fiume

fiume
fiume della vita

domenica 21 luglio 2013

LA STRADA DELLA CURIOSITA' SPERIMENTALE

Se non conoscessi altra via,mi obbligherei a immaginarla per inventarla piantonata  davanti alla  porta della realtà.
...e mi piacque pensare a quella forma indeterminata di foglia mantenendone inalterata la curiosità di prima gemma





 Quando dormo,solitamente mi raggomitolo come una copertina placentare. Altre volte,invece, dormo a pancia in sù e con le braccia alzate verso l'alto,i pugni schiusi come da bambino. Ed è stato in quest'ultima posizione che all'orecchio mi è arrivata l'ennesima litigata (di grosso) dei vicini. Mi son detta:"Stavolta l'ammazza oppure ce la fa veramente a buttarlo fuori di casa".  E' venuto il silenzio. Così non mi sono fatta più domande,rinviandole al giorno in arrivo.

Cercavo degli oggetti,sicura di trovarli al solito vecchio posto,perchè da lì non li  ho mai spostati. Non li ho trovati. Mi son detta:"Allora ho un ladro in casa!"  Mi sono arrampicata un pò sui due specchi,poi mi sono arresa al cerchio ormai chiuso,accettando anche quello da sempre rifiutato a considerare,perchè,accettandola o considerandolo avrei dovuto stare all'erta e,sbarazzarmi,fermamente,di persone alle quali avevo accordato piena fiducia e non volevo modificare lo stato di tranquillità che questo mi creava.

Non sapevo nulla di lui se non che,era un'astronomo e che amava guardare le stelle,col cuore e a studiarle col cannocchiale.      Mi colpì l'esatta precisione tecnica e intuitiva sull'analisi  di un pezzo musicale,difficile anche per l'orecchio del più fine musicista.  M'intestardìì a cercarlo su ogni pista o traccia che lui lasciava.  Non volevo confondere  il miraggio con la luce.   Servì?!...  Poco importa.      Perchè ciò che mi colpì attivò in me l'esercizio alla scoperta,oltre la realtà stessa dei fatti e il fiuto che il setter ha per i tartufi.  Pensai:" Che fortuna essere miopi,ma avere l'occhio percettivo!"    Forse anche questo è Destino. Il mio Destino.    Non imparare mai ma immaginare d'esserci riuscita.   Ignoto è sempre il viaggio che si fa e,avventuroso.    Il rischio è pur sempre lo "zainetto" con dentro un pò di tutto.  Le verità ?...Mischiate al falso dell'Autore.

Mirka


"Time after time"  (Miles Davis)







Foto da cell

25 commenti:

  1. Hai ragione, Mirka. L'occhio percettivo spesso porta a vedere cose che non si percepiscono con gli altri sensi, e con la ragione.

    Ma questo occhio va allenato, controllato, ascoltato. In fondo è il nostro compagno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bacio. Posso?...Non faccio danni...? In fondo è solo un bacio PercettivoVirtuale. BuonTutto e...sempree un'Evviva,Mirka

      Elimina
  2. Intanto complimenti per le foto. Splendide e originali nel loro simbolismo. Per tornare invece al contenuto del post,personalmente ho sempre pensato che,il carattere della mente dipende da come la si nutre. Se i pensieri sono positivi,anche quando si considera la realtà,nelle sue doppie facce,il nuovo sarà sempre sperimentale perchè sgombro del sovrappiù.T.V.B. Maria R.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo che sia così anche per me,cara MARIA che ringrazio con bacetti grondanti ripetuti e nuovi sudori.Mirka

      Elimina
  3. Leggendo questo post,mi viene spontaneo di lasciare questo."Quando si smette di farsi domande,è allora che si ha capito quello che ci serve per continuare il nostro percorso di strada,consapevoli e insieme indifferenti degli ostacoli visti,intravvisti o semplicemente non visti". Foto bellissime,questa musica sempre piacevole all'ascolto. Un'abbraccio.Sergio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse SERGIO è proprio come dici.Grazie,Mirka

      Elimina
  4. Non bisogna mai aver paura di farsi domande senza attendere che arrivino le risposte. Verranno. Oh se verranno!.....Più difficile è tener viva la curiosità per un viaggio che deve continuare,con le sue sorprese "rovesciate" in ogni caso, ma identificandosi con quello che fa crescere,soprattutto il cuore. F.B.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...oh se verranno!...Anche stancandosi di "crescere" per non finire in contumacia o fra i vecchi libri di latino. Un grazie di prima giovinezza F e...sempre un'Evviva.Mirka

      Elimina
  5. Sono le immagini interiori a costruire le nostre percezioni della realtà (?). Ed è così,anche, che ci si riedifica. Bacioni.Carlotta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se ci si sente dei monumenti,dolce Carlotta? Beh io vorrei tanto riedificarmi in onda,nuvola o in pio pio,oggi più che mai.Baci,Mirka

      Elimina
  6. Miles Davis è magia. Sono riuscito a vederlo due volte dal vivo prima che morisse, anche se più che a questa sua parte “elettrica” personalmente sono rimasto legato a cose tipo “ascenseur pour l'échafaud”. Ma il titolo di questo brano mi riporta alla mente l’incipit vertiginoso di una leggenda africana: "al tempo quando non c’era il tempo". E quando non c'è il tempo ce n'è sempre abbastanza per rischiare di non imparare, persino immaginando di esserci riusciti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Touché GIOVANNI perchè io son neofita quasi per tutto. Mirka

      Elimina
  7. Non è la prima volta che intervengo magari brevemente per evidenziare la bellezza delle foto pubblicate nel presente blog. Esse, le tue foto, costituiscono davvero a mio avviso una nuova, luminosa frontiera del tuo cammino artistico. Ti auguro che in questo "aer nefando", tale cammino venga debitamente valorizzato; in tutti i sensi, com'è giusto che sia.

    Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un'augurio che rimando alla "Divinità justice" carissimo estimatore di bellezze diverse e che, col cuore abbraccio. Mirka

      Elimina
  8. Foto sulle quali incantarsi e,che distraggono mentre si legge perchè si ritorna a guardarle. Un post di forza materica,scattante solo, quando passa a meditare su quegl'impulsi neuronali,sentiti come flusso attivo di possibilità,aperte,senza i lucchetti dei pregiudizi. Che sia un buon giorno,Mirka.Con tutto il cuore. Enrico S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo generoso d'apprezzamenti ENRICO anche se la GIOIA che metto nello scatto, mi fa accettare con altrettanta gioia ogni complimento. Si, sono restata quasi candida anche a quegl'impulsi neuronali circosritti solo a un'iniziale diffidenza per ricomporsi liberi e quasi dimentichi d'ogni sgarro di vita. Grazie infinite per l'augurio che ricambio anch'io con tutto il cuore.Mirka

      Elimina
  9. "Le verita?.......Mischiate al falso dell'autore" "Non imparare mai ma immaginare d'esserci riuscita". Credo basti soffermarsi qui e riguardare quelle foto. Un abbraccio.Grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le foto sono la felicità di un'istante intensamente vissuto. Tutto il resto "verità mischiate al falso d'autore unitamente ad immaginarsi veramente imparata.Bacio,Mirka

      Elimina
  10. L'alternativa alla morte è la curiosità che,senza aspettarsi risposte,continua a farsi qualche domanda senza smettere di camminare,trattenendo solo i silenzi che ne seguono. Molto bello.Luciano V.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...Il Silenzio che parla sussura o canta. Si.Grazie Lucio,Mirka

      Elimina
  11. Ecco cosa vuol dire andare oltre l'invisibile,per possedere il sottile d'ogni velo strappato,fosse pure solo per l'attimo di un'uovo..V.P.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e far sorridere il mio orecchi,per provarmi che è davvero fine. Ciao V e...sempre un'Evviva.Mirka

      Elimina
  12. Ecco arrivato il tempo dove le parole sono inutili,le spiegazioni anche,perchè la maturità è talmente ricca da trasmetterci l'esperienza con l'emozione degli occhi,di una foto,di una musica infinitamente dolente..Enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così carissimo ENRICO,quella maturità che di nulla ha bisogno fuor che la sincerità degli occhi. Grazie,Mirka

      Elimina