fiume

fiume
fiume della vita

sabato 28 luglio 2012

QUEL MARE E L'ORECCHIO DI CONCHIGLIA

E il mare mi comunicò un dramma di colori.Volli allora darli al vento affinchè li purificasse o li consegnasse all'orecchio d'una conchiglia per farne tante piccole farfalle d'indistinto sonoro.
...e in quell'orecchio ci fu un tintinnamento di verità che mai conobbero il peccato.E ciò che, intimamente provai fu godimento pieno di me e per me,forse,anche per gli altri.Così mi trasmise la vista degli occhi.Dentro vi ballavano "pagliuzze" colorate.Giocavano tra loro in modo genuino e semplice.Fu altra  bellezza quella che vidi? Non so.Certo fu che mi portò a intuirla.



Quel mare mi piaceva.Mi piace sempre il mare.Arrabbiato o tranquillo.Limpido o cupo.Sbattuto da improvvisi sotterranei rigurgiti di qualche divinità dominatrice,o sonnacchioso senza neppure un piccolo sbadiglio che lo animi e agiti.Eppure quella volta mi ustionarono i colori del suo fondale.Si,perchè io, pur da inesperta nuotatrice, volli curiosarne il fondo.Non c'erano ombre ma solo una sorgente luminosa talmente forte da accecarmi al punto da non riuscire a distinguere nulla. Nè flora nè fauna. Nulla.Nulla che non fossero guizzi di colori e la mia testardaggine a inseguirli per capirli meglio nel loro costrutto naturale e nel cuore di fondo.Se non si sapesse o ricordasse che la sottoscritta ,ama i profumi e i vini e,l'annusarli con lenta voluttà onde indovinarne l'impasto che al centro (cuore) porta.
 Eppure fu proprio quella cupola argentata a creare contrasti d'ombra così violenti che,per sfuggirle dovetti cercare riparo sotto a una specie incandescente di sole tubolare.
Così mi scottai.

Intanto la mia pelle "sfarfalleggiata " era riuscita a catturare tutti quei colori fluorescenti.
Erano belli nelle loro forme indistinte,galleggianti nell'acqua fredddissima del fondale o incastonati in qualche roccia di corallo con le punte aguzze e smeraldine.
Neppure ora che vi ragiono a distanza e col senno del poi, mi resta oscuro il perchè di quella ustione che sento come una cicatrice incisa sull'ala di una farfalla e a sinistra del petto.

Ho cercato comunque una conchiglia che nascondesse tutti quei colori.L'ho chiusa con l'altro suo orecchio gemello, perchè nel freddo delle notti invernali potessero tintinnare come tante monetine d'oro o semplici brividi di risonanze antiche che cullano quando il sonno non viene o il freddo passa anche sotto la coperta di lana.

Ricordando quell'evento "non  arrivato a caso",che,tutto avviene affinchè dalla moltiplicità se ne ricavi un senso per capire,arrivare al centro di noi,la realtà piena per trovarne l'unità valida sui diversi piani, mi vien da dire in una bollente e sudata notte di fine luglio come questa: "Meglio sarebbe stato non curiosare nel fondo  ma restare a riva.Io che nuotare non so anche se adoro il mare.

Eppure ...ognuno con la sua particolare individualità,è spinto a volere anche se razionalmente non esamina,nel momento stesso che la fa, l'azione che ha compiuto nella sua intenzione buona o cattiva; la compie perchè la ama e basta. E  diventa "buona",se la intuizione immersa nell'amore è inserita nel contesto universale da sperimentare per intuizione.

Così, io ho dato valore anche al mio impulso di andare in fondo e nei fondali di "quel" mare.Il mio fu,in ogni caso, un'agire per esperire un valore intuitivo che desse  un valore etico alla mia individualità nel suo essere dottrina naturale e morale insieme.Che, nulla è mai disgiunto l'uno dall'altro mentre l'uomo  si affranca nel suo lavoro impegnato nel distinguere il tutto che c'è in lui,separarne  il fuoco dalla cenere per ricordare Eluard,poeta di storica memoria che emoziona sempre.Poichè, solo mediante l'agire umano i fatti vengono prima creati.Liberamente.Senza nessuna costrizione.Nel proseguimento di un comando genuino e naturale.Col solo intento di realizzare quello che coesiste in noi,se "l'intuizione" che l'ha generata era quella di evidenziarne lo scopo evolutivo spinto solo dall'amore, dalla conoscenza, da un'accordo armonioso per idealità e fine, di un "reale" che è solo essenza.Essenza di una somma che solo a lui appartiene,percepito in modo unitario sin dal suo iniziale indistinto  formarsi.  Trasformato e condotto alla sola sostanza per l'incessante forza di volontà e di esercizio,senza nessun bagliore seduttivo, ma liberamente scelto per splendore di unificato dovere che si impone a viverne la bellezza.Quel mare! Io l'incosciente inesperta nuotatrice,l'inadeguata al nuoto e senza neppure una scialuppa per l'abbisogna,che curiosò sino a quel fondale persuadendosi che l'unica legge veramente valida e "morale" fosse essere natura razionalmente libera quanto inaddomesticabile per coscienza che dilata l'umananità e la ingrandisce di ricchezza, mentre fiera si afferma il suo non essere serva a nessuno men che a se stessa e al misericordioso benigno Dio.

Mirka


"La mer" (C.Debussy)






Le foto sono mie

20 commenti:

  1. Un magnifico post.Un mare di splendori...Musica che ordina il rivissuto di emozioni suscitate da te e non solo.Ricordo come amavi quel mare.E che dire di quello di Santa Maria di Leuca?...Quell'evento che ancora mi fa ridere tanto da stare male.Ti siamo vicini con affetto.Lilli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se gli "eventi" non sono mai unici,tutto ricordo del mare e il piacere suscitato da quell'infrangersi d'onde nascoste dietro qualche scoglio.Bacione a te LILLI carissima.Mirka

      Elimina
  2. Tu appartieni alla specie dei piccoli felini.Anzi dei piccoli grandi felini.Curiosissimi e incuranti dei rischi che esplorano da quelle curiosità.Se la cavano (sempre)per il solo fatto che non lasciano mai la loro strada.Il loro istinto formidabile.Però una differenza tra te e loro c'è.Tu ami il mare anche se dici che non sai nuotare,loro la terra ferma.
    Buon rilassamento e pensaci un poco.Un bacione.Carlotta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CARLOTTA sono una piccola felina anomala.Amo il mare e amo la terra ferma.l' uno alimenta la mia immaginazione,l'altro il concreto del mio corpo.Indivisibili entrambi e profondamente buoni amici,dolce CARLOTTA che abbraccio con un miaomiao.Mirka

      Elimina
  3. Per esplorare il fondale marino, portare a fondo dei progetti,o inoltrarsi nei labirinti dell'animo umano,è necessario,in primo luogo, avere l'interesse che ne ha formato l'intenzione,la forza di tutti i muscoli,la consapevolezza che si può fallire,l'allegria come scorta per sperare sempre e continuare la nuotata.Tutto questo,mi sembra,ci sia in te visto che ti sei procurata due conchiglie fossili,lo spirito de'avventura necessario quel tanto per affrontarne i rischi, per carpire il segreto di una "totalità" inqualificabile,certamente,ma che ha reso onore e merito alla libertà di scelta,che ti rappresenta riflessa in ogni colore di quel fondale accecante quanto incatturabile,ora sostanza reale di te.Ti abbraccio.Luciano V.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...E anche l'assoluta fedeltà a un'istinto ragionato,LUCIANO che con gioia gli rivolto l'abbraccio e lo spianato sorriso.Mirka

      Elimina
  4. Nell'uomo coesistono due forze uguali e in antitesi fra loro.Repulsione e attrazione.Tu hai voluto provarle entrambe per fartene una Ragione di unità fusa e insieme vaga.Come hai detto bene, usando l'immagine "dramma di colori". Distintamente visti solo dal lampo del tuo formidabile intuito.Bel post,Mirka.Ti abbraccio.N.Samale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero NIC, amo entrambi i gusti dolce-salato e spesso anche li mescolo con sottilissimo sadico piacere.Ciaociao e...abbracci fusi nel mentre si ride.Mirka

      Elimina
  5. Avere la capacità di comunicare coi colori del mare e farli vibrare,non è di tutti.Si diventa artefici di una creazione nuova.E ciò procura un'emozione come la prima volta di un parto laborioso e complesso.Siamo tutti colori indistinti e inqualificabili quando nasciamo.Assoli che si decifrano nell'istante stesso che si trasformano.E' questo è anche pura magia che, se incanta può anche sconcertare.
    Stasera proverò a rileggere questo post.Mi interessa.Ciao. Un bacio.Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma il mio mistero è chiuso proprio lì.Tra colori e suoni MARIA che incito a passareun buon sonno anzichè al lambicco di personali enigmi evanescenti.Bacio,Mirka

      Elimina
  6. Molto interessante e bellissima la musica.Quando capiterà,come m'auguro e spero, dialogheremo anche noi sul tenore di questo post, sempre che tu lo voglia e gradisca.Per ora ti lascio i miei vivissimi complimenti e un abbraccio.A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre con piacere A. che ringrazio nel mentre attendo il giusto dei tempi.Mirka

      Elimina
  7. A volte capita di rimescolare nel mare della nostra memoria per cercare un'indizio chiaro che ci riporti all'intenzione iniziale del primo viaggio senza l'ingombro dell'Io.
    Molto bello.Complimenti davvero.Cesare M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e all'"unità" del nostro bozzolo immerso nel trasparente informe e multiplo di echi.
      Modestamente e onorata ringrazio te.Mirka

      Elimina
  8. Quel mare sarà il tuo mezzo comunicativo tra le tue parti sconosciute portandole alla libertà di ciò che sei e ami.Ricettiva tu e perfettamente in sintonia con le instabili certezze di entrambi.In agguato "apparente" per portare alle morti e da loro far emergere le vite.Non si nasce forse così? Da ogni mare oscuro,imprevedibile,misterioso,avido di sapere cosa porterà l'ultima sua opera,dopo le tempeste.Post interessante e godibile...Grazia

    RispondiElimina
  9. Tutto deve risorgere,GRAZIA e per farlo tutto deve trasformarsi sino ad essere la semplice verità di un noi autenticamente piccolo nella sua consapevolezza grande.
    Infinitamente grazie,Mirka

    RispondiElimina
  10. Uno dei capolavori di Debussy e una grande opera di Mirka racchiusa in conchiglia affinchè non se ne disperdano gli echi.Complimenti sinceri.Antonio Fuiano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Debussy fu consolidato ampiamente nel suo tempo e sicuramente lo sarà anche nell'addivenire,dell'opera della sottoscritta la certezza sta solo negli echi di un presente forse segretamente custodito nel cuore.Ma ti ringrazio,ANTONIO mentre ti mando un grande abbraccio affettuoso.Mirka

      Elimina
  11. "Sole tubolare".Forte,forte davvero come immagine che da l'idea di come ci si può scottare.Però il piacere c'è stato e....suscitatore di meraviglie da cercare riparo nell'orecchio d'una conchiglia divenuta il grande orecchio del mare.Interessante e bello,questo post che rileggerò con più calma.Patricia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono sempre attenuta al "principio del piacere",PATRICIA cara,cosciente della sua presa quanto delle sue trappole seduttive.Dolori se non lo sai gestire con misura.Bacio,Mirka

      Elimina