fiume

fiume
fiume della vita

sabato 14 dicembre 2013

SOLO FAVOLE

Fè ninnàn, putein d'la màma,fè ninnàn fè la nàna. gnirà a cà al papà,e i bombon vi porterà. S'te fiòl d'la màma,gran putèin per far la nànnà,s'te fiol dal sò papà,gran birbòn al diventerà.


Qui nell'Emilia si festeggia da sempre S.Lucia.   Il mio ricordo si ferma al martello/tamburo che batteva colpi con ritmo ben preciso nel mezzo del mio magro torace innocente, esuberantemente  rivolto al mondo della magia dove ogni cosa si sarebbe evoluta al lieto fine,gli occhi spalancati come smisurate conchiglie d'oceano,il crepitio ipnotico del fuoco nella grande stufa a compagnia per la notte più lunga dell'anno    All'alba una camicina bianca  scendeva dal letto per dirigersi felpata e sicura nella grande camera dei nonni dove avrei trovato le sorprese. Quelle attese così lunghe e che, avevano tramutato il cuore in tamburo o martello.    Mandarini,qualche torroncino,un lettino azzurro di legno per l'unica bambola,anzi  il bambolotto Scianco,un libro di fiabe.  Queste non sono mai mancate.   Insieme al buon pane profumato impastato da mani sapienti,il latte appena munto che ci portava la Cesira,le uova grosse come un sole tibetano conservate dentro la calcina,il burro lavorato a lungo  instancabilmente che poi si sarebbe  spalmato sul pane con lo zucchero,la gallina per il brodo che la sdora spezzettava in minuscole schegge perchè durasse più a lungo.

Ho sentito vivo quel tempo,ieri,mentre compravo quattro libri di favole da regalare ai due bimbi del mio vicino.  Uno però l'ho voluto tenere per me.  Gianni Rodari "20 Storie più una". L'ho letto tutto in questa notte di S.Lucia che precede un giorno X.     E, come in quel tempo di "tamburo" che squassava il  piccolo petto di bambina ma insieme  irrobustendolo per le prove reali che avebbe dovuto affrontare camminando, non mi sono curata del bruciore agliocchi perchè il benessere che ne ho ricavato è stato 20 volte maggiore di quello che m'avrebbe  lasciato un libro impegnato come quello di un  Z.Bauman,Borges G.Gramigna. 

E fu Preghiera.  Il Grazie più sentito.

Mi son detta chissà che non sia proprio la favola a evocare tutte le evoluzioni dell'uomo,con se stesso e il suo destino.   Non siamo forse impastati di Miti che lavorano anche a nostra insaputa,silenziosi quel tanto per non svegliare  il drago dalle Sette teste, noi identificati nella spada, o da una Penelope che strappa il filo della trama nell'eterna cura d'una testarda volontà di credere a ogni lieto fine come possibile realizzato Ideale.    U'incognita della Provvidenza? insomma.      Le favole  insegnano sempre qualcosa. Anche da grandi        Commuovono senza poter spiegare ma soprattutto stabiliscono rapporti con la nostra parte più profonda non inquinata dall'uso.     Una Rivoluzione sempre salutare anche se si perde il sonno.

Mirka




"Ouverture" (Musiche di scena dal Sogno di una notte di mezza Estate F.Mendelsshon)







La ninna-nanna di cui sopra  (in corsivo) è della nostra tradizione reggiana. Richiama nel testo le speranze e le supposizioni materne riguardo a quello che sarà il carattere del bambino; se assomiglierà alla mamma  sarà buono e tranquillo,se assomiglierà al papà,sarà un birbone.    LA FOTO E' STATA PRESA DA UN LIBRO

8 commenti:

  1. Grazie per questo tuffo, carpiato all'indietro, che mi hai fatto fare. Per me non era il 13 dicembre, era il Natale che mi emozionava e quella tachicardia la dava il realizzarsi di un sogno semplice.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così CRISTIANA. Un sogno semplice quanto era grande la potenza dell'immaginazione. Ciao,Mirka

      Elimina
  2. La fiaba fa bene anche agli adulti, perchè oltre a farli star bene,divertendosi.si ritorna anche a una personalissima storia,probabilmente mai conosciuta del tutto. Baci a tutti i bimbi. Mary R.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si MARY aspettiamo l'ultima pagina e intanto sfogliamo quelle che ci ridanno il sorriso. Bacio a te,Mirka

      Elimina
  3. Un ricordo che ci vede coinvolti dalla stessa emozione mentre si riflette che il tempo è veramente passato.Un caro abbraccio.A

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e che è il tempo A. se non ritornare a quelle fiabe mai uscite da noi,dei lampi colorati a cui aggrapparci per un pò e poi sparire nella nebbia del "nulla"?...Abbraccio sempre caldamente ricambiato,Mirka

      Elimina
  4. Sono certissima che avrai trovato nel libro di quelle favole,leggerezza e consolazione,anche senza il batti cuore di quella bimba descritta con tanta dolcezza.Un bacio.Elsa F.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. leggerezza sicuramente si ELSA e consolazione perchè m'ha ridato il sonno poi quando ancora sorridevo. Bacio,Mirka

      Elimina