fiume

fiume
fiume della vita

venerdì 19 luglio 2013

LA FORZA DEL DESTINO






Cantavo il giorno perchè non sapevo fare altro.
La  notte leccavo le ferite lasciate nella gola
Viveva  il Tempo in quella forza di contrari

 
Mirka



"Pace"    ( Forza del Destino-G.Verdi)








24 commenti:

  1. E' destino degli artisti cantare la gioia del giorno,le ferite lasciate nella notte. Un grande abbracchi.G.M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si.G. Questo è il loro destino,compito,DonoCondanna. Abbraccio sentitamente ricambiato,Mirka,

      Elimina
  2. Una forte opposizione di contrari che parlano da sè,nella consapevolezza,piena, di come una rosa tenga in serbo la sua spina (grossa). Ciao...F.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fu percezione caro F. sicura e senza equivoci prima che la consapevolezza s'affermasse e diventasse il sangue di quel canto guidato.Di ogni canto mescolato al pianto come alla gioia.Mirka

      Elimina
  3. Ecco perchè si è cantata la forza del giorno Per scrivere così, per cercare di lenire le ferite lasciate nell'ugola come prezzo di ogni cosa vista e sentita nell'impetuosità del suo trionfo e,riproporla almeno nei sogni o come forza invincibile di speranza. Ti abbraccio.Elsa Fonda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...d'invincibile speranza ELSA che fortemente abbraccio.Mirka

      Elimina
  4. È straordinario constatare come dolori acuti e l'osservazione della sofferenza abbiano alimentato in passato sublimi atti creativi e come poi questi siano stati anticipatori di grandi progressi morali e civili. È abbastanza deprimente che oggi non si riproduca, salvo rarissime eccezioni che non fanno altro che confermare la regola, la stessa intensità artistica, come non vi fosse sufficiente sofferenza da raccontare, e, ahimè, ciò lascia presumere che non vedremo a breve le grandi aperture d'orizzonte e i mutamenti sperati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto GIO' in questa mia Casa Della Gioia con relative incaz che come un vento d'aprile passano per ritornare ad agosto. Come le sofferenze,qui,non avran tregua.gli atti creativi saranno sempre il loro fuoco e refrigerio d'acqua creativa che inesauribile zampilla,con al centro la speranza o l'obbligo della responsabilità morale affinchè non cada solo in testamento al vento.Mirka


      P.S. Ho dato un'occhiata al tuo blog. Interessante e pieno di suggestioni. Peccato che al momento io sia nell'occhio del ciclone per gravosi impegni.Ma me lo riserverò,con l'attenzione che merita per i futuri tempi di relax che m'auguro non manchino, nè a domicilio nè per gli amici del web. Grazie per il tuo commento

      Elimina
  5. Grazie per il benvenuto Mirka... sono nuovo del web e mi sto guardando intorno. E grazie anche per i tuoi apprezzamenti sul mio blog. Anche il tuo è molto bello. Certamente tornerò a farti visita.
    Giovanni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mercì bien GIOVANNI et...a bien-tot. Ciao,Mirka

      Elimina
  6. Per qualcuno il canto è vita e destino con l'entusiasmo di cantarlo al giorno,forse neppure consapevole che la notte l'aggredirà col pianto delle ferite inferte dal giorno. Eppure sono quei registri diversi a rispecchiare la coerenza di un cammino mai statico o delegante alla comodità dell'indifferenza. Con tanto affetto abbraccio l'amica cara di sempre e,in silenzio m'ascolto questo magnifico pezzo ispirato dal nostro Verdi. L.S. .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh amica cara,si sa all'alba che mai sarà indifferenza o la il placido di rnuotare a riva. Evviva Verdi,Evviva il Giorno confuso con la notte.Bacio,Mirka

      Elimina
  7. Chi attraversa così il giorno,sà che col sole può trovare il vento che taglia. La notte allora può diventare una galleria che porta davanti a degli squarci d'anima. Ma è lì che si trova il senso prezioso d'aver vissuto e dato,così che tutto si acquieta. Buona domenica cara Mirka.Giorgio S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il "dato" caro GIORGIO che non guarda indietro. Si. Buone vacanze con piena sincerità.Mirka

      Elimina
  8. Siamo noi a scegliere la via che ci porta a emozionarci due volte sulla stessa cosa,diventando una "fortezza piena". Mi ritorni in mente bella come sei...ma chi era? Cocciante o Baglioni?. Scusa la mescolanza,le canzoni non sono il mio forte.Maria R.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "fortezza piena"! Che forza MARIA! Ciao,Mirka

      Elimina
  9. Per te la tua ricerca destinale era nel canto. E poco t'importava gli strascici diversi nella notte. Il giorno rifioriva e tu già pronta..Ecco la tua forza ghepardina.Bacioni. Gazzella-Carlotta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già! Animaletto inaddomesticabile quanto canoro si.Qui lil collo che ti lascio un graffio doce doce.Mirka

      Elimina
  10. In quella fotografia c'è tutta la forza di quei contrari e,ben visibile consapevolezza e coscienza. Un bacio a quei capelli al vento.Grazia

    RispondiElimina
  11. Arte come destino e il coraggio di levare la propria voce anche quando la gola è stanca e chi ascolta non si domanda perchè non ci sia stata la felicità anche nella notte. Tizzi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. TIZZI cara,non si può avere tutto nella vita. Importante averne coscienza e continuare ad "essere" ciò che sei.Destinalmente o per essenza di canna. ,Mirka

      Elimina
  12. Ma che forza queste eroiche illusioni e la vitalità per renderli sogni! Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che sopravvivere si deve vivere PAT. Credo che anche tu non lo metta neppure lontanamente in forse. O no? Baci,Mirka

      Elimina