fiume

fiume
fiume della vita

domenica 2 giugno 2013

COSA CI FA "LEI" QUI.

...forse non fu neppure la cosidetta "lotta di classe" ma l'applicazione degli umili testimoni del Vangelo




"Cosa ci fa "lei" qui?  l'apostrofò il Don. "Perché?  le rispose serafica la donna. "sto andando in Chiesa. Non vede?".  "Si vergogni! "rossa" com'è fin dove non è ammesso di guardare!".  la fulminò il Don con le braci delle parole solferine. "Se ne vada!  Lei sporcherebbe il santo manto di Maria e di tutti i  Santi."  finì la barzelletta il Don,appoggiando la bicicletta sul selciato della Chiesa e mettendo le mani sui bei fianchi solidi come la pietra che mai aveva scavato ma che scagliava con gusto da domenicano prima maniera che,i Torquemada non son presenti solo nel Santo Uffizio. "Ma che dice,Don, vergognarmi del mio rosso sin dove non è ammesso di guardare?... Sarà anche così. Però Io vanto il bianco delle mani.  Lei,non so. Il suo "nero" mi ricorda troppo i manganelli come le coscienze sporche di certi solidi bustati"  le rispose la donna con fierezza,mentre tranquillamenmte le voltava le spalle e saliva i pochi gradini che la separavano dalla Chiesa, il Don inforcava la bicicletta starnazzando come una cornacchia inviperita..

Dai quaderni di mia madre (2 giugno 1952)

E io rileggendo tutto questo,ripensai che, dapprima,là, e poi  tra loro vi furon martiri soppiantati dai carnefici.  Perchè l'orgoglio,il fanatismo,l'ambizione,invasero i sacerdoti del Signore,scambiandosi gli umili ministri dell'Uomo-Dio in vili cortigiani di d'un papa, (quelli d'allora intendo)  che Roma non fu più la Città Santa,ma una Babilonia....un bordello,al dir di Dante e poi anco del Petrarca.     "Ahi! serva Italia! di dolore ostello, Nave senza nocchiero in gran tempesta,Non donna di province,ma bordello." Dante (Inferno) Petrarca (Rime)

Mirka




"Riso amaro" (Film)






22 commenti:

  1. Non siamo venuti al mondo per giudicare fermandoci al "rosso",ma per condividere i piccoli grandi gesti significativi usciti dal cuore e...moltiplicarli perchè si può e si deve. Solo così anche la "lotta di classe" accomunerà tutti,credenti o non,e vittoria su ogni barbarico dominio.Bellissimo post. Due baci.Elsa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi siamo venuti al mondo ELSA per dialogare con l'amore,fare di ogni nostro piccologesto un dono d'amore e porgerlo come l'unica cosa possibile che possiamo donare perchè scaturita dalla consapevolezza che,dare con amore è l'espressione di un noi,migliore e,che, mai baratteremo neppure fossero i più grandi ideali. Bacio,Mirka

      Elimina
  2. Le donne! Grandi come questa riportata da te,che con "grazia" passa alla vera "Grazia" a cui attingere la forza e il coraggio per continuare a tenere bianche le mani,operose di onesta "allegra" fatica. Molto bello e indovinatissimo il filmato! A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si A. quella donna fu veramente "grazia" e degna di chiederla,la "Grazia" proprio in virtù di quelle "mani bianche"..Mirka

      Elimina
  3. Per quella donna,il suo credo fu il "rosso" col bianco nel cuore,quello che la portava a salire le scale,serafica e tranquillamente consapevole. Un post semplice e forte come tutte le cose veramente convinte. N.Samale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dove non c'è fanatismo,trionfa la misura che scardina la pietra per trovare il fiore,NICOLA,l'umanità che va oltre all'ambizione e ai grossi contesti per avvicinarsi ai bisogni reali dell'uomo, tenderne orecchi e mano,per poi...tranquillamente "anche" salire là, dove tutto si accoglie in un'unico abbraccio. Quella donna fu tutto questo.Mirka

      Elimina
  4. Bella questa realtà dove i morti ricompaiono più vivi che mai e ci dicono che,ad essere morti siamo noi che ci arrabattiamo coi giochi infiniti e senza neppure divertirci, uscendo dalla sala giochi "mosci" e feriti come se veramente fossimo stati in battaglia senza averla mai fatta. Straordinaria testimonianza di fedi "diverse".Mario L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero MARIO morti più vivi che mai,molti zombi nel paese dei vivi.Grazie,Mirka

      Elimina
  5. Qualche donna seppe condurre la sua vita con questa fede e con questa tranquilla fierezza.L'ambizione,il fanatismo,l'arroganza lasciati ai piedi di quel prete.Un grande abbraccio Mirka carissima.Maria.R.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e come diceva spesso mio nonno chiamato Gigion "preti e frati di carità son privi,cantano sopra i morti per imbrogliare i vivi". Ciao,Mirka

      Elimina
  6. Ma il comandamento centrale del cristianesimo non è "ama il prossimo tuo come te stesso?" Bel contrasto davvero. Complimenti. G.M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si il comandamento centrale del cristianesimo è ama il prossimo tuo come te stesso ma...le deviazioni non mancano come lo fu per Torquemada, per quel prete e per tanti altri simillari. Mirka

      Elimina
  7. Chissà se quel prete s'interrogò sul perchè quella donna fosse così felice del suo colore rosso e tranquilla nel continuare a salire le scale e,se lo fece,chissà come ne uscì,ammesso che sia stato capace d'indagarsi con vera onestà. Grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo Grazia,perchè da ciò che seppi da mia madre,lui continuò imperterrito ad odiare il rosso e a portare la lunga veste nera.Mirka

      Elimina
  8. La sincerità vera della donna,la sua fiducia semplice,buona e tranquilla, la conduce alla chiesa. Tempio giusto per gli appassionati umili di cuore. Resta invece aperto il dubbio sulla fede di quel prete così inferocito dal furore e così privo di autentica "posizione morale". Klaus Voigt

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so caro KLAUS che poco ho desiderato conoscere a fondo chi esercita il sacro ministero,di "lei" invece posso garantirne la fede anche se non frequentava i riti. Mirka

      Elimina
  9. Ho conosciuto Bianca. Una donna che non si dimenticherà mai. La vedo benissimo in questa scena,lei così fuori da ogni contesto ipocrita e convenzionale a differenza di quel prete invasato strumento di potere caduto nel grottesco. T.B.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie T. Come concordo su quel "grottesco" incollato a tutti i bacchettoni ipocriti anche se invasati di "fede" . Mirka

      Elimina
  10. E' facile comprendere che a quella donna poco interessavano le grandi verità dei dogmi. Le sue verità erano le necessità della sopravvivenza e la lotta per tirare avanti. Da lì la sua gioia,le sue paure,la tranquillità di poter varcare la soglia della chiesa. Per una preghiera che le servisse a conforto,oppure per ringraziare d'aver trovato la forza per farcela. Quel prete mah! Lasciamolo tranquillo al tavolo della Santa Inquisizione.F.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così F. e a entrambi il loro tribunale fatto a misura "nostra" per immaginare l'esistenza d'un paradiso o del vagare ancora in cerca d'una perduta pace.Mirka

      Elimina
  11. Bello,secco,essenziale,con precise identità. Il prete un burocrate clericale,la donna rappresentata dall'amore che con fatica la conduce verso la serenità che le dà la preghiera.Enrico S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben detto ENRICO,burocrate prete la donna con la fede.Bellissimo! Grazie,Mirka

      Elimina