samale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un ruolo quello di Carmen che continuo ad amare NIC augurandomi solo di non fare la sua tragica fine. Ci sentiamo,Mirka

      Elimina
  4. Ma che intensità in quella cortissima frase di racconto,nellla foto pittorescamente sensuale! E che dire del video?......Elsa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ELSA...tu mi capisci. L'hai sempre fatto del resto.Ciao bacio.Mirka

      Elimina
  5. C'è un dolore che si ripresenta,a volte, mascherato da un bel romanzo. Poi il gesto secco... basta per ricordarci che si è veri e vivi con la forza interiore necessaria per andare avanti. Video super grazie anche a quei bravissimi giovani esecutori. F.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si.F. Sentirsi veri vivi e pieni di forza interiore per vivere anche il più grosso dolore poi---il secco che risponde alla vita e non al pianto.Mirka

      Elimina
  6. Brindisi e orme di romanzo da cancellare?...Ma allora erano specchi che ingannano o forse una perfezione immaginata come raltà. Quella che "delude" tanto per prendere in prestito una frase da un'opera che tu sicuramente conoscerai. Un bacione.Tizzi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. TIZIANA cara, dentro l'Opera o la tragedia ci siamo tutti e,nulla serve consolarci coll'illudersi d'esserne l'eccezione. Sarebbe semplicemente lo specchio d'una finta.Bacio,Mirka

      Elimina
  7. Carmen....ovverossia la voluttà dell'ascolto.A.

    RispondiElimina