fiume

fiume
fiume della vita

mercoledì 17 ottobre 2012

BALLATA PER LE LUCCIOLE SPENTE

...Oh come calda di ricordi è la vecchia madia mentre le vespe gono gli occhi


Ti piaceva inzuppare il gnocco fritto nel latte
la sera

M'accoglievi come Turandot sull'ultimo dei tre indovinelli
la sera e poi anche al mattino

Non bisbigliavi mai sul dolore che ti stva consumando se non per dirmi
"Aiutami"

e quando giocavamo a briscola  per TE era solo l'inizio quando si era alla fine
e ridevi ai miei soffi senza l'astuzia dei baffi

A mezzo delle frasi ti facevi uscire sempre come va? ti rispondevo  "Mah!"
 sorniona sorridevi,quasi a castigar la terra battendomi il polso rovesciato cantilenando bene il ritmo mentre mi facevi il verso
"Chi dice mah cuor contento non ha ma chi non lo dice non è felice" 

Il tuo odore sapeva di cioccolata scavata in ogni anfratto della casa

E quel  quel bastone che pestavi zittendo tutti bloccando i passi già avviati per oguno la sua strada,mentre il tuo occhio indagatore portava elettricità ai miei nervi bagnati come un cielo di lamenti

Spuntano da ogni spigolo fotografie che non vorrei toccare  per timore di un sale  che non sa la dose necessaria a un finito che lascia buono in bocca

Fra poco è novembre

ma quanto vorrei non dover anticipare il tempo verso quel viale di cipressi,ferma davanti al portone d'una casa fredda e grigia rassegnata a portare colori fra le mani.

Mi son fatta persino spavalda mentre varcavo quel cancello,sai?.
Il pigolio d'un uccello mi faceva compagnia  e io ne imitavo il piopio
 E ci credevo col cuore rallentato sino a spingermi alla fontanella recitando un Requiem  sottratto a un chiaroscuro inutile perchè  imparato come fanno i pappagalli a una scuola dove il pensiero svola sulla logica  delle conchiglie morte e benedette dal Signore.

Ma fingevo la forza che non ho 

Io che di forte tengo solo le vespe che si azzuffano agli occhi
mentre indifferente continua il suo giro la vita
mi sussurra con suadente melò che apprendista sono e viandante 
la  tregua        quell'albero da cui TU  facesti nascere e crescere i primi canti alla ancora crisalide nel tutto appare in un assolo che ogni volta si prepara al congedo e sempre lì rimane
Sarà per questo che oggi taglio i tramonti con la mano tremula sulla banchina di memorie  fra una lacrima e l'altra  che rintoccano come campanae a morto,io viva,  con l'occhio che alla macchina si trascina per buttare giù queste parole, affinchè nella casa di adesso tu le possa accogliere come il dolcetto che ti portavo sempre,col cuore in subbulto,ora, per quel silenzio che mi fa paura.Un poco.

Mirka




"Kindertotenlieder" (G.Mahler)

22 commenti:

  1. Quanto accoramento e poesia in queste parole, che sono universali. La musica, le immagini, l'aria di novembre che fra poco è qui coi suoi sapori amari. Il nostro cammino verso quei tepori spenti, dove anche il cinguettio di un uccellino ed un'ala che sbatte sono qualcosa di consolatorio.

    RispondiElimina
  2. Grazie DomenicaLuiso.Speriamo che ci restino almeno le castagne di vero e da mangiare.Un abbraccio,Mirka

    RispondiElimina
  3. Ah, che meraviglia i kindertotenlieder.. non potevi trovare miglior espressione per descrivere lo spirito del testo...

    Ma come hai detto tu, castagne, vino novello, ciocco che arde nel focolare. E spalla cotta con il gnocco fritto....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Commoventi sempre quei kindertotenlieder,MARZIO, anche se li ho cantati tante volte e cantati poi da un'artista come la Ferrier diretti da uno dei più alti conoscitori di Malher come Bruno Walter.
      Noi continuiamo ad ascoltarli,con l'augurio che, anche il vino novello non manchi dal desco di fine autunno.
      Ciao,Mirka

      Elimina
  4. "apprendista sono e viandante" della vita...così mi vedo e ti penso
    gufoazzurro (luigi)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie LUIGI,anche tu sei pensiero bello.Mirka

      Elimina
  5. Il presente che si scontra con uno dei più grossi misteri.La morte.Il doppio di una somma incerta e indecifrabile di un'infinito domandarsi che sarà sempre approssimativo e, che i Kindertotenlieder esprimono nel loro tragico struggente percorso musicale.Un caro abbraccio.Klaus V.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...eppure gli occhi guidono KLAUS ,sempre che li si voglia capire.Grazie infinite,Mirka

      Elimina
  6. Questo stato d'animo descritto con tanta intensità, lo proviamo tutti quando si varca quel cancello,Mirka cara.Ed è allora,veramente,che si riflette sul poco che siamo,su ogni cosa trasmessa da loro e che noi ci portiamo appresso affinchè il ricordo continui ad essere vita,da trasmettere,a nostra volta,in qualche cosa da scoprire nell'itinerario già cominciato.Ti abbraccio forte ghepardina.Carlotta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero CARLOTTA,"qualcosa" è sempre lì e in attesa di noi.Scoprire è RI-scoprire e coerentemente agire nel nuovo lasciatoci dal vecchio.Baci,Mirka

      Elimina
  7. Carissima,solo lì c'è la risposta a tutti i nostri perchè.
    Mi ha commosso leggerti,vedere la fotografia di una persona che ho conosciuto bene, "schietta e spiccia" ma che si faceva intendere anche senza alzare la voce,ascoltare la musica,divina, che hai postato.Un affettuoso abbraccio.Av R.S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In ogni cosa che si trasforma,caro AVVOCATO, c'è una verità da cogliere.Sta a noi farla brillare di luce propria per darle il senso originario dalla quale scaturì prima che la polvere.
      "Schietta e spiccia".Già! Caratteristiche preziose che non sempre ho apprezzato quando Lei mi puntava gli occhi.
      Mi scaldo al tuo abbraccio senza uscire per un pò.Mirka

      Elimina
  8. Cara cara amica,tu sai della mia prova recente!...Ho letto questo post battito dopo battito.Poi non ce lo fatta più.Così mi sono fermata sulle immagini,al significato delle parole di quel canto sublime che, in tempi non lontanissimi ho ascoltato da te e piangevo chinando la testa per non farmi vedere.Ti abbraccio forte.Lilli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però ti ho vista io,cara LILLI che abbraccio con infinita tenerezza attendendo di farlo fisicamente molto presto.Mirka

      Elimina
  9. Anche la realtà del cimitero in te diventa poesia e canto.Ti abbraccio con dolcezza.A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' spesso dai cimiteri,caro A.ch'io ricevo rinnovate serenità,il senso (pieno) per essere passata su questa terra e averne goduto dispensando in larghezza quando fu possibile farlo.Grazie,Mirka

      Elimina
  10. sicura di non averla quella forza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicura di avere quella forza,MASSIMO, anche sea volte me la devo ricordare.Mirka

      Elimina
  11. I morti parlano più e meglio dei vivi,i vivi, spesso, sono troppo intrigati nei loro personali labirinti per cominciare, almeno una volta, nella vita, a rendersi più comprensibili o a comunicare "realmente" affinchè si scambnoi le reciproche verità umana..Ed è così che aumenta la solitudine,l'estraneità,il buio.Ma tu sei"te" e viva tra i morti che camminano.Ti abbraccio.F.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I vivi,F. quando si ostinano a restare nella cecità del buio,danno alimento ai morti riscavandone le ossa.Dovere nostro provare a far vivere le ossa anche quando son umide per "estraneità" entrata a forza.
      Grazie,Mirka

      Elimina
  12. C'è una tale bellezza, sofferta come un parto,in questo post,che non permette d'aggiungere altro che affetto,abbracci,un grazie dal cuore.L'ultima volta che ho ascoltato i Kindertotenlieder è stato a Roma.Che emozione Mirka! M.Berni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e pensare che non ho più aperto lo spartito,MONICA a cui lascio una lacrima che ancora fuma.Mirka

      Elimina