fiume

fiume
fiume della vita

lunedì 15 ottobre 2012

I PAROLAI CHE SI NUTRONO DELLA BUONA FEDE DEI TENERI CONIGLI.


e si inquina "consapevolmente" chi non sa ma non sapendo si illude che possa essere la realtà del vero e  ci si emoziona per l'illusione di una distorta realtà fatta per preparar la morte.



............................................................Lei si chiamava HOPE

Ci vorrebbero  tribunali di onesti,fuori e dentro per giudicare e assolvere chi ha pensatocreduto per bontà di fede che,e  parole usate non fossero droga,bensì sgorgo di prorompente cuore,magari "farfalle" che concorrono al fanale di Tetide.Anfibi e invertiti,ahimè che non si scappa al laccio di questi esatti termini.   Mgari in gioventù dove la parola nasce più dal sangue cavallino senza aver riguardi per la logica che pensa prima e soprattutto poi...
No,quella è una ctegoria che "svacca" nessun pianto di vergogna.Molli hanno le viscere a diarea fusa a idrodinamica poltiglia di parola.
Pare persino che si compiacciano a fare i giocolieri nella loro intricata fantasiosa mente che si diverte a creare "sistemi" in scaglie ganoidi coperte d'oro e d'argento,chiusi come sono nella loro cecità che non prevede le conseguenze del loro agire nel governo degli imbrogli.
O certo,si preoccupano della salute dei bevitori e fumatori,ma intanto ignorano i morti sul lavoro,sulle strade, nelle aggressioni di guerrre con migliaia di vittime civili,quelli che si suicidano per aver loro creduto e,a premio della loro buona fede si son visti nudi sulla piazza perchè il lavoro o l'impresa non c'era più.

I parolai!  I grandi civilizzatori di pietre focaie,scrollatori di ragni sparsi nel dentro come nel fuori.Così.Tanto per distrarre dai problemi imbroglionIntricati con a filo di più sporco non ce nè creati da loro corrompendo coi quattrini rubati agli onesti ora topografie di viscere in subbuglio.

Tacciono sempre i grandi dolori,perchè  per loro parla il il fatto.

Già!

A queste belle "teste d'uovo" manca l'autorità morale,quella l'hanno investita  in parole che liquidano dichiarando mentre implicano altro che equivoci.
E mucillano se stessi prima di farlo agli altri,sfioccando il sangue a profusione nel mentre si forma la parola,diverticolata e a gas.

E' così che si diventa fango anche per il cielo,grigliata su cui intessere inventari per non dimenticare il sole.
Per loro è solo una necessità biologica,ma per le vittime che sconsideratamente  (cinicamente) mietono,liquidando aggressioni di guerra con migliaia di vittime civili come scontro  "inevitabile",il dito puntato sul legittimo governo siriano che muore per difendere il proprio Paese dagli assalti e dalle stragi dei mercenari armati e foraggiati dagli USA,da Israele e dalla NATO pronti a farlo propri ai primi cenni di una resa ottenuta per sfiancamento o fame. un incidente di percorso,da sminuire e irridere la promessa a 5 stelle imbandita a festa di epifania e poi tradita senza il vincolo della revoca.

Già"

I teneri conigli sono muti,tuttalpiù si lamentano in silenzio prima di chiuder gli occhi.
Gli storici futuri leggeranno giornali,libri,consulteranno documenti di ogni sorta,ma nessuno saprà capire quel che ci è accaduto. (Longanesi)

Furbizie e nulla più.Furbizie risibili e grottesche di giocatori e complici su esternazioni vuote di parolaio riformismo. Carnevalata che si chiude (forse) in gloria tra il ridolio di vili cortigiani in processo di lievitazione..

Parolai che smerciano bombe in nome della "libertà".D'ogni libertà.     Che come Savonarola alzanoAbbassano il dito per condannare a morte Assage solo per aver fatto il mestiere di giornalista,idem per quelle verità uscite da una "talpa" papalina che fece per un pò tremare tutto il Vaticano.

E pensare che io,coniglia in buona fede e tenera,avrei fatto della parola un pallone colorato e leggero che non scoppia mai,da prendere tra le mani quando in inverno manca la coperta o si è rotto il termo  e non si ha soldi per pagare l'operaio,delle nuvole lampi di cotone con dentro qualche cubo nero e tanti soli,strade razionali e senza troppe "girotonde",grandi o piccole larghe o strette,non importa ,sulle quali marciare a passo svelto e senza storte alle caviglie,verdissimi prati per conigli liberi e teneri perchè non parlan mai ma il mu lo fanno,una città con un piano regolatore che per battaglia avesse  tanti bei giardini, mentre le macchine che ingorgano il traffico e fan degli uomini cani che sbavano come quando hanno l'osso lì,saltano  come brandelli di lamiera sbriciolata,una città con amministratori onesti perchè quelli disonesti sono tutti alla berlina o in prigione col piagnistei dei governatori ,evasori e mafia  impenitenti quanto recidivi, puniti giustamente,le ricerche (controllate) della più sofisticata chirurgia pagata "bene" coi beni confiscati a  caste e cosche,bianche o nere,il tramonto che si ingozza di sangue "suo" mentre le farfalle volteggiano bevendo il bello della vita e muoino felici.

Già!

Ma questo punto fermo è utopia solo per me,coniglia in buona fede e tenera,nel mentre i parolai impazzano coi loro trucchi illusionisti,fanno quadrato su accordi verticistici ,alfine di garantirne la "continuità"  di iimbrogli,la truffa elettorale sventolata da bandoleri mai stanchi anche se annoiati..

Già!.........................Mirka



"Io non mi sento italiano" ( G.Gaber)

 

 

11 commenti:

  1. E' sempre molto difficile distinguere chi dice la verità tra i "parolai" e chi parla pesando le parole che dice.E quando c'è,lo prendono in giro,fanno tutto per discreditarlo,anche sul piano personale e se continuasse nel suo lavoro serio e di verità "reali",lo spediscono tra gli UFO a insegnar loro la storia di come va il mondo.
    Cappello per questo post.K.V.

    RispondiElimina
  2. Mia cara Hope,la nostra società è un reticolo di sistemi organizzati che,se si influenzano tra loro,tra loro non si scannano,perchè ognuno ha "qualcosa" da ricevere in cambio per un servizio concesso.Parola d'un vecchio non solo di anni Affettuosamente ti abbraccio.Av R.S.

    RispondiElimina
  3. La gente la si teme di più quando non parla che quando "sparoleggia".Se parli tutti possono immaginare da che parte stai,di che pasta sei fatto e se giochi bene col pallone.Ma se parli poco e ti dichiari coi fatti,sei da tenere d'occhio e controllare a vista di parola,perchè sei fuori dalla "squadra" che non crea illusioni e presto si faranno vivi per farti aprire un'impresa di pompe funebri e tu il primo ad inaugurarne l'efficenza delicatamente appoggiato su un bianco e tenero cuscino.Ciao.Un gran bel post! M.Lussurgiu

    RispondiElimina
  4. I parolai sono governatori "piranka".Intontiscono per poi sbranare.
    Comunque sempre accogliente l'Emilia coi suoi piatti molto gustosi.Nella cucina,almeno la mafia non c'è. O sbaglio?...Ciao.F.D'Avossa

    RispondiElimina
  5. Molto spesso i parolai non brillano di luce propria.Dietro hanno sempre una "regia della notte",che gli passa il foglio. Come ai vecchi tempi,eh! Brava! Un grande abbraccio. Elsa Fonda

    RispondiElimina
  6. Quanti manipolatori vittime loro stessi di un potere occulto più alto, che li dirige e domina! Ottimo post,Mirka! Ottimo. Un abbraccio.G.M.

    RispondiElimina
  7. I parolai sono assuefatti dal sistema.Straparlano per conservare il vecchio,falsificando ogni realtà umana,politica,sociale,pur di restare sulle loro comode"carissime" poltrone.Ciao e grazie per questo bellissimo post.Paolo P.

    RispondiElimina
  8. I parolai hanno la muffa addosso.Per questo hanno paura delle 5 stelle e dei giovani puliti e intelligenti che lo sostengono e sono un pò dappertutto.(leggi in tutti i partiti).Luigi Santucci

    RispondiElimina
  9. I parolai sanno che "qualcosa" si salverà sempre dai loro sproloqui,ma se anche sbagliassero,non si scomporrebbero più di tanto,perchè sanno che,anche dagli sbagli potranno trarre vantaggi da sfruttare in altre prossime occasioni.Un post coraggioso.Complimenti.Enrico Spaggiari

    RispondiElimina
  10. Purtroppo siamo allora tutti d'accordo su questo ipocrita campo di battaglia,minato quanto le verità non dette.
    Abbraccio circolare a tutti e GRAZIE.Mirka

    RispondiElimina
  11. I "parolai" sono il contrario di chi investe nei fatti.Senza agitarsi perchè fare con serietà è impegno continuativo e tranquillo,con la fiducia di farcela costasse tutta la loro personale esistenza.Questo appartiene ai pochi.Ai veramente pochi.E tu lo sai.Nicola

    RispondiElimina