fiume

fiume
fiume della vita

sabato 11 aprile 2015

FIAMMA E LOCOMOTIVA



Mai mise in dubbio la giustizia, che la giustizia si può, se solo si volesse, il modo giusto per applicarla e farla applicare,il pane assicurato per tutti.    La sua musica la gridava su ogni strada del mondo  scandita dalla febbre che come cometa le indicava il perfetto ritmo     il vento un poco l'accarezzava e sbuffando molto rideva.  La notte si succhiava il dito come fanno i bimbi sconsolati  ma all'alba reinventava la realtà che l'aveva sconsolata rivacizzando ideali e sogni.     Bramito ribelle era la fiamma di ogni suo capello     selvaggi e docili come un gatto guardingo per congenito indecifrabile sapere.    Non la sfiorava ancora l'ora dei camaleonti  anche se era già lì e beffarda le sussurrava nell'ordito vegetale dove spente navigano le voci, inaffidabile
  l'odore di ogni ludica luna,  la gaiezza nel rincorrere una farfalla col fiato sospeso.  
 Dalla sua bocca nascevano alberi   parlavano per lei quando legata era la sua lingua e il fumo di una locomotiva li portava su ogni via insieme allo sporco delle scarpe che il pulito stava nell'utopia dei sogni     nei mezzogiorni su una scalinata ad aspettare   senza timore del peso dell'ustione.   Sarà per quella fiamma persistente che le cammina dentro e danza su ferite di viandante scalzo che ha come sfondo il prato, la pioggia che batte sulle rotaie del cuore se imperterrita ancora ferisce di daga il giorno mentre la sera si inventa il mondo?   Mah!      Non l'umiltà fu il suo forte ma le ali che danno marcia di colore alla farfalla si    col  sole in fronte anche nel buio     mitica luce che distanziandosi porta sempre a una lacrima di fumo    al lampo d'una fiamma dal color rame /rubino   turbolenza che ancora increspa l'onda mentre svapora tra conchiglie e alghe.   La sua anarchica identità.   Fierezza senza un lamento.   Fierezza che nell'ora  presente supplica il blu di una preghiera e di tutto sorride.


 Mirka




"La locomotiva"  (F.Guccini)



2 commenti:

  1. Identità inamovibile anche mutando. Mi hai commossa. Ornella

    RispondiElimina