fiume

fiume
fiume della vita

venerdì 31 marzo 2017

A PARTIRE DA UN'OGGETTO SENZA VALORE DI MONETA




Una locandina incorniciata del mio primo concerto importante (Vivaldi- Stabat Mater- dir. Konrad Latte -Berlino), un passacarte in argento, un ventaglio anch'esso incorniciato,un bauletto in metallo foderato in seta  rossa, una clessidra di metallo, un carillon in legno con un angelo che suona il violoncello, un bicchiere di tempo antico e pregiato.  Si nasce già predisposti ad abitudini che nutriranno il nostro corpo, rafforzeranno l'istinto, l'affezione a dei rumori che diventeranno familiari in seguito, un sentimento che crescerà o si fermerà nell'anima facendo il nido come un passero mai pronto a spiccare il volo, l'attenzione a degli oggetti che si tenderà sempre a cercare e ad afferrare spinti dal piacere e senza avere l'esatta conoscenza del motivo della ricerca se non quel Piacere che muove.  Che a volte, gli oggetti che circolano per casa possono essere anche di poco valore monetario, ma preziosissimi per il nostro occhio a cui comunicano vibrazioni, echi misteriosi e un'ancora più strana connessione col momento diventato tassello di un mosaico. E poco importa se abbiamo acquistato noi quegli oggetti o li abbiamo avuti in dono da una persona cara o da un conoscente particolarmente simpatico. Quegli oggetti devono stare lì dove la mente  inconsciamente o consapevolmente li ha loro destinati o dove il cuore autonomamente comincia improvvisamente a battere di più,  Così è un poco per tutto. Almeno io credo questo. Quando pensi a una persona che realmente si ha conosciuto, evocandola con la mente, se ne sentono immediatamente le sfumature della voce, il ritmo lento o veloce del suo intercalare, il linguaggio colorito o monocorde.  Se ne sente persino l'odore. Viene alla memoria un gesto preciso lasciato in un'occasione precisa, un silenzio che non ti aspetti ecc. E si vede intera la personalità evocata dentro a ogni pezzetto raccolto come un collezionista tanto da formare una collana composta da grani colorati la cui essenza sta in ognuno di quei granelli colorati che si portano addosso anche se girano per casa.  Credo che sia per certi versi la stessa cosa anche per il virtuale.  Di chi conosci ne intuisci l'intenzione anche da un "segno", ma  su chi non hai conosciuto nella realtà, non puoi che fantasticare o tuttalpiù immaginare storie, antefatti, magari lasciandosi suggestionare, più o meno da ciò che ci propina o che mette nel e profilo,  e affezionandosi a "quel" posto "preciso" dove la si collocò la prima volta, proprio come un'oggetto che ci parla anche senza l'odore di "ascella" non mascherata da nessun deodorante, vera in quella realtà che ci rese inconfondibile una persona. Intera e situata fra tanti piccoli specchi che purtuttavia stabiliscono un rapporto fra di loro. Ma è anche un qualcosa che non riesce bene e che, appunto per il suo incompiuto,  dovuto forse al nostro pressappochismo, alla nostra ignoranza o a una parte anche d'imbecillità ci rende insoddisfatti e si continua a cercare. E allora si inventa e si reinventano coincidenze, legami e date, in un dettaglio sopravvissuto alla volontà e a lei sfuggito ma animato incredibilmente dalla vita che gli dà il burattinaio. Il burattinaio trasformatore. Ed è ciò che tocca.. E in un mondo condannato alla soggettività, alla totale molteplicità dei punti di vista, mi pare così semplice dare per scontato che un'apparente uniformità ( di vedute o di giudizio) sia dovuta esclusivamente alla grossolanità dello sguardo che si getta considerando identiche cose che si rassomigliano soltanto. Ma è pur bello scoprire qualcosa e scoprirlo come un "già saputo"  ma comprendendo un immaginato che si portava dentro..  Mirka


"Stabat Mater" (  F min - RV 621 -A.Vivaldi)




4 commenti:

  1. Sempre un piacere leggerti, anche se spesso non commento. Un saluto affettuoso

    RispondiElimina
  2. Mi rende felice Paola ricambiare simpatia e affettuoso saluto. Grazie. Io..."speriamo che me la cavo". Mirka"Zorba

    RispondiElimina
  3. Oh! l'Esposito Guido. Ma grazie professore. Lei mi onora ovunque. Come stai? Spero ottimamente da grande affabulatore di fiabe e di romanzi quale Conosco e fi cui m'inzuppa la magia. Un saluto e a prestissimo. Mirka

    RispondiElimina