fiume

fiume
fiume della vita

venerdì 31 agosto 2012

LA CASETTA SOPRA AL LAGO.

Le cose non possono essere soltanto belle-occorre che ci siano anche cose che abbiamo difficoltà ad accettera tra tutte quelle che accettiamo con facilità.

"E' una cosa che mi spaventa sempre.Ogni volta che faccio qualche cambiamento mi preoccupa l'idea che la gente possa essere disorientata.E a volte vorrei ritardare le cose proprio per questa ragione.Ma alla fine mi accorgo che non posso fare altro che proseguire per la mia strada". (Trane)
 
 
 
 
Mi hai detto:
"ho preso una casetta
una casetta sopra al lago"
ho scartato l'offesa del cancello chiuso
mi son presa i faggi e tutto il lago.
 
M.
 
 
"Arte della fuga" (Bach)
 

32 commenti:

  1. Un magnifico contrasto,carissima,quello di riparare un'offesa recata dall'uomo,regalandosi tutta la natura e la musica più sublime.Ti abbraccio.Luciano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. LUCIANO,il perfezionamento che contrasta una realtà ostile,avviene con gli anni e mai nell'età prescolare.Un grandissimo abbraccioricambiato,Mirka

      Elimina
  2. A ognuno la sua scelta.Chi la "casetta col cancello chiuso",ad altri il non negarsi la sperimentazione individuale della vita allargata.Grande Bach! Aiuta sempre,vero? N.Samale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vita allargata ,NICOLA,è sempre un'idea dalla quale partre e sulla quale lavorare per darle infine il verbo levigato con gioia.Bach continuo ad ascoltarlo in mancanza dello strumento per suonarlo.Ciao e,che il tuo giorno sia pieno di tutto.Mirka

      Elimina
  3. Si gira l'angolo e si trova la faggeta,il lago,Bach.Proprio bello.Grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' così,GRAZIA,basta non fissarsi su un particolare.Bacio,Mirka

      Elimina
  4. CARISSIMI TUTTI,GRAZIE PER LA CORTESE ATTENZIONE.

    Per BACH vale sempre la pena di soffermarsi.Lui darà sempre il senso dell'infinito,dell'armonia,di quel Vuoto Mentale di cui l'uomo del "rumore" abbisogna.Su un post di "libere parole"...non so.
    Baci,Mirka

    RispondiElimina
  5. Mi domando,e non senza un vero interesse,perchè tu abbia messo Bach.Questo Bach così complesso nel suo gioco contrappuntistico fra soggetti e controsoggetti che,portano netto,il segno di un'"accettazione" per affidarsi con lucidità, a una evoluzione che creerà armonia,secondo la disciplina delle leggi cosmiche,intessute col filo dell'infinita pazienza...G.@ P.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice di tutto,G.e,grazie per l'acuta osservazione su Bach,principio infatti d'unità "verticale" dopo molteplici e complessi volteggiamenti su diversi piani inclinati.Mirka

      Elimina
  6. Siamo un palcoscenico cosmico e le verità hanno mille strade da percorrere prima di farsi conoscere.Ti abbraccio.A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse un cielo stellato potrebbe darcene risposta,caro A. o perlomeno potremmo partire da lì.Tutto si mescola e con indifferenza si trasforma e,al di là d'ogni nostro volere resta sempre se stesso guidato da leggi che sapientemente dirigono al suo centro rappresentato appunto da un cerchio che NON acceca.Mirka

      Elimina
  7. il cancello chiuso, inutile baluardo dall'armonia del tutto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh si,MASSIMO,inutile e persino stupido,direi, in quanto ritarda quel processo evolutivo a cui tutti dovremmo guardare.
      Mirka

      Elimina
  8. Il cancello chiuso lo si deve lasciare solo per i ladri e i briganti ma soprattutto per chi è vuoto d'amore, come lei invece ne è piena per tutto ciò che con generosità dona e senza neppure attendersi un grazie.Commosso lo faccio io. Grazie!Giorgio S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite GIORGIO,ho davanti a me un cielo che continuamente sta cambiando e che mi distrae dal dare ,forse,una risposta più pertinente.Basterà mentre mi scuso e ringrazio a mia volta?...Mirka

      Elimina
  9. Ma il lago non è tuo, amica cara,
    nè i faggi inargentati in successione ...
    perchè lo sai, che quella tua visione
    è già con noi e il nostro cuòr l' impara ! :-)
    Che importa poi se quel cancello è chiuso,
    se sul sentiero cresce ormai l' ortica ?!? :-(
    Dell' anima il cancello è sempre in uso,
    là dell' amore è la stagiòn antica !
    @Cavaliereerrante ....
    :-)
    http://youtu.be/xyLeskm4s5Q

    RispondiElimina
  10. E che volemo fa,caro CAVALIEREERRANTE? ai cancelli chiusi se deve in qualche modo reagì,con l'immaginazione dei faggi e poi anco col lago,con una verità (unica) sognata e anche immaginata nel mentre la realtà ce dice che a lu munno ce stan proprio ma proprio tutte le facce a cencello chiuso ma con gli occhi tristi da bambino dispettoso e forse anche un pò scemo.Salutiamo,Mirka

    RispondiElimina
  11. Ahò ... ma "civis romana es" ?!?
    Ortre che sogggnijatrice ... e strabbbrava musicologa nonchè musicista, in agggijunta ar fatto che sei puro 'n bbravo dotttore, mo me vijeni a ddi' che Roma te generavit accepivitque inter sua materna brachia ?!?
    A Bbbijà .... ehm .... a @Mì ... sei 'na forza !!! :-)
    Quanto a le faccije da 'mpuniti de li bbambini dispettosi che vanno rompenno li zibbidei davanti a li cancelli chijusi .... che ce voi fa' ?!?
    Come dice la sora @Peppa, la madre de li bbambini scemi è sempre incinta !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mirabilia renovatia CAVALIEREERRANTE de romae scholae,Dominus apparuit e a me dixit "libberàmo sta fija da le pene dando a Cesare quel che è de Cesare e ai bbambini dispettosi na patacca grossa ma di quelle grosse assaie,anche se me sa che fecero a patti che,il fratello nimmico der fratello,chiavò a doppia mandata lo cancello che già chiuso era e il lago tutto quanto pe' l'antro che se ne fregò e a dormire se ne andò.
      Ave,Mirka

      Elimina
  12. C'è da ridere,c'è da piangere,c'è una lezione da incorniciare.Per codino l'ultimo commento del cavaliereerrante che ha chiuso in bellezza tutta romana verace,o per dir meglio alla Belli doc.Complimenti.Luigi Santucci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto "cavaliereerrante" LUIGI, me sa che la sa lunga più ancor dei monaci o dei santi e meno male che come codavaccinara me lusinga de provarce a mangiarla proprio tutta.
      Facemoce allora na risata schietta,un grazie de core a te e...buonanotte a tutti i bbravi suonatori. Mirka

      Elimina
  13. Ohe ... ommini et foeminae de pauca fide ! E che avite a credere ?!?
    Fatti non fumus solum pe lo piagnere et lo sofferire ! Imperocchè Colue che avette a facere nos, e intenno dicere lo signore @Dommeneddeo nostro, che omnes ce guata da lo alto de li coeli, volette che accanto a le lacrimae avessimo puro lo ridere ...
    Chè lo magno amore che tutti avette a circum-darece pe la volontade de @Dommeneddeo, volse che, pe lo vivere in pace co lo munno, nos averessimo a dacere no culpo alla bocte e no culpo a lo cerchione ! Chesseppoi, apud lo fiasco de lo vino ( rosso ), avessimo a magnacere na cauda 'a lo vaccinaro' come se appresta a le bectole de lo monte de li cocci, sibbene che ego preferisca assae de lo ppiù no bello piacto de 'penne a la rabbiata', facìte puro frates ... ego ve farò cumpagnia co lo bicchiere de vino ( rosso ) a la manu e a lo gargarozzo ! :-)
    @Cabballereerrans ....
    Ps.
    Caro @Giggetto che gradisci er @Belli
    er poeta de Roma nemico de l' orpelli,
    ch' alla plebbe romana er monumento
    cor bbronzo je 'nnarzò der sentimento,
    quanno se stima tutta la bbellezza
    de la vita sincera e l' oro fino,
    lassamola pe' l' antri la monnezza
    mentre pe' noi ... gustamoce 'sto vino !
    Qqui sora @Mirka cj ospita cor còre
    annasconnenno quarche sofferenza,
    l' affetto suo, ridijamoijelo senza
    quarche tristezza, magara con amore !!!

    RispondiElimina
  14. ABEMUS PAPAM BRUNO,
    vetusta fui,sed nunc novo itineranteCAVALIERE vocabor eruta ruderibus,culmen ad astra fero.
    Cos'altro poter aggiungere degno per si tanto onore acclamato "qui",se non con qualche verso preso dal profondo cielo d'Ungaretti,limpido quand'anche lo sommerga il grigio?

    Ora che scorre notte già straziata, ora che già sconvolta scorre notte,e quanto uomo può patire imparo Ora,ora,mentre schiavo il mondo d'abissale pena soffoca ora che insopportabile il tormento si sfrena tra i fratelli in ira a morte ora che osano dire le mie blasfeme labbra "Cristo,penoso palpito,perchè la Tua bontà s'è tanto allontanata?"
    Baciamo l'anello,Mirka

    RispondiElimina
  15. Eccheè ! E' vienuto Sanpietro cor bastone?... L'infarinata Mirka

    RispondiElimina
  16. Sono Luigi Santucci chiamato Giggetto dal simpatico messer Cavaliereerrante.Resto basito e col cuore lo ringrazio.Altro non saprei dire ne fare.
    Grazie anche alla cara Mirka per questa bellissima opportunità di scambi.Luigi

    RispondiElimina
  17. @Bianca ... ehm ... @Sanpietro cor bastone ?!?
    Naaaaaaa ... macchette @Sanpietro ...
    Colue al quale ho fregato l' identità ( ahi ... quanti anatemi averette a mannamme, si lo venesse a sàpere ... lui che è lo meo agnolo custode che me mantene lontano da le malofoeminae e da lo peccato carnale ... ), est : @San Pietrino da Fracasse, un eremita dell' alto Medioevo, un sant' uomo che, soprattutto a Roma, viene 'calpestato' ogni giorno da tutti .... quelli che camminano su di lui ! :-(
    Ma, per riprendere il filo del discorso, sono io che ringrazio te, caro @Luigi, mentre ringrazio, e per la pazienza e per l' ospitalità ( dolcissima ... ), la nostra sensibilissima e multiforme @Biancomirka ...
    Abbiamo, ciascuno/ciascuna di noi, non pochi motivi per soffrire nella nostra vita ( ma non più di chi ci abbia, nei secoli, preceduto, giacchè 'nihil novi sub sole' ), che se troviamo talvolta qualche motivo per scherzare e sorridere, lo dobbiamo afferrare al volo e distendere l' anima almeno per un istante !
    Ed il @Belli, una Persona triste e malinconica, fu Maestro in questo virare di sentimenti, con i suoi straordinari sonetti in cui volle, non usare il 'romanesco' parlato dalla borghesia ( fra cui ... lui stesso ) o dall' aristocrazia, bensì il vernacolo, e cioè il modo di parlare della gente miserabile della suburra romana ottocentesca, @Persone tutte ( vagabondi, paini, osti, mignotte, fratacchioni, vecchi vogliosi, giovani popolane co' lo scrocchio, mammane, spasimanti, pivetti, commari ... etc. etc. ) che sarebbero state "per sempre" cancellate dalla Storia, se quel prodigioso Poeta non ce le avesse consegnate 'integre' con la loro stessa voce !
    Dunque ... non ci faremo mancare, @Mirkobianca permettendocelo, momenti in cui 'sdimenticare' le nostre malinconie per pascerci con quel cibo che 'solum' è nostro ... e guai a chi ce lo toccasse !!!
    @Cavaliereerrante ....
    Post Scriptum : cara @Mirka&Bianca, so che ami i classici ... Ebbene, lo scorso anno, per me e per i soli miei amici, tradussi dal greco antico del sublime @Platone, L' APOLOGIA DI SOCRATE : se leggi l' indirizzo della mia e-mail e ne volessi una copia, non hai che a domandarmela, e te la invierò subito con piacere ! :-)

    RispondiElimina
  18. Caro CAVALIEREERRANTE,me gusta assaie il tuo parlar civile quando t'aggarba,l'arguzia fine che centellina melanconie lievi come la nebbia quando sta per levarse o ad abbassarse.Me ricorda tanto mamma mia e persino er Belli col suo dissacrar i nascosti vizi dei nobbili,dei Re,sino ad arrivar alla tunica bianca -e porporina...veritiero sempre di realtà,sconosciute ai più,(si fa per dire) cruenti per superbia ed altro, infiochettate solo da parrucche smorte o da tarantola e fuor dal carnevale...E quanto fu gajardo e giusto nel lasciar pè scritto "pè me nun c'è ar monno antro de bono che girà pè le strade mascherate."

    Ma certo che mi farà un'immenso piacere avere una copia di quel "classico" che da sempre adoro.Grazie grazie di cuore Cavalier de piedi,de auto a quattro ruote o su un bel cavallo che luccica de bianco.Mirka-Bianca

    RispondiElimina
  19. Forse alla casetta le s'è arrugginita la serratura del cancello,ma a te ha permesso di di creare armonia e bellezza.Ori


    p.s.spiritosissime le botte e risposte tra te e il cavaliereerrante.Mi avete reso il buon umore che da alcuni giorni mi mancava.Grazie allora a tutti e due.Orietta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse è così,dolcissima ORI che,per i predisposti al buono come te,tutto ha il suo verso positivo.Baci,Mirka

      Elimina
  20. C'era una casa tanto piccina senza soffitta senza cucina ?... mise la coda e padrona divenne del lago,la fata bella che faceva tanti dispettucci ai faggi suoi amici.Un'abbraccione forte per te e che s'ichiodino tutti i cancelli.Andrea

    RispondiElimina
  21. Grazie de tutto core,ANDREA che abbraccio senza sforzo alcuno.
    Mirka

    RispondiElimina