fiume

fiume
fiume della vita

martedì 9 luglio 2013

PARADOSSI

...anche controluce si può trovare il meglio



Il meglio più vero di me l'ho sempre dato nei due poli estremi.  Nella gioia più (S)frenata, nella rabbia meno (S)misurata.       Nel mezzo lo stato di Grazia o di noia.       Così rispose la donna a un gentile signore che voleva provocarla.      E con altrettanta gentilezza salutò lasciando pieno il bicchiere di prosecco.

Mirka








"Andante sostenuto"  (Simphony N.1 Op 68 -J-Brahms)

12 commenti:

  1. Chissà che esaltando la massima potenza di quegli estremi,non si arrivi al paradigma di forza misurata che,intrecciandosi,si veda vivere?...La tua ricerca resterà sempre e comunque in questa grazia dolcissima dell'"andante sostenuto",ordito ideale su cui tessere lo stato di serenità che non teme di perdersi. Ti abbraccio davanti a un fresco aperitivo condiviso. Nicola S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...vivendo, forse ,s'impara a riconoscere l'arrivo del ciclone,NICOLA, il suo placarsi nell'Andante Sostenuto nel mentre dissolve e rigenera un'inutile vecchio. Abbraccione davanti a un secondo caffè.Mirka

      Elimina
  2. Dal momento che ti riconosco anche in questi due estremi,aggiungo, io per te, il mancante. L'educazione morale che diede valore a tutto. Estremi,stato di grazi,a la noia, consapevole di un male passeggero e costante cui nessuno può tirarsi indietro. Bacioni.Maria R.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se alla noia,cara MARIA nessuno può tirarsi indietro,ahimè e ancora ahimè,all'educazione morale vige l'ordine a NON sottrarsi,almeno per non avere incubi la notte. Bacio,Mirka

      Elimina
  3. Forse quello che tu chiami paradossi non sono che la forza che costruisce o decostruisce per meglio interpretare noi stessi.F.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e vincersi o abbandonarsi ai piagnistei.Un bel saluto F veramente di cuore e sincero.Mirka

      Elimina
  4. Scommettere sull'eleganza degli estremi,non può essere che un buon materiale per riconoscere se stessi e il proprio stile. Tutto il resto non è che noia,eccezionalmente uno stato di grazia. Ornella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo di RIconoscermi in tutto quel miscuglio di brodo primordiale e anche no,ORNELLA mentre guardo al sole...e a molte stelle.Bacio,Mirka

      Elimina
  5. Dietro a ogni estremo c'è sempre qualcosa che sussurra di un'altra " dimensione". Mgari è quella alla quale tu guardi anche non sapendolo. Quel Brahms canta da se.Elsa Fonda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verdi e Bizet furono i miei primi conduttori,nell'ora presente ben venga anche Brahms e che CANTI per me qualora ne perdessi memoria.Bacio,Mirka

      Elimina
  6. Tutto è espressione di noi. Della nostra personalità,del nostro temperamento,delle relazioni che si ha con se stessi,con la consapevolezza che, di questa molteplicità,dobbiamo farne qualcosa di unitario,attraverso un processo di trasformazione che ci porta alla gioia. E solo allora se ne conoscerà il senso profondo,,non solo per la ragione che ne ha permesso l'evoluzione, ma soprattutto per la pienezza del cuore che lo ha accolto come dono concquistato. Salvatore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinitissimo SALVATORE per questo aiuto a trarre quel succo alla GIOIA gemella sempre del mio pianto. Spero che me la cavi.E' così facile perderla pervia...Mirka

      Elimina