fiume

fiume
fiume della vita

lunedì 3 giugno 2013

SUITE IN DO MIN


 ...nell'assenza dei pensieri... fu il suono a vincere  il tempo




Mi pavoneggiavo
 in quel bustino stretto

lo specchio mi rimandò 
la tua immagine

 sorridevi

come un'antico sposo
che l'ha messo in conto.

Mirka

"Sarabanda" (Suite in Do min N.5 -BWV 1011 -J.S.Bach)





La foto è stata presa da internet anche se la mia intenzione era altra. Innegabilmente perfetta ma priva di anima.Almeno per come l'ho vista io e sentita. Comunque espressiva di quel "compiacimento vanesio" di cui sopra.Nei versi.

20 commenti:

  1. Quel Bach dipinge perfettamente la scena. Esistere ma sfumare. Molto suggestivo....

    RispondiElimina
  2. Stupendo questa armonia criptica che solo allo specchio rimanda mentre Bach si espande e poi dilegua lasciando i suoni...Elsa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse ELSA l'armonia nasce prima ancora che se ne formi l'intenzione mentre il suono è già.Bacio,Mirka

      Elimina
  3. Qui vive la vita! Per questo esorbita dal bustino troppo stretto per contenerla. Musica divina e di altissimo effetto per il sensi, mentre ritornano alla loro sorgente originaria. L'anima. A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie A. Chissà che, più ancora che la vita non sia l'eco d'una vitalità mai spenta malgrado tutto. E l'anima che sa,continua il suo immergersi,con voluttà, sino all'esaurimento del suo volo.Ciao,Mirka

      Elimina
  4. Interessante l'espressine di "antico sposo". Lui sorride perchè sa cosa contiene quel gesto di vanità. E sorride per l'essenza segreta,ignota a tutti ma non a lui.. La musica pura e immateriale ne sono lo specchio. N.Samale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il potere catartico dell'arte e non solo, trova il suo centro "preciso" là dove tutto è purezza anche nell'ultimo eco o pausa di sospensione.La musica.,Appunto..E Tu NICOLA lo sai bene perchè questo campo continui ad ararlo.Mirka

      Elimina
  5. Davvero splendido questo Bach effuso dalla viola da gamba. "Inevitabilmente Bach", nel senso più nobile del termine, quando maggiormente si avverte il peso dell'esistenza. Grazie per questo post, medium di bellezza pura.

    Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te ANDREA per averne colto il senso profondo.Mirka

      Elimina
  6. Se quel bustino portò a Bach,io m'inchino ai chili in più. Roba solo da benedire. Mario L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e da una bella dieta nutrendosi di Bach che benedico.Mirka

      Elimina
  7. Bella la visione che quel signore si gustò allo specchio. Un "nunzio" di messaggi che gli esplosero nel sorriso,un scrittura a Mirka e la strada per arrivare al grande Bach. Bacioni belli,amica.Maria R.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benedette intimità fatte di niente MARIA che al cuor fanno sorridere me.Baci mille lasciandone indietro almeno uno.Mirka

      Elimina
  8. Quando lo specchio rimanda il sorriso si è sempre belli e la vanità è ampiamente scusata.Meravigliose le musiche che hai scelto.Grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma si GRAZIA, facciamo che la vanità sia solo un tributo a Dio per ogni cosa donata.Mirka

      Elimina
  9. Biricchino fu il corpetto stretto,lo specchio e la musica divinamente scioglie......L.S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La musica continuerà a restare sicuramente divina, mentre lo specchio sarà obbligato portare a quell'immaginazione d'occhi che solo l'anima amorosa sa e continuerà a vedere.Mirka

      Elimina
  10. Osho avrebbe detto "Devi passare da qui".Bach lo conferma.M.Berni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E il Buddha impassibile aspetta mentre Bach conforta ogni presente.Mirka

      Elimina