fiume

fiume
fiume della vita

mercoledì 5 giugno 2013

IMPROVVISO FIORITO DALLA TERRA DELLE SCIMMIE

ah quante volte lasciai che il pianto s'asciugasse  all'improvviso  sole







Ho raccolto l'aria che sapeva di pioggia e ne ho fatto bevanda per la mia terra arsa. 
 Questo si disse la donna ripulendosi  da una lacrima restata ferma sulla sua lingua infuocata da multiformi ustioni dovute alla speranza.

Bianca M.


"Notturno" (Op 27 N.1- Chopin)








16 commenti:

  1. In questo post non ci sono dubbi sulla sua bellezza.G.M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie G. Mi hai anticipato il sole.Mirka

      Elimina
  2. Parole scaturite dalle radici di un tiglio bagnato dalla pioggia e asciugato dal sole della musica,costringendo chi legge alla complicità e sentendosi felice per averlo fatto. Bellissima foto.Un bacio.Grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tiglio! Hai colto GRAZIA il profumo della mia infanzia e che continua a inebbriarmi. Che bello! Grazie,Mirka

      Elimina
  3. Se le speranze spesso deludono,costruire con la speranza di portare a compimento l'opera non sarà mai motivo di biasimo,ma certamente di lacrime ardenti. Però che grande post è uscito da quel quaderno! Con affetto.Salvatore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero caro SALVATORE e,dai quaderni di mia madre uscirà sempre qualcosa di grande da mettere in conto insieme alle lacrime ardenti. Grazie,Mirka

      Elimina
  4. Tua madre continua a lasciare tracce di commozione a noi,carissima amica.L.S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi l'ha conosciuta può dire quello che hai detto tu L. come so che continuerà a circolare per inediti sentieri. Grazie,Mirka

      Elimina
  5. Sai che hai commosso?... La verità delle cose grandi sovente resta avvolta dall'anonimato,poi qualcuno ne sente il bisogno di metterla in luce. Un grandissimo dolcissimo abbraccio.Luciano V.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'abbraccio dolce a te LUCIANO che stai per ricondividere questa anonima grandezza.Mirka

      Elimina
    2. "Niente ferisce,avvelena,ammala, quanto la delusione. Perchè la delusione è un dolore che deriva sempre da una speranza svanita,una sconfitta che nasce sempre da una fiducia tradita" (Oriana Fallaci) Tua madre doveva essere una donna veramente forte.Beatrice

      Elimina
    3. Si mia madre è stata una donna forte anche nel far vedere le lacrime,come la Fallaci quando affermò simile verità.Mirka

      Elimina
  6. Quante delusioni ha in serbo la vita per le persone sensibili anche se lottatrici com'è stata tua madre! E con che ammirazione la ricordo! Un grandissimo abbraccio.Orietta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero ORIETTA.per i sensibili aceto sulle ustioni provocate da quei cinici le cui lacrime sono solo per una "pedina" non andata a tiro Mirka.

      Elimina
  7. In questo pianeta scimmiesco,c'è posto solo per lacrime nascoste custodite nello scrigno della notte. L'affetto per Bianca è al di là d'ogni tempo temporale,e tu lo sai. Attendiamo con febbrile piacere anche le sue poesie,i suoi scritti, autentici e veri gioielli di saggezza.Affettuosamente ti abbraccio.Av R.S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sarà pienezza di piacere mio tramutare in gioia quelle lacrime nascoste. E' da mò che ci lavoro carissimo AVVOCATO ma,quando in cantiere si han troppe cose e un pò meno mezzi concreti per dar loro vita,il tempo pare si sia fermato a Eboli. Però però ce la farò a svuotare anche questi interessanti scatoloni. Giuro. Sempre che sia così anche per il Cielo.Mirka

      Elimina