fiume

fiume
fiume della vita

martedì 23 luglio 2013

PAVANE PER UN FIORE DI STRADA













T'incontrai ai bordi d'una strada
Eri bello nella tua consapevolezza
esposta alla polvere ma ignorata agli occhi 
troppo distratti per fermarsi sulla tua umile esistenza.

Solo un bimbo si fermò.  Ti guardò. A lungo. Non  ti colse.

Continuò il suo cammino.  E per un'attimo infinito 
l'ombra di quel fiore gli adombrò le ciglia 
che svelto il sole gli sfilò la luce
e l'istante divenne barba con semi di fardello


Io conservo ancora le dita di quei petali 
rossi come oracolo che scuote senza ispirar la lirica
Una lacrima fiorita sulla terra è gioia solo per i bruchi
l'arcobaleno dopo il temporale

la meraviglia d'un fugace fuoco
negli occhi affamati di un bambino
principe ancora di tutto il suo corredo 
nel furore di gocce lasciate per il vento.

Mirka


"Pavane"  ( M.Ravel)



12 commenti:

  1. Struggente! Belle,intense ed emozionanti queste immagini che ci portano a pensare alla condizione umana (dei più),incarnata in un fiore di strada che,solo agli occhi di un bimbo non sfugge riuscendone a carpire l'inerme silenziosa sofferenza. Enrico S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E così caro ENRICO,solo restando spalancati all'umanità (sempre più scarsa e quandanche ci fosse socchiusa per paura d'impegnarsi troppo nel capire come nel tendere),la sensibilità del bimbo,fresca e lì,nel mentre dietro l'angolo aspetta (con fretta impaziente) il calcolo, l'affaire. Mirka

      Elimina
  2. Il nostro tempo distratto e ostile. Solo l'occhio di un bimbo.Che cambia così in fretta (barba con semi di fardello). Ho pianto. Ciao.Grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. GRAZIA...già! Ti abbraccio sul bagnato,Mirka

      Elimina
  3. Anni liquefatti e crudeli sfuggono all'imperativo difermarsi al dovere morale di guardare e di cogliere. Si preferisce "far finta", anzichè. E un fiore come una persona diventano allora una specie relegata all'anonimato per evitare lo "sturbo" di coscienza o il disturbo del cuore. Sconvolge anche la musica.Affettuosamente ti lascio un'abbraccio.G.M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'anonimato d'un fiore di strada.Con affetto,Mirka

      Elimina
  4. Un tumulto di sensazioni multiple su quel fiore così bello lasciato all'indifferenza degli occhi dei "grandi". Tutto sommato e alla fine anche per fortuna,al fiore poco importerà della polvere e degli occhi di un bimbo che crescerà troppo in fretta,dimenticandone l'attenzione e l'emozione per averlo studiato. Ciao signora. Come stai? Anch'io sono cattivo e stupido perchè non passo più spesso di qui.Luigi S..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sto bene caro Luigi se non fosse per gli insetti e le zanzare.
      Non te ne volere più di tanto. Nel tempo giusto eccoti qui. Un salutone,Mirka

      Elimina
  5. Il fiore non avrà memoria,noi,forse,si. Implacabile allegoria nel suo intenso struggimento.Luciano V.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...noi?...sempre che si abbia la voglia di curiosare dentro di noi e darci uno "scappelotto" veramente convinto.. Ma...forse meglio restare nella comoda poltrona da salotto e sorbirci nu cafè o un ver de lemonade visto che siamo nel caldo dei Caldi Mirka

      Elimina
  6. Per questa allegoria dolcissima e straziante,lascio l'eterna preghiera buddista Om mani padme hum a riposo nella dimora senza tempo. Tizzi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. OM MANI PADME HUM e così sia TIZZI..Bacio,Mirka

      Elimina