fiume

fiume
fiume della vita

mercoledì 8 agosto 2012

IL VESTITO THAILANDESE, OVVERO UN DONO PER SOGNARE


"Ovunque andiate...che i vostri piedi non inciampino,che le vostre braccia non si indeboliscano e che le vostre parole siano veritiere.Allora le vostre speranze saranno esaudite...e  le vostre iniziative avranno successo."(Preghiera Tribale)



"Un ago sottile,un pò di filo colorato e l'abilità della donna Hmong; tali gli ingredienti di un'arte dell'abbigliamento tra le più raffinate del mondo" (Paul ed Elaine Lewis)


Uccello del paradiso fatto con tante piccole ali di farfalla


Mi hanno regalato un vestito.Un vestito di seta, composto da un giubbetto finemente ricamato e accompagnato da dei pantaloni neri,sempre di seta.Me l'hanno messo fra le mani e mi hanno detto:"Se ti piace,è tuo.Tu sola puoi indossarlo,con la disinvoltura di una regina." Ho spalancato gli occhi e,me li sono visti diventare enormi come ceri,come per effetto d'una allucinazione da oppio.Sprizzavano oro e incenso.Prima di spogliarmi, mi sono avvicinata al divano di casa e,con il rispetto che si deve verso chi,lavorando in quel modo,ha visto il cielo e la strada che porta al paradiso quando si muore,l'ho ammirato in silenzio,steso,palpitante ancora per tutti quei splendori fatti uscire da mani abili e sapienti, poi presa da furia elettrica e difficile da controllare,l'ho indossato,  felice come mi sentivo in collegio quando in prossimità di qualche festa speciale,o ancor più in ricorrenza del carnevale,o di qualche recita per i parenti,gli amici dei parenti,i conoscenti dei parenti e degli amici dei parenti,ci permettevano di frugare nei grossi bauli allineati in bell'ordine su nella soffitta.Li si sceglieva,li si indossava,ci si incarnava in ciò che aveva suscitato quel costume e,per quel giorno spariva l'educanda, fintamente composta per arruffianarsi la monaca di turno per ottenere l'ora in più del sonno del mattino. Che,alzarsi alle cinque e mezza d'inverno era rabbia di giorno e pigolii la sera,mentre trovare  l'anima dentro a quei vestiti era buttare all'aria ogni frustazione,crudeltà o ingiustizia per dare libero campo alla vita liberamente immaginata.
Forse il mio amore per il teatro si è consolidato lì e,recitare bene anche quando "sapevo" di recitare male, era un dovere da compiere col piacere sulla pelle sempre umida di goccioline "pensanti".Ribelli tanto, da essere capaci di sganciarsi via via dalle stesse normative imposte dai vari registi senza per questo disturbarne l'ordine delle scene volute dal copione. Ed è così che la vita cresceva, nella conoscenza mia e degli altri, diventando esperienza.La "mia" esperienza.

Davanti allo specchio mi sono più volte rigirata.osservata da ogni parte immaginabile e no,stesa,scrutata,accarezzata e...non ero più io. Ho eretto la testa in modo naturale,anche se mi pareva d'avere un diadema che pesava per i tanti gioielli  e pietre dure di lapislazzulo e turchese.
 I miei gesti  erano lenti,e le mani lievi come ali di farfalla che,consapevolmente sa di quanto magnifico sia stato il suo viaggio breve, dono prezioso da trasformare in gioia da tramandare a imperituro ricordo negli occhi di chi l'ha vista.In volo,posata su un fiore,nella quartina di un poeta Perchè,fanciulla,ciò che tu porti dovrebbe scomparire? Perchè,con le tue stesse mani,coprire i tuoi bei fiori? A vederle così,celarti il petto,si piange per la brama; Continua a sorridere,lasciami ammirare i tuoi seni!

 Di colpo mi sono trovata là,dove la vita prepara al gran viaggio senza tumulti di cuore ma con il senso che si trova nel fare bene ogni cosa,ciascuno dentro a un  ruolo, accettato con gioia perchè protetti da una gerarchia di poteri, degli spiriti,del cielo (dèi-divinità), della terra e dell'acqua (spiriti serpente,demoni, ecc.) e,che, benevoli o maligni che fossero andavano placati,se si voleva trarre vantaggio dai loro poteri.
Grande amico,corrente maestosa,compagno della nostra vita! Da te vengono le nostre gioie e i nostri dolori.Come una madre che vegli il figlio e lo allatti,la tua acqua immensa amorevolmente ci insegna quanto valgono le lacrime.

Rapide visioni si avvicendono e spariscono in fretta come in fretta son venute.
Un'alta pira di sandalo,con legno d'aloe,di calambac e di benzoino alla quale si appiccica il fuoco di un re,fra pianti sconsolati di tutto il suo popolo.Poi raccolte le ceneri in cassa d'argento e imbarcata,scortata da altre imbarcazioni che portavano carichi di diverse sorte di idoli,in figure di serpenti,bestie,uccelli che bruciavano anch'essi dopo l'inumazione dell'arca d'argento,tra strammazzi di grida,urla,tiri d'artiglieria,corni e campane.
Beh,almeno "lui"  avrà trovato la strada per l'aldilà,con la cerimonia funebre dovuta certamente al suo rango! mi dico.

Si susseguono come lampi visioni di lotte per il potere.Il secolo d'oro del Lan Na che diede apertura al concilio mondiale del buddhismo ((1455),al commercio,le arti,l'istruzione.L'invasione Birmana,a pretesto della quale una diatriba relativa al possesso di un potente talismano (una statua del Buddha),il relativo insediamento,ben tollerato dalla popolazione,le guerre birmane (1727-1770),altri monarchi e altre guerre,compresa quella del Pacifico (1942 conclusa con la clamorosa sconfitta nipponica).Periodi di disordine,la Rivoluzione Studentesca (ottobre 1973),numerosi colpi di stato,sino ad arrivare al 1992 con le elezioni che ha portato alla alla coalizione di cinque partiti governatti da Chuan Leekpai che tenterà di arginare la crescente corruzione. 
Fermo l'immagine sui "poteri" espressi dalla presunzione dei piccoli uomini e penso che in fondo proprio nulla è cambiato da quando Caino uccise Abele.

L'improvviso di un precetto buddhista mi fa sorridere mentre indulgo con la mano sul bordo ricamato del vestito.Non riempire il tuo spirito di cose materiali,non operare ad altri fini che non siano la Carità e la Verità.Bello.Bello veramente.Anche se immediata mi viene la domanda:" Ma su questa grande eredità,trasmessa solo oralmente,quanti altri ne avranno approfittato,revisionandola, per manipolare e assoggettare le menti aperte a quell'insegnamento originario?...Rabbrividisco per le gravose responsabilità che peseranno  sul piatto della Giustizia quando...

 Ritorno al bellissimo vestito thailandese che indosso.Penso al lavoro delle mani che l' hanno costruito.E' in tinta unita,cangiante in alcuni punti,decorato con motivi geometrici,comprato da un venditore d'alto artigianato o forse anche da un venditore ambulante.

Un fiume mi passa veloce davanti agli occhi e subito scorre via.Ha la bellezza del mio vestito.Imprevisto e,che, indosserò alla prima occasione,quando avrò perso una taglia.Se voglio, sono ferma e decisa anche per cominciare una dieta.So che non sarà facile,però se voglio mettere quel vestito,andare un un ristorantino tailandese,gustarmi il pesce fresco mescolato a riso e legumi e condito da spezie profumate,debbo cominciare già da ora.Perlomeno a pensarlo seriamente.Intanto vado su e giù nella stanza lunga che si allarga ad imbuto,scintillante di colori rubati a quelle mani e al loro bel mare e, mi sento una regina, semplice e buona, aggrappata solo alla sua bandiera di seta con stampato il simbolo di un cavallo.Cavallo del vento.

Da lontano sento i primi colpi del gong sospeso tra due zanne d'elefante che magari ho confuso con una grossa cetra anche lei però col manico d'avorio.Qualcosa in ogni caso,a sempre a che fare con l'elefante e il suo simbolo di sacralità.Più lontano ancora, delle ombre.Forse una pantomina di una satira sociale mimata da artisti della strada felici di graffiare con le unghie i poteri costituiti almeno in danza,sono mascherati ma con smorfie a profusione."Dita bianche e incurvate come petali di gelsomino,appoggiate alla vita come un ragno,e quest'unico gesto basta a indicare che la danzatrice si appresta a strapparsi,con due unghie,il cuore" avrebbe detto Paul Morand ignorando il mio bel vestito.

Ritorno alla mia realtà. Realtà che ora si esprime nella fame. Lo stomaco brontola e gli odori di cucina (buona) sono sparsi nell'aria.Per questa sera la dieta può attendere.La lingua si arrotola e  assapora già quello che mi sono preparata prima d'accingermi a scrivere di questo dono intrigante e bello che mi ha portato lontano,in terre sconosciute e  al teatro.Il teatro vero e quello artificiale costruito dentro a quello vero.
Mirka



"Thai music"





Note:Il poeta, della quartina,e,prediletto del re Narai (1656-1688) si chiama Sri Praj.Spesso i suoi versi sono di dolore perchè condannato a vivere in esilio
 Nawarat Phonghayboon è uno dei massimi poeti thailandesi contemporanei.La sua opera è un grande omaggio al suo Paese e,coronata nel 1980 dal PREMIO lETTERARIO "S.E.A.Write.


Le foto sono mie

20 commenti:

  1. Anche se è un vestito thai, io ti vedo bene come Liù.. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie MARZIO la tua è un'immagine dolcissima e un bellissimo complimento.Mirka

      Elimina
  2. Sempre grande! Sai che quando mi capita di leggerti,mi sento proprio bene? Quel tipo di doni sono fatti per chi ha un'immaginazione forte e sa sognare in grande e lontano,tanto intensamente da trasmettere in chi legge la voglia di conoscere altre dimensioni,oppure cominciare a sognare veramente.Chissà se è troppo tardi per farlo?...Come stai? Fatti sentire qualche volta.Antonio Fuiano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai ANTONIO,non esagerare! E po sai che divento pure rossa e con questo sole ci faccio anche la figura del gambero arrostito a puntino.Ma se avessi,per qualche via,invogliato ad uscire dalla consuetudine di abitudini morte,allora sempre un'Evviva e,un'Evviva convinto.
      A presto.Quasi come ai vecchi tempi del Foro...Mirka

      Elimina
  3. E una meraviglia lavorare così su un vestito e tornare con tranquillità,in silenzio e con gioia alla propria realtà fisica che brontola la sua volontà d'essere ascoltata.Però tu le hai dato retta.Meravigliosi sogni.Meravigliosa realtà. Tanti baci.Patricia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I desideri sono stati gestiti dal dovere di finire questo racconto del vestito,PATRICIA,ma dopo...beh,lasciamo perdere.Non voglio guastarmi troppo la reputazione di persona che sa anche guidare misura e un sano appetito.Bacio,Mirka

      Elimina
  4. E' incredibile come tu riesca a dare vita a tutto ciò che avvicini.

    E ora anche i vestiti hanno preso lo spirito che li ha visti nascere.Ma che brava! Rilassati però che l'autunno è già qui.Bacioni.Mary

    RispondiElimina
  5. So,MARIA,ed è per questo che intanto sogno facendo le prove sdentro a quell'abito così generosamente regalato.
    Bacio,Mirka

    RispondiElimina
  6. Chi ti ha fatto quel dono sapeva con sicurezza di fare una cosa giusta per te e,ha fatto bene.Tu sei nata per il teatro.E tutto è servito per arrivare a lui,dire di lui,fare di lui.Gli abbandoni inspiegabili,la crudeltà del collegio che tu subivi cercando di mitigarne le "inspiegabil" ingiustizie, ribellandoti come potevi.Anche a costo di romperti la schiena.La vita,poi...ti ha insegnato a fare del buon teatro,anche quando lo stavi facendo male. Intanto,però imparavi.Imparavi a rafforzare te stessa,la tua forza interiore,il "bozzolo" della tua essenza.Ed è così che cresceva la stima navigata proprio su quegli errori che il tuo il tuo coraggio forse persino un tantino spavaldo ti aveva condotto lungo l'inconoscibile fiume sempre pronto a capovlgere barca e barcaiolo nei suoi momenti di furia "indifferente",mentre asciugava gli occhi fin troppo umidi,mai abbastanza,però,er urlare al mondo che avevi ben compreso la vita,il suo magnifico dono regalato con una mano,con l'altra un conto fortissimo e smisurato per chi sentiva il diritto alla felicità, "la vocazione",diresti tu, della quale ne avresti pienamente goduto "regalandola" con la saggiezza conquistata di un Siddartha,o la naturalezza di una regina.Semplice e buona.
    E' bello questo post e ti descrive alla perfezione.Ma io ti (ordino) di riposarti tutta.Mi fa male constatare che ancora questo premio non te lo puoi concedere.Un abbraccio troppo commosso per esserti vicino come avrei voluto.F.

    RispondiElimina
  7. Grazie F.
    E'così.Predestinazione intensa al dolore come alla gioia,il teatro un mezzo potente per cantarli.
    Ti abbraccio forte anch'io e...cercherò di fare tesoro di tutto quanto mi hai donato con questo bellissimo commento.Mirka

    RispondiElimina
  8. L'ho vista in teatro e so come indossa i costumi.Quel vestito è stato un regalo consapevole,azzeccato e meritatissimo.M'auguro di rivederla presto tra quelle scene di palcoscenico.L'applauso e i fiori sono già nell'intenzione.Giorgio S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite GIORGIO.
      Si.La disinvoltura del teatro è nata insieme a me e,mia madre ben lo sapeva.
      Il mio ritorno al teatro? Mah! In cuor mio ho chiuso anche se so che le "Vie del Signore sono infinite".
      Un abbraccio,Mirka

      Elimina
  9. Molto bello.Nel periodo del collegio,avevi già segnato il tuo destino nel teatro (ma non solo)anche se allora la tua coscienza era ingenua.Ma lavorava in te la metafisica di un realismo che doveva sperimentare la vita,liberandola da qualsiasi tipo di coercizione,magnificandola attraverso la tua evoluzione avvenuta su quella strada.Faticosissimo cammino e per pochi eletti fortunati.Nic

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Coscienza ingenua"? Interessante.In effetti la mia espressione più autentica e vera l'ho trovata nella realtà del mio agire,libero e attentamente vigilato da me.
      Un abbraccio ancora fresco di mattino.Mirka

      Elimina
  10. Bellissimo regalo.Grande insieme.Notevole capacità di vivere con coraggio ricordando il "piacere" che dà il sognare.Brava.K.Voigt

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che,a questo tuo commento non vada aggiunto altro se non grazie col mio abito della festa.Mirka

      Elimina
  11. La vita è proprio un gran teatro,dove ognuno recita la sua parte come può.I più senza accorgersi di recitarla malissimo.
    Tu riempi di te tutta la scena.Se penso al Sansone,mi si riempiono gli occhi di lacrime come faccio ora per questo racconto.Baci baci.Ori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dalida e Carmen mi calzavano come una seconda pelle,ORI,compreso le tante goccioline che continuavano a distribuirsi in tutto il corpo e che io lasciavo fluire preoccupata solo per gli occhi.(lentine-trucco).
      Bacio,Mirka

      Elimina
  12. Tu continui a far sognare e non solo quando calchi le scene.Bellissima interessante descrizione,commovente qua e là...Elsa

    RispondiElimina
  13. Ebe-Mirka-Il destino nel nome,Elsa?...Mirka

    RispondiElimina